Il presidente della FIFA Infantino condanna il razzismo “abominevole” durante le partite di Italia e Inghilterra

Il presidente della FIFA Infantino condanna il razzismo “abominevole” durante le partite di Italia e Inghilterra

Foto d'archivio di Gianni Infantino

Il presidente della FIFA Gianni Infantino ha chiesto il divieto globale dei tifosi negli stadi e la “confisca automatica” delle squadre i cui tifosi indirizzano abusi “abominevoli” in seguito agli incidenti razzisti avvenuti sabato in Italia e Inghilterra. Il presidente della FIFA ha affermato che non c’è spazio per discriminazioni di alcun tipo nel calcio e nella società in generale. “Gli eventi accaduti sabato a Udine e Sheffield sono del tutto ripugnanti e del tutto inaccettabili”, ha affermato in una nota.

“I giocatori colpiti dagli eventi di sabato hanno il mio pieno sostegno”.

I tifosi hanno rivolto canti scimmieschi al portiere dell'AC Milan e della Francia Mike Maignan durante l'emozionante vittoria per 3-2 del Milan sull'Udinese, con la partita temporaneamente sospesa.

Il centrocampista del Coventry Casey Palmer ha accusato i tifosi dello Sheffield Wednesday di avergli fatto lo stesso durante la partita del campionato inglese, vinta dalla sua squadra 2-1.

“Abbiamo bisogno che tutte le parti interessate agiscano, a partire dall’istruzione nelle scuole, in modo che le generazioni future comprendano che questa non fa parte del calcio o della società”, ha affermato Infantino.

“Oltre al processo in tre fasi (interrompere la partita, ripetere la partita, annullare la partita), dovremmo implementare la confisca automatica della squadra i cui tifosi hanno commesso atti di razzismo e causato l'abbandono della partita, nonché i divieti negli stadi in tutto il mondo E accuse penali per i razzisti.

“La FIFA e il calcio mostrano la loro piena solidarietà con le vittime del razzismo e di ogni forma di discriminazione. Una volta per tutte: No al razzismo! No a qualsiasi forma di discriminazione!”

READ  Svelate le qualificazioni agli Europei 2024

Nell'Udinese, l'arbitro Fabio Maresca interrompe il gioco nel primo tempo e un Mignan arrabbiato irrompe nel tunnel dello stadio con i suoi compagni di squadra.

“Sono persone ignoranti – ha detto Minyan a Sky Sports -. Puoi essere fischiato o fischiato quando sei lontano da casa, è normale, ma quello che è successo oggi non ha posto nel calcio”.

Il gioco è ripreso circa cinque minuti dopo.

L'Italia, un paese governato da una coalizione guidata dal partito di estrema destra Fratelli d'Italia, è piena di gruppi di tifosi fascisti, soprattutto tra gli “ultras” intransigenti che creano gran parte dell'atmosfera negli stadi.

La scorsa settimana, la Lazio è stata costretta a chiudere il proprio stadio per una partita dopo che i suoi tifosi hanno rivolto canti scimmieschi a Romelu Lukaku durante la vittoria della propria squadra sulla rivale locale della Roma in Coppa Italia.

A Sheffield, Palmer ha descritto l'abuso come “ripugnante e del tutto inaccettabile”, con la partita temporaneamente interrotta mentre l'arbitro parlava con entrambi gli allenatori sulla linea laterale.

Lo Sheffield Wednesday ha dichiarato in un comunicato di essere “scioccato e rattristato dal gesto razzista riportato dal giocatore degli Sky Blues Casey Palmer dagli spalti”.

Entrambi i club condannano fermamente qualsiasi forma di discriminazione e abuso e sottolineano che non c'è posto per questo tipo di comportamento nel calcio e nella nostra società in generale.

“Lavoreremo con le autorità competenti e chiunque venga ritenuto colpevole dovrà affrontare le sanzioni più dure possibili da parte di Sheffield Wednesday e della legge”.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è generata automaticamente da un feed distribuito.)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x