Il premio Oscar Sorrentino in Italia non dice più Netflix – Life & Style

Cannes: Netflix ha già perso alcuni dei suoi registi già famosi, dopo che il premio Oscar Paolo Sorrentino ha dichiarato a Cannes martedì di aver finito di utilizzare le piattaforme di streaming.

“Forse perché sono vecchio, ma la cosa migliore per me è cercare di far accadere le cose sul grande schermo”, ha detto Sorrentino a un pubblico al Festival di Cannes.

Il regista de “La grande bellezza”, che ha vinto un Oscar in lingua straniera nel 2014, ha affermato che il “potere dell’immagine” può essere pienamente realizzato solo su un grande schermo.

“Con la serie TV, non è facile ricordare le belle immagini”, ha detto. “Non (guardo) film realizzati per TV o piattaforme perché non riesco a trovare quello che sto cercando”.

Sorrentino è uno dei tanti autori famosi, tra cui Martin Scorsese e Jane Campion, che hanno attinto alle tasche profonde di Netflix negli ultimi anni.

Netflix va a “Tollywood” e oltre per la tanto attesa crescita indiana

Ha diretto la serie TV “The Young Pope” per la piattaforma, così come il film autobiografico dell’anno scorso “The Hand of God”.

“Il film che ho fatto per Netflix era buono per Netflix, ma non è qualcosa (voglio) che accada di nuovo”, ha detto.

Ha aggiunto che l’afflusso di denaro facile era in realtà un problema.

“Per molti registi, c’era un’overdose di opportunità per fare cose: film e serie TV. Abbiamo iniziato a essere troppo frettolosi”, ha detto Sorrentino.

“Un buon film richiede tempo. Era una falsa opportunità. È importante tornare al passato”.

Netflix pagherà 59 milioni di dollari per risolvere una controversia fiscale italiana

READ  Ue approva 191,5 miliardi di euro di recovery fund per l'Italia

Netflix ha annunciato all’inizio di quest’anno che stava perdendo abbonati per la prima volta in un decennio e la scorsa settimana ha ridimensionato il suo personale.

L’opinione di Sorrentino sarà musica nelle orecchie degli organizzatori di Cannes, che hanno vietato a Netflix e ad altri operatori di partecipare al festival perché non danno abbastanza tempo ai loro film nelle sale.

Il regista 51enne si è detto ottimista sul futuro dei cinema.

“Ad un certo punto, le persone si stancheranno di guardare i film a casa”, ha detto.

Ha anche criticato le piattaforme per non aver utilizzato i loro soldi per finanziare nuovi voti.

“Rispetto a quanti soldi hanno le piattaforme, non le vedo mai investire soldi in giovani registi e potrebbero”.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x