Il presidente cubano compie proficue visite in Italia e in Vaticano

Il presidente cubano compie proficue visite in Italia e in Vaticano

Di Oscar Redondo

Prensa Latina è una corrispondente senior in Italia

Dal suo arrivo all’aeroporto Leonardo da Vinci di Roma (Fiumicino) alle 14:10 locali di quel giorno, il presidente cubano ha portato a termine un’intensa agenda di lavoro che ha compreso anche un incontro con Qu Dongyu, direttore generale delle Nazioni Unite. Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Diaz-Canel ha incontrato anche imprenditori italiani nel pomeriggio del 20 giugno e ha concluso la sua visita con un emozionante incontro con membri di gruppi di solidarietà, cubani residenti in Italia e funzionari dell’Ambasciata cubana a Roma.

La delegazione cubana comprendeva anche il Ministro degli Esteri Bruno Parrilla, il Primo Vice Ministro del Commercio Estero e degli Investimenti Esteri Ana Teresita Gonzalez e il Capo del Dipartimento per gli Affari Religiosi del Comitato Centrale del Partito Comunista Cubano Caridad Diego.

Altri membri della delegazione erano i Vice Ministri degli Esteri Anayansi Rodriguez, Carlos Fernandez de Cossio ed Elio Rodriguez, nonché il Direttore del Dipartimento per l’Europa e il Canada presso la Farnesina, Gisela García, e gli Ambasciatori in Italia e in Santa Sede, Mirta Granda e Reni. Mujica, rispettivamente.

L’incontro privato con il Pontefice è iniziato alle 10:00 ora locale, il 20 giugno, nell’Aula Paolo VI in Vaticano, lo stesso luogo in cui Francesco ha ricevuto l’allora presidente cubano Raul Castro nel maggio 2015.

“È stata una conversazione franca”, ha scritto in seguito Diaz-Canel in un messaggio su Twitter, aggiungendo: “Sottolineiamo le ampie coincidenze su questioni urgenti nell’agenda internazionale dell’umanità”, così come “l’attuale realtà cubana, in particolare la grave impatto dell’intenso embargo economico imposto dagli Stati Uniti ai Nostri residenti.

READ  Gli esperti del Fondo Monetario Internazionale concludono la loro visita a San Marino

Apprezzo la sua espressione di vicinanza e incoraggiamento a favore del nostro Paese”, ha twittato il presidente, che ha espresso a Papa Francesco la volontà di “continuare a rafforzare i rapporti tra i due Paesi”.

In dono “a nome del popolo di Cuba, il Santo Padre ha presentato due testi dei poeti Cintio Vitierre e Vina Garcia Maroz, sposati, cattolici impegnati e figure fondatrici della migliore tradizione dell’intellighenzia cubana, nonché una scultura intitolata “Il lettore” realizzato da Miguel Ángel Martínez.

Papa Francesco ha donato al capo dello Stato cubano una colomba di bronzo che porta un ramoscello d’ulivo, su cui era scritto “Siate messaggeri di pace”, oltre al libro Statu Orbis del 27 marzo 2020, e al messaggio per la pace di quest’anno.

Dopo l’incontro con il Papa, Diaz-Canel ha incontrato al Ministro degli Esteri il cardinale Pietro Parolin, e “abbiamo convenuto di evidenziare in modo soddisfacente il positivo sviluppo delle relazioni tra Cuba e la Santa Sede” e “abbiamo ratificato la volontà di continuare a rafforzarli”, ha confermato il leader cubano in un altro tweet.

Nel pomeriggio di martedì, il Presidente ha avuto un pranzo di lavoro con i rappresentanti della comunità imprenditoriale italiana che, a quanto ha detto, “non si sono fermati e hanno mantenuto la cooperazione e gli scambi con Cuba”, continuando a partecipare ai principali programmi, a un ritmo molto momento importante per le relazioni economiche e commerciali.

Diaz-Canel ha sottolineato la volontà dell’Italia di considerare Cuba come un Paese prioritario per la cooperazione e “sappiamo delle condizioni nelle quali ha mantenuto saldamente i rapporti con Cuba, che è più attaccata, più embargata, con l’inasprimento del blocco”, ha riconosciuto .

READ  "Rispetta sempre le regole di sicurezza" - La Ferrari ha smesso di usare U-Mask dopo che l'Italia lo ha vietato

Diaz-Canel ha anche valutato il buon funzionamento del Comitato Bilaterale d’Affari e del Comitato Investimenti Italo-Cubano, e ha parlato dell’attuale politica economica di Cuba per incoraggiare gli investimenti stranieri, attraverso misure come l’apertura del suo commercio all’ingrosso e al dettaglio.

Ha informato che il primo lavoro di questo tipo sarà con la società italiana Pharmafinda, e ha indicato che ci sono cinquanta rappresentanze commerciali dell’Italia a Cuba, e lo sviluppo di diverse imprese nella Zona di Sviluppo Speciale Mariel (ZEDM).

Nel pomeriggio del 20 giugno si è svolto al Quirinale l’incontro tra Diaz-Canel e il suo omologo italiano, Sergio Mattarella, durante il quale i due leader hanno ribadito la volontà di sviluppare ulteriormente le relazioni bilaterali nelle aree di reciproco interesse.

In particolare sono state valutate le relazioni economiche e commerciali, nonché la cooperazione nei campi della cultura, della sanità e in altri settori, ed è stata ratificata la comune volontà di continuare a consolidare gli storici rapporti instaurati 120 anni fa, il 4 febbraio 1903.

Nell’incontro con Mattarella, Diaz-Canel ha riconosciuto l’importanza e il valore che Cuba attribuisce alla posizione storica dell’Italia contro l’embargo economico, commerciale e finanziario imposto dal governo degli Stati Uniti al suo Paese.

Il contatto con il Presidente italiano è stato seguito da un incontro con Qu Dongyu, presso la sede della FAO, al quale Díaz-Canel ha espresso la sua “eterna gratitudine per il sostegno incondizionato e costante di Cuba” e ha elogiato l’attuazione della sovranità alimentare nazionale e l’educazione alimentare. Pianifica con l’aiuto di quell’agenzia delle Nazioni Unite.

“Abbiamo anche lavorato per sviluppare un’agricoltura sostenibile e sistemi di produzione alimentare” nelle attuali condizioni di Cuba, a causa del blocco statunitense.

READ  Martin respinge l'italiano infortunato per assicurarsi una doppietta nel GP di San Marino

“La FAO può sempre contare sull’appoggio del nostro Paese”, ha scritto il presidente cubano nel libro dei visitatori al termine dell’incontro.

Poche ore prima di lasciare l’Italia per la Serbia, alle 18 locali del 20 giugno, il Presidente ha avuto un emozionante incontro con i diplomatici cubani, oltre che con i suoi connazionali qui residenti e membri dei gruppi di amicizia, che ha ringraziato. Il loro sostegno e solidarietà per il suo paese.

Diaz-Canel ha concluso la prima tappa del suo tour europeo, che comprende anche la Francia, dove, in qualità di Presidente del Gruppo dei 77 + Cina, parteciperà al “New Global Financial Compact Summit”, che si terrà a Parigi, nel mese di giugno. 22 e 23.

jg / arco / ort

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x