Il razzamatazz della F1 può dividere l’opinione dei fan, ma le aziende americane lo adorano

Il razzamatazz della F1 può dividere l’opinione dei fan, ma le aziende americane lo adorano

I fan della Formula 1 rimangono divisi sull’americanizzazione delle corse del Gran Premio, incluso razzamatazz per il suo nuovo display pre-gara.

Mentre ad alcuni piace il modo in cui la serie sta cercando di aprire le sue porte a nuovi follower, altri non sono contenti di questa tendenza. Sentono che c’è il rischio che i boss del campionato trascurino la qualità delle corse, che è fondamentale per mantenere l’interesse dei fan più accaniti.

Ma mentre un consenso su questo fronte potrebbe non essere raggiunto per un po’, una cosa è diventata chiarissima negli ultimi mesi: il business americano è innamorato della F1 in questo momento.

Un recente rapporto della società di analisi degli sponsor di Formula 1 Spomotion Analytics ha rivelato che, in percentuale, più aziende statunitensi partecipano alle gare del Gran Premio che mai.

La stagione 2022 ha segnato la prima volta che la F1 ha avuto un totale di oltre 100 aziende americane nella sua lista di sponsor lungo la catena cinematica. È più del doppio dei 44 condivisi quando Liberty Media è subentrata come proprietaria della F1 nel 2017.

Tuttavia, il numero è leggermente diminuito durante l’inverno, poiché alcune partnership non sono state rinnovate. Tuttavia, dall’inizio dell’anno 98 nel 2023, un accordo tra la Ferrari e la società tecnologica americana DXC Technology, annunciato poco prima del GP di Miami, significa che il numero è tornato a 105. Inoltre, con il GP di Las Vegas in calendario entro la fine dell’anno, ci si può aspettare che aderiscano più aziende.

Mentre il numero a tre cifre delle società statunitensi è interessante di per sé, ciò che è più importante è come si è spostato l’equilibrio di potere tra America ed Europa. Quella cifra di 105 è significativa, perché significa che ora ci sono più sponsor e partner dagli Stati Uniti che dai principali mercati europei.

READ  Pirelli ha proposto l'italiano Giorgio Luca Bruno per la carica di vice presidente esecutivo

Sergio Pérez, Red Bull Racing RB19

Fotografia: Jake Grant/ Foto di sport motoristici

Come ha affermato Bjorn Steinbacka di Spomotion Analytics: “Il fatto è che l’equilibrio tra gli Stati Uniti e i cinque principali mercati europei: Regno Unito, Italia, Svizzera, Germania e Francia è cambiato. Ci sono 104 team e partner ufficiali nella serie dal Regno Unito , Italia, Svizzera, Germania e Francia, il che significa che la bilancia è già rivolta agli Stati Uniti.

Mentre i sostenitori americani hanno raggiunto il picco, il numero di partner europei è diminuito.
La Germania ha perso la partecipazione di sei società dall’anno scorso fino ad allora, tre delle quali sono legate alla partenza di Mick Schumacher.

In termini di dove gli sponsor americani hanno trovato casa in Formula 1, la McLaren occupa il primo posto, con 25 del suo portafoglio di partner provenienti dall’America. Red Bull sta facendo passi da gigante anche nel paese, raddoppiando il numero dei suoi partner negli Stati Uniti a 18 in soli due anni.

Il valore che la F1 attribuisce al grande business americano è stato dimostrato a Miami lo scorso fine settimana quando l’onore di sventolare la bandiera a scacchi non è stato conferito a una celebrità ma al capo dell’Hard Rock Jim Allen. La sua società di intrattenimento e stile di vita è coinvolta nella F1 attraverso la sponsorizzazione della Red Bull, oltre ad essere partner dell’Hard Rock Course di Miami e del nuovo GP di Las Vegas.

Lo stesso Allen ha detto a Motorsport.com che la Formula 1 è cambiata negli Stati Uniti. Parlando del successo di eventi come il GP di Miami, ha detto: “Rispettiamo molto Indy[Car] E NASCAR, ma ovviamente è solo un livello completamente diverso. Siamo davvero orgogliosi di essere coinvolti”.

READ  L'italiano Draghi ringrazia il Giappone per aver reindirizzato le spedizioni di gas verso l'Europa

Ha aggiunto: “Penso che quando hai grandi città come Miami, come Las Vegas, che sono destinazioni internazionali, penso che questa sia la formula per il successo. Spero che non diluiscano il prodotto negli Stati Uniti, perché ci sono così tante grandi città ecco che potrebbe davvero trarne beneficio.” .

I fan guardano sotto le coperte dell’Hard Rock Stadium

Fotografia: Mark Sutton / Foto di sport motoristici

Mentre la F1 fa del suo meglio per orientarsi tra la felicità dei fan occasionali e quelli più accaniti, Allen afferma che ciò che è cruciale per le aziende come lui è la componente di intrattenimento.

“In ogni evento sportivo, mentre c’è l’atto dello sport stesso e della competizione, penso che tu abbia bisogno del fattore intrattenimento”, ha detto. “Onestamente, quando abbiamo collaborato con Stephen Ross, per l’Hard Rock Stadium, questo era il discorso. Non vogliamo essere solo calcio, vogliamo essere una destinazione di intrattenimento. Ecco perché siamo così onorati che io e Stephen fossimo in grado di lavorare sulla partnership”. Abbiamo di tutto, dal calcio ai concerti, dal tennis alle corse di Formula 1, quindi è molto eccitante. È davvero una grande partnership”.

I numeri indicano ciò che dice Allen: l’interesse delle imprese americane per ciò che la F1 ha da offrire è ora a un livello mai visto prima.

Leggi anche:

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x