Il re Abdullah di Giordania afferma di sopprimere la sedizione | Notizie di politica

Il re di Giordania Abdullah ha affrontato per la prima volta la rara discordia pubblica all’interno della famiglia reale, dicendo che la “discordia” che gli aveva causato “dolore e rabbia” era stata sepolta.

Mercoledì, in una dichiarazione trasmessa alla nazione, il monarca giordano ha affrontato la peggiore crisi politica in Giordania da decenni, innescata da una presunta cospirazione legata al suo fratellastro, il principe Hamzah.

La crisi è scoppiata nella famiglia reale durante il fine settimana, quando il capo di stato maggiore dell’esercito giordano ha visitato il principe Hamzah e lo ha avvertito di non partecipare alle riunioni con i critici del governo. Le cose si sono rapidamente aggravate, poiché Hamza ha accusato l’establishment della sicurezza di minacciarlo e ha ordinato al generale di lasciare la sua casa.

L’ex principe ereditario ha detto di essere stato successivamente tenuto agli arresti domiciliari e che le autorità hanno arrestato altri 18, tra cui ex alti funzionari.

Il governo ha accusato Hamzah di far parte di un “complotto malizioso” per destabilizzare il paese con il sostegno esterno, ma il giorno successivo, ha detto che la famiglia reale ha risolto la controversia.

Cosa ha detto il re?

Re Abdullah ha detto nel discorso trasmesso dalla televisione di stato: “Le assicuro che la sedizione è stata eliminata nella sua culla”.

Ha aggiunto: “Niente si avvicina a quello che ho provato – shock, dolore e rabbia – come fratello e guardiano della famiglia hashemita e leader di questo caro popolo”.

Il re ha continuato, dicendo che la Giordania è abituata ad affrontare le sfide e vincerle.

READ  Khamenei rimprovera il ministro degli esteri iraniano per la perdita di audio | Notizie dell'assassinio di Soleimani

“Nel corso della nostra storia, abbiamo trionfato su tutti gli obiettivi che hanno cercato di minare la patria, e ne siamo usciti più forti e più uniti”, ha detto.

“La sfida dei giorni scorsi non è stata la più pericolosa per la stabilità del Paese, ma per me è stata la più dolorosa.

Il re ha aggiunto: “Hamza è oggi con la sua famiglia nel suo palazzo, sotto la mia protezione”.

“Mi sono già impegnato [Hashemite] La sua famiglia deve seguire le orme dei suoi genitori e nonni, essere fedele alla loro missione e mettere l’interesse della Giordania, la sua costituzione e le sue leggi al di sopra di ogni altra considerazione.

Abdullah ha detto che le indagini saranno condotte secondo la legge e che i prossimi passi saranno governati dagli “interessi della patria e del nostro popolo sincero”.

Sfide economiche e politiche

Il palazzo aveva già insistito sul fatto che la disputa era stata risolta all’interno della famiglia, ma che sfide significative si profilavano per la monarchia alleata con l’Occidente che era stata a lungo considerata un pilastro chiave della stabilità regionale.

I paesi arabi e gli Stati Uniti si sono affrettati a esprimere il loro sostegno al re Abdullah.

Mercoledì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato con il re Abdullah e ha discusso dei forti legami bilaterali tra i due paesi.

Il presidente ha detto di non essere preoccupato per la situazione in Giordania.

“L’ho già chiamato [King Abdullah] Per dirgli che ha un fidanzato in America. Ha detto Biden.

Ma il sostegno internazionale ha fatto poco per mascherare i problemi interni che l’Oman deve affrontare.

READ  Il Giappone e gli Stati Uniti estendono il loro accordo sui pagamenti delle basi militari | Donald Trump News

Non si sa dove si trovi il principe Hamzah e non vi è alcuna indicazione che le autorità abbiano rilasciato gli altri 18 detenuti, compresi i membri di una delle potenti tribù che storicamente hanno sostenuto la monarchia.

Nel frattempo, le autorità hanno imposto un ordine generale di bavaglio sulla denuncia del presunto complotto, a indicare la sensibilità del modo in cui viene percepito il conflitto.

Mercoledì un’importante società di servizi Internet è rimasta ferma per diverse ore e i residenti nella capitale, Amman, hanno riferito di aver visto aerei ed elicotteri militari durante la notte.

“Le persone non sono sicure di cosa gli stia succedendo”, ha detto un 28enne residente su una linea Internet sicura, che ha parlato in condizione di anonimato a causa del divieto dei media. “Questo è terrificante.”

La Giordania soffriva già di una crisi economica aggravata dalla pandemia di coronavirus, con una persona su quattro disoccupata. Vecchie denunce di corruzione e cattiva governance hanno portato a proteste sporadiche negli ultimi mesi.

Nel frattempo, il panorama strategico della regione sta cambiando mentre i potenti stati del Golfo cercano legami più stretti con Israele, il che potrebbe minare il ruolo della Giordania nel cosiddetto “processo di pace in Medio Oriente”.

“La disputa con il principe Hamzah mostra che il regno non può più utilizzare la sua posizione internazionale come mediatore nei conflitti regionali e come baluardo di sicurezza per l’Occidente senza affrontare le crescenti sfide economiche e politiche interne”, ha detto Taqa Nuseirat, un esperto di Atlantico. tavola.

Ha aggiunto: “I giordani esprimono costantemente le loro preoccupazioni per la direzione del paese, comprese le proteste pubbliche”.

READ  Tempo a Edmonton il 10 maggio: una settimana calda con una buona quantità di sole

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x