Il ministro italiano afferma che la nazionalizzazione è un’opzione per la raffineria Lukoil

ROMA (Reuters) – Il ministro dell’Ambiente italiano di transizione ha dichiarato sabato che la nazionalizzazione è tra le opzioni per la raffineria italiana Lukoil, con sede in Sicilia.

Alla fine di maggio, i leader dell’Unione europea hanno concordato un divieto graduale, con alcune eccezioni, del greggio russo e il divieto delle importazioni via mare potrebbe avere gravi ripercussioni sulla raffineria.

“Ci sono diverse opzioni allo studio, una delle quali è qualcosa come la nazionalizzazione… l’altra è l’intervento di un acquirente esterno ad esempio”, ha detto il ministro Roberto Cingolani a un evento organizzato dal quotidiano Il Foglio, senza chiarire chi sia questo acquirente .

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La raffineria ISAB rappresenta circa il 20% della capacità di raffinazione italiana. Impiega circa 1.000 lavoratori e acquistava il 30-40% delle sue materie prime dalla Russia, il resto proveniente dai mercati internazionali.

Ma dall’invasione russa dell’Ucraina, ha dovuto ottenere quasi tutto il suo petrolio greggio da Lukoil perché le banche internazionali non gli forniscono più credito.

Ad aprile, fonti hanno detto a Reuters che la nazionalizzazione temporanea dell’ISAB era una delle opzioni che il governo stava valutando in caso di sanzioni sul petrolio russo. Leggi di più

Lukoil non ha risposto immediatamente a un’e-mail di richiesta di commento.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Angelo Amanti) Montaggio di Angus McSwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Xinhua: il G20 saluta la cultura come il principale motore della crescita economica sostenibile in un mondo post-epidemia

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x