Il video mostra la spazzatura spaziale della Stazione Spaziale Internazionale che si schianta contro una casa in Florida

Il video mostra la spazzatura spaziale della Stazione Spaziale Internazionale che si schianta contro una casa in Florida

Nessuno è stato più sorpreso dalla vista della spazzatura spaziale nella sua casa di Alejandro Otero, residente in Florida, che attualmente sta affrontando i danni causati da un pezzo di hardware di quasi 2 libbre proveniente dallo spazio.

La NASA ha confermato all'inizio di questa settimana che l'hardware delle batterie all'idruro di nichel, che hanno colpito il tetto e due piani di Otero, proveniva dalla Stazione Spaziale Internazionale, secondo quanto riportato in precedenza da USA TODAY.

I controllori di terra nel marzo 2021 hanno utilizzato il braccio robotico della Stazione Spaziale Internazionale per “lanciare un pad di ricarica contenente vecchie batterie all'idruro di nichel dalla stazione spaziale”, secondo un post sul blog della NASA. Conclusero che la massa di dispositivi da 58.000 libbre sarebbe “rasa al suolo”. Durante l'ingresso attraverso l'atmosfera terrestre.

Ma non è così, almeno non del tutto, con un pezzo schiantato in casa di Otero.

“Qualcosa ha fatto a pezzi la casa e poi ha fatto un grosso buco nel pavimento e nel soffitto”, ha detto Otero. Occhiolino Notizie, che ha rotto la storia. “Quando l'abbiamo sentito, abbiamo detto: 'Assolutamente no', e poi ho pensato subito: 'È un meteorite.'”

Vedi i danni causati dalla “spazzatura spaziale” di seguito

Lui gioca

Tre anni fa la spazzatura spaziale si schiantò sul soffitto e sul pavimento della Florida

Nessuno è rimasto ferito dai rifiuti spaziali della Stazione Spaziale Internazionale che hanno colpito il tetto e il pavimento di una casa della Florida.

Il video mostra diverse persone, tra cui Otero, riunite attorno al pezzo di piattaforma della batteria, mentre cercano di determinare come abbia potuto causare così tanti danni.

READ  Gli ingegneri hanno completato i test di caduta del sistema Earth Return to Mars: guarda il video

“Guarda la carbonizzazione su di esso. Il calore… l'ha bruciato”, dice una persona.

Continuano a esaminare l'oggetto, chiedendosi come sia riuscito a penetrare nel soffitto e nei due livelli.

“Ma è bruciato. E c'è qualcosa dentro. … Qualcun altro dice: 'Oh, senti quella cosa.'” Il gruppo ha concluso che il pezzo di spazzatura sembrava decisamente “creato dall'uomo. Il figlio di Otero era a casa quel giorno”. gli elettrodomestici hanno colpito la casa, a due stanze da dove l'hai colpito.

La telecamera di sicurezza domestica Nest di Otero ha catturato il suono dell'incidente, che è stato udito intorno alle 14:34. L'incidente coincide con il momento in cui il Comando Spaziale degli Stati Uniti ha notato l'ingresso di alcuni detriti spaziali dalla Stazione Spaziale Internazionale, secondo un rapporto emesso dalla Stazione Spaziale Internazionale. Ars Tecnicapubblicazione tecnica.

Il “calcio d'inizio” ha causato danni al soffitto e ai pavimenti, costringendo Otero a riparare buchi di medie dimensioni creati dall'impatto.

La NASA sta attualmente valutando il relitto del pallet della batteria e sta avviando un'indagine

La NASA ha già raccolto e analizzato questo elemento presso il Kennedy Space Center in Florida. Nel corso dell’analisi hanno stabilito che il pezzo di detrito spaziale era “un paio di apparecchiature di supporto di volo della NASA utilizzate per montare le batterie sulla base di ricarica”.

Secondo la NASA, l'oggetto che colpì la casa di Otero pesava 1,6 libbre, era alto 4 pollici e aveva un diametro di 1,6 pollici.

La Stazione Spaziale Internazionale condurrà una “indagine dettagliata” per determinare perché l'oggetto non è bruciato completamente come previsto. Inoltre “aggiorneranno la modellazione e l’analisi, secondo necessità”.

READ  La prossima missione della NASA porterà Lucy in cielo con una capsula del tempo per i futuri umani nello spazio

Contributo: Gaby Houari

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x