Il ministro degli Esteri israeliano arriva in Egitto per colloqui su un cessate il fuoco permanente a Gaza | Notizie su Gaza

Nella prima visita del ministro degli Esteri israeliano in Egitto in 13 anni, i colloqui includono la ricostruzione del settore palestinese distrutto dopo 11 giorni di bombardamenti.

Il ministro degli Esteri israeliano Gabi Ashkenazi è arrivato domenica al Cairo per discutere con il suo omologo egiziano Sameh Shoukry di stabilire un “cessate il fuoco permanente” tra Israele e Hamas, il gruppo che governa la Striscia di Gaza assediata.

Ashkenazi ha twittato in arabo, inglese ed ebraico che il suo viaggio al Cairo è stata “la prima visita ufficiale del ministro degli esteri israeliano in 13 anni”.

Secondo il suo tweet, la visita arriva in risposta a un invito di Shukri Al-Masry.

“Discuteremo di stabilire un cessate il fuoco permanente con Hamas, un meccanismo per fornire aiuti umanitari e la ricostruzione di Gaza, con un ruolo centrale che deve essere svolto dalla comunità internazionale”, ha aggiunto.

Ha anche indicato che il suo governo è “pienamente impegnato” nel rimpatriare i prigionieri israeliani detenuti da Hamas.

L’Egitto ha svolto un ruolo fondamentale nell’intermediazione di un cessate il fuoco all’inizio di questo mese tra gli israeliani e Hamas, che ha posto fine a 11 giorni di bombardamenti.

Il recente attacco israeliano a Gaza, sotto stretto assedio dal 2007, ha ucciso 253 palestinesi, compresi 66 bambini.

READ  L'intera unità di controllo della folla del dipartimento di polizia di Portland si è dimessa dopo che un ufficiale è stato incriminato

Gli attacchi hanno distrutto 1.800 unità abitative e ne hanno parzialmente distrutto almeno altre 14.300, costringendo decine di migliaia di palestinesi a cercare rifugio nelle scuole gestite dalle Nazioni Unite.

L’attentato ha colpito anche circa 74 edifici pubblici, compresi i comuni locali, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Informazione di Gaza.

Gli alti funzionari della sicurezza egiziana hanno confermato domenica all’Agence France-Presse che anche il leader di Hamas Ismail Haniyeh si sarebbe recato al Cairo per discutere, ma non hanno fornito ulteriori dettagli.

Nel frattempo, il capo dell’intelligence egiziana, Abbas Kamel, dovrebbe arrivare in Israele e nei Territori palestinesi occupati, a capo di una delegazione di alto livello per la sicurezza.

“Presidente [Abdel Fattah] Al-Sisi ha ordinato al capo dell’intelligence generale di discutere con il primo ministro israeliano [Benjamin Netanyahu] E le parti interessate determineranno un cessate il fuoco permanente e gli ultimi sviluppi sul fronte palestinese.

I funzionari hanno detto che Sisi, che aveva ripristinato il ruolo del suo paese come peso massimo regionale, aveva anche incaricato Kamel di porre fine alle divisioni politiche tra i nemici di Hamas a Gaza e Fatah nella Cisgiordania occupata.

I palestinesi sono politicamente divisi tra Hamas e Fatah, ma gli analisti dicono che la recente escalation del conflitto israelo-palestinese ha portato all’unificazione della comunità palestinese geograficamente dispersa in un modo che non si vede da anni.

L’escalation è arrivata a seguito delle crescenti tensioni nella Gerusalemme est occupata a causa dei piani israeliani di espellere le famiglie palestinesi dal quartiere di Sheikh Jarrah e attaccare la moschea di Al-Aqsa.

Razzi e altri colpi di Gaza hanno ucciso 12 persone in Israele, inclusi due bambini.

READ  Il presidente israeliano chiede aiuto al leader dell'opposizione Lapid per formare un nuovo governo | Notizie di Benjamin Netanyahu

Al-Sisi ha promesso 500 milioni di dollari per aiutare con gli sforzi di ricostruzione nell’enclave densamente popolata e distrutta.

L’Egitto ha aiutato il blocco israeliano in corso a Gaza e ha mantenuto il valico di confine di Rafah in gran parte chiuso per quello che dice sia per motivi di sicurezza.

Il blocco di Gaza ha anche fermato il flusso di materiali da costruzione necessari per ricostruire gran parte delle infrastrutture della Striscia, che erano state danneggiate nelle precedenti campagne militari israeliane nel 2008, 2012 e 2014.

Questi materiali difficili da ottenere devono essere eliminati da strati di burocrazia.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x