In che modo il divieto dell’Italia su ChatGPT ha rivelato che i programmatori si stanno già affidando a esso

In che modo il divieto dell’Italia su ChatGPT ha rivelato che i programmatori si stanno già affidando a esso

Il 1 aprile, il governo italiano ha bandito ChatGPT, un sistema di intelligenza artificiale che genera script e codice per computer simili a quelli umani. ChatGPT è addestrato su enormi quantità di dati prelevati da Internet e le autorità italiane erano preoccupate che ciò costituisse una violazione della privacy di coloro che possedevano i dati. Il divieto continua con ulteriori indagini.

Ma questo divieto ha avuto una conseguenza non voluta. Una delle grandi domande su ChatGPT e altri cosiddetti grandi paradigmi linguistici è come gli umani hanno iniziato a usarlo per migliorare la propria produttività (o per sostituire completamente altri umani). Il potenziale sembra ovvio, ma nessuno sa come ChatGPT esegua effettivamente il filtraggio sul posto di lavoro.

Entrano David Kreitmeir e Paul Raschky della Monash University in Australia, che si sono resi conto che il divieto italiano aveva inavvertitamente creato le condizioni perfette per scoprirlo osservando i modelli di lavoro prima e dopo. Si scopre, come si suol dire, che ChatGPT non è ampiamente utilizzato in almeno una professione, ma la produttività in questo settore è diventata dipendente da questo.

questione di codifica

L’area di lavoro coinvolta è la codifica informatica. Le prove aneddotiche abbondano sul fatto che i programmatori utilizzano ampiamente ChatGPT per sviluppare, scrivere ed eseguire il debug del codice, ma è difficile trovare prove al di là di questo.

Ma Kreitmeir e Raschky si sono resi conto che se i programmatori in Italia dovessero iniziare a fare affidamento su ChatGPT, i flag dovrebbero apparire rapidamente quando l’accesso viene disattivato. Si scopre che i modelli di lavoro dei programmatori vengono registrati in vari modi da GitHub, che è un repository di software online ampiamente utilizzato che gestisce anche il controllo della versione.

READ  Deficit di alfa-1-antitripsina (A1ATD) Rapporto sulla previsione dell'epidemiologia delle malattie del fegato 2022-2032: focus su Stati Uniti, Germania, Spagna, Italia, Francia, Regno Unito e Giappone

Quindi hanno scaricato i dati da GitHub che mostrano l’output di codifica orario di 8.000 programmatori in Italia e in altri due paesi europei prima e dopo il divieto.

I risultati sono sorprendenti. “Abbiamo scoperto che il divieto di ChatGPT ha ridotto la produttività degli utenti GitHub italiani di circa il 50% nei primi due giorni lavorativi dopo l’inizio del divieto”, affermano Kreitmeir e Raschky. “I livelli di output sono tornati a livelli normali dopo.”

I ricercatori affermano che il ritorno alla normalità potrebbe essere stato il risultato dei programmatori che hanno trovato modi per aggirare il blocco, che è facile da aggirare utilizzando una VPN o Tor Relay per accedere a ChatGPT in altri paesi.

Ritirarsi e cadere

Infatti, i ricercatori hanno notato un immediato aumento delle ricerche su Google per “reti private virtuali” il giorno dopo il divieto.

“I nostri risultati supportano l’idea che il calo significativo ma di breve durata della produzione dopo il divieto sia il risultato degli utenti italiani che cercano modi per aggirare con successo l’accesso bloccato”, affermano.

Questo è un lavoro interessante che indica che ChatGPT è più ampiamente utilizzato del previsto. Kreitmeir e Raschky concludono: “Interpretiamo questi risultati come la prima prova che ChatGPT è effettivamente utilizzato attivamente per compiti altamente qualificati in economia”.

Considerando che ChatGPT è stato lanciato solo a novembre dello scorso anno, questo potrebbe essere il primo indizio di uno tsunami di indizi a venire.


Riferimento: Conseguenze indesiderate della censura della tecnologia digitale – Prove dal divieto italiano di ChatGPT: arxiv.org/abs/2304.09339

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x