Il Vaticano rinuncia alla sua offerta per acquistare l’Italia in un equo processo di estradizione

Lunedì il Vaticano ha improvvisamente lasciato cadere una richiesta di estradizione per una donna italiana ricercata con accuse relative a appropriazione indebita in un caso impostato per verificare se l’Italia considera il Vaticano un paese in cui qualcuno potrebbe ottenere un giusto processo.

All’udienza del tribunale di Milano, il Vaticano ha affermato di non voler più trattenere Cecilia Marojna, e ha quindi rimosso ogni motivo per procedere con una valutazione della sua estradizione. Una dichiarazione rilasciata dal tribunale vaticano affermava che la sua decisione le avrebbe consentito di partecipare liberamente a un processo “imminente” nello Stato.

Tuttavia, la manovra sembrava essere finalizzata più a scongiurare l’imbarazzante spettro che il tribunale di Milano potrebbe pronunciarsi contro i pm vaticani, vista l’assenza di un trattato di estradizione tra i due Paesi. Gli avvocati di Marojna avrebbero anche potuto sostenere che senza un simile trattato, la legge italiana vieta l’invio di cittadini in un paese in cui il loro “diritto fondamentale” a un processo equo non è garantito.

Due tribunali italiani si erano già pronunciati contro i pubblici ministeri vaticani nel caso Marojna e un’indagine più ampia sulla corruzione in Vaticano ha rivelato come il sistema giudiziario vaticano non sia conforme agli standard europei.

Gli avvocati italiani che hanno difeso i loro clienti dinanzi al tribunale vaticano affermano che le sue procedure sono obsolete e non prevedono diritti adeguati per gli imputati e sono soggetti ad ingerenze arbitrarie del Papa, che, in qualità di monarca assoluto, esercita poteri legislativi, esecutivi e giudiziari esclusivi.

Nella più ampia indagine sulla corruzione, ad esempio, Papa Francesco ha autorizzato una misura che impedisce a un giudice indipendente di sovrintendere ai pubblici ministeri durante la fase delle indagini. Non vi è inoltre alcuna possibilità per la difesa di contestare le testimonianze ottenute durante le indagini o le prove sequestrate durante le ispezioni, come richiesto in Italia.

READ  Cosa stiamo vedendo: sopravvivono le proteste tunisine, Navalny contro Putin, il governo italiano

“Qualsiasi elemento che la procura ha ottenuto durante le indagini preliminari costituisce una prova” da utilizzare nel processo, ha detto Laura Sgro, che ha difeso i suoi clienti davanti al tribunale ma non è coinvolta nel caso. “È molto dannoso per la difesa”.

I pubblici ministeri vaticani insistono che i diritti degli accusati siano salvaguardati e che il Papa ha dovuto ordinare “rituali urgenti” in questo caso a causa di una tecnica dovuta alla vecchia legge utilizzata.

Nel sotto-caso relativo all’estradizione, i pubblici ministeri vaticani hanno accusato Marujna di appropriazione indebita e appropriazione indebita di fondi della Santa Sede. Dicono che la Segreteria di Stato del Vaticano abbia pagato loro almeno 575.000 euro nel periodo 2018-2019 per aiutare a liberare gli ostaggi cattolici, ma il denaro è stato invece utilizzato per acquistare Prada, Chanel e altri beni di lusso.

Marojna ha detto ai media italiani che il denaro trasferito alla società slovena Logsic era per il risarcimento e il risarcimento delle spese sostenute durante il suo lavoro di sicurezza per la Santa Sede. Ha riconosciuto, tuttavia, che alcuni degli acquisti, come la valigetta dello stilista, erano “forse alla moglie di un amico nigeriano che era in grado di parlare con il presidente del Burkina Faso”.

La polizia italiana ha arrestato Marujna a Milano il 13 ottobre, sulla base di un mandato internazionale emesso dal Vaticano tramite Interpol. È stata incarcerata per due settimane prima che un tribunale italiano ne ordinasse il rilascio. Recentemente, la Corte di Cassazione, la più alta corte italiana, ha dichiarato che non avrebbe mai dovuto essere arrestata prima che il tribunale valutasse la sua possibilità di estradizione.

READ  Ecco cosa succede se non accetti la nuova politica sulla privacy di WhatsApp

Tuttavia, la sentenza di cassazione non è stata il primo colpo per i pubblici ministeri vaticani. Recentemente, un tribunale di Roma ha dichiarato illegale un ordine del Vaticano di perquisire un appartamento a Roma poiché i procuratori vaticani hanno aggirato i passaggi richiesti.

La Corte del riesame ha rilevato che i pubblici ministeri vaticani avevano aggirato il Ministero della Giustizia italiano nel modificare il mandato di perquisizione, inviando un’e-mail ai pubblici ministeri italiani chiedendo direttamente alla polizia italiana di confiscare denaro, monete d’oro e altri beni dalla casa di Onofrio Terabacy, padre di uno dei sospettati. Nell’inchiesta vaticana. Il padre non è un sospetto.

Il tribunale del riesame ha dichiarato la richiesta di sequestro “invalida e fondamentalmente illegale” perché ha privato il ministero della Giustizia della possibilità di valutarla e ha ordinato la restituzione del denaro al padre.

Il ministero della Giustizia italiano ha rifiutato di commentare.

L’inchiesta Marojna è il risultato della principale indagine del Vaticano sullo State Investment Trust di 350 milioni di euro in un progetto immobiliare a Londra, parte del quale è stato finanziato dalle donazioni del Papa da parte dei fedeli.

Il caso Marojna contiene altre decisioni discutibili della Segreteria dei funzionari di Stato. Marojna ha detto di aver chiamato la scrivania in quel momento. 2, il cardinale Angelo Picchio, nel 2015 preoccupato per la sicurezza delle ambasciate vaticane negli hotspot, ed è stato presto portato nella cerchia ristretta di Becciu.

Secondo gli sms riportati dalla procura vaticana nella richiesta di estradizione, il 20 dicembre 2018 Becciu ha permesso a uno dei suoi ex deputati di contattare Marogna Logsic per 75mila euro “perché sembra che qualcosa stia iniziando a muoversi” nel caso di una suora colombiana rapita. Un’altra lettera affermava che lo stesso Papa conosceva lo sviluppo e voleva che tutto rimanesse “nel più stretto segreto”. Altri quattro pagamenti sono stati effettuati a Logsic da gennaio a luglio 2019.

READ  Lotteria delle ricevute: quando partiamo?

Francis Picchio è stato licenziato il 24 settembre per quelle che Pescio ha definito accuse di appropriazione indebita non correlate, che ha negato. Becciu ha detto che tutti i suoi rapporti con Marogna erano “esclusivi di questioni aziendali”.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x