Il Sudafrica festeggia 30 anni di apartheid

Il Sudafrica festeggia 30 anni di apartheid

Pretoria, Sudafrica –

Il Sudafrica ha celebrato il 30° anniversario della fine dell'apartheid e della nascita della democrazia, con una cerimonia tenutasi sabato nella capitale, che comprendeva 21 colpi di cannone e lo sventolamento della bandiera multicolore del paese.

Ma ogni senso di celebrazione di questo importante anniversario è stato smentito dal crescente malcontento nei confronti dell’attuale governo.

Il presidente Cyril Ramaphosa ha presieduto l'incontro in un'enorme tenda bianca nei giardini degli edifici governativi di Pretoria in qualità di capo di stato.

Ha parlato anche come leader dell'African National Congress, a cui è stato ampiamente riconosciuto il merito di aver liberato la maggioranza nera del Sud Africa da un sistema di oppressione razziale che aveva reso il paese un paria per quasi mezzo secolo.

L’ANC è al potere dalle prime elezioni democratiche multirazziali del 27 aprile 1994, un voto che pose ufficialmente fine al regime di apartheid.

Ma la festività del Freedom Day che cade in quel giorno avviene in un contesto toccante: analisti e sondaggisti prevedono che il calo di popolarità del partito un tempo guidato da Nelson Mandela probabilmente gli farà perdere la maggioranza parlamentare per la prima volta come nuovo partito. generazione di sudafricani. Fate sentire la loro voce il mese prossimo in quelle che potrebbero essere le elezioni più importanti dal 1994.

“Pochi giorni nella vita della nostra nazione possono essere paragonati a quel giorno in cui è nata la libertà”, ha detto Ramaphosa in un discorso incentrato sulla nostalgia per il 1994, quando ai neri fu permesso di votare per la prima volta. Salendo al potere, Mandela divenne il primo presidente nero del paese. Il Sudafrica è cambiato per sempre. Ciò ha segnato un nuovo capitolo nella storia della nostra nazione, un momento che ha avuto risonanza in tutta l’Africa e in tutto il mondo.

READ  Autista disabile in Texas colpisce un carrello da golf, uccidendo 4 persone: la polizia

“Quel giorno, la dignità è stata restituita a tutto il popolo del Sud Africa”, ha detto Ramaphosa.

Il presidente, in piedi davanti a uno striscione con la parola “Libertà”, ha riconosciuto i maggiori problemi che il Sudafrica deve ancora affrontare tre decenni dopo: povertà estrema e disuguaglianza, questioni che saranno di nuovo centrali quando milioni di persone voteranno il 29 maggio. Ramaphosa ha ammesso che ci sono stati dei “contrattempi”.

Le elezioni del 1994 hanno cambiato il Sudafrica da un paese in cui ai neri e ad altre persone non bianche venivano negate la maggior parte delle libertà fondamentali, non solo il diritto di voto. Le leggi controllavano dove vivevano, dove potevano andare in un dato giorno e quali lavori potevano trovare. Dopo la caduta dell’apartheid, fu adottata una costituzione che garantiva i diritti di tutti i cittadini sudafricani indipendentemente dalla loro razza, religione, genere o orientamento sessuale.

Ma ciò non ha migliorato significativamente la vita di milioni di persone, poiché la maggioranza nera del Sudafrica, che costituisce oltre l’80% della popolazione di 62 milioni di abitanti, è ancora fortemente colpita dalla povertà estrema.

Il tasso di disoccupazione ufficiale è del 32%, il più alto del mondo, e supera il 60% tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni. Più di 16 milioni di sudafricani – il 25% della popolazione del paese – dipendono dall’assistenza sociale mensile. Concesso per sopravvivere.

Secondo la Banca Mondiale, il Sudafrica rimane il paese con le maggiori disuguaglianze al mondo in termini di distribuzione della ricchezza, dove la razza rappresenta un fattore importante.

READ  Cheney: Non permetteremo a Trump di trasformare la testimonianza in un circo

Anche se riparare ai danni causati dall'apartheid rimane difficile, l'ANC viene sempre più ritenuto responsabile degli attuali problemi del Sudafrica.

Nella settimana precedente l’anniversario, a innumerevoli sudafricani è stato chiesto cosa significassero per loro trent’anni di libertà dall’apartheid. La risposta prevalente è stata che, sebbene il 1994 sia stato un momento storico, ora è stato messo in ombra dalla disoccupazione, dalla criminalità violenta, dalla corruzione e dal quasi collasso dei servizi di base come l’elettricità e l’acqua che affliggeranno il Sudafrica nel 2024.

È anche toccante che molti sudafricani che non hanno mai vissuto l’apartheid, definiti “nati liberi”, siano ora maggiorenni per votare.

Fuori dalla tenda dove Ramaphosa ha parlato con dignitari e politici, un gruppo di giovani sudafricani neri nati dopo il 1994 che sostengono un nuovo partito politico chiamato Rise Mzansi indossavano magliette con la scritta “2024 è il nostro 1994”. Il loro messaggio era che stavano guardando oltre l'ANC e verso un altro cambiamento per il loro futuro nelle elezioni del mese prossimo.

“Non sanno cosa è successo prima del 1994. Non lo sanno”, ha detto Seth Mazibuko, uno dei principali sostenitori di Mzansi Rise e noto attivista anti-apartheid negli anni '70.

“Concordiamo che abbiamo sbagliato”, ha detto Mazibuko riferendosi agli ultimi 30 anni, che hanno lasciato i giovani alle sue spalle direttamente colpiti dal secondo peggior tasso di disoccupazione giovanile nel mondo dopo Gibuti.

Ha aggiunto: “C’è una nuova opportunità nelle elezioni del mese prossimo”.


Gerald Imray ha riferito da Città del Capo.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x