“In Love with San Jose”: la visione di Gary DeLabo per rivitalizzare il centro cittadino

Il venture capitalist nato a Baltimora, Gary Delabough, non è sempre stato coinvolto nello sviluppo, come molte persone nella Silicon Valley, ha lavorato nel settore tecnologico.

“Mi stavo preparando a lasciare eBay circa sei o sette anni fa e il mio capo ha detto: “Ehi, ascolta. So che ti interessa l’ambiente e so che ti interessa l’edilizia e gli immobili. Dobbiamo mettere in atto un programma di responsabilità sociale d’impresa per l’azienda.'”

Sebbene alla fine abbia lasciato eBay, ha portato quei sentimenti a un altro lavoro presso la società immobiliare Cornish & Carey. Lì, ha incontrato il suo socio in affari di lunga data, Jeff Arriga, dalla mentalità simile, e si è stabilito in una città “interessante” da sviluppare: San Jose.

“Abbiamo messo insieme un piccolo fondo e acquistato i primi cinque progetti”, ha detto Dilabog. “Ora siamo intorno ai 34”.

L’ufficio di Dillabough e Arrillaga a Fountain Alley si affaccia su uno dei loro progetti distintivi: la rivitalizzazione dell’edificio della Banca d’Italia.

Il progetto della Banca d’Italia fa parte di un nuovo piano per rendere il centro di San Jose una destinazione regionale con vivaci spazi urbani pieni di cibo, bevande, commedie e musica.

Jeff Arilaja e Gary Delabog. Fotografia di Lloyd Alban.

Un approccio a livello di comunità

Da giovane, Dillabough si trasferì in tutto il paese in posti come le Hawaii e San Bruno mentre suo padre lavorava a progetti come ingegnere civile. Dillabough ha conseguito una laurea in Ingegneria Civile presso Cal Poly, San Luis Obispo. Lui e Arilaga in seguito fondarono società urbana, una propria società immobiliare che si occupa di edifici nel centro di San Jose.

Dillabough ha investito in progetti come i giardini pensili destinati a decorare la facciata del palazzo 96enne della Banca d’Italia nel centro della città. Entro il 2019 prendi 21 strutture Attraverso la comunità urbana di oltre 300 milioni di dollari. Questo è equivalente al progetto Google Downtown West.

READ  Volontari in Italia e Spagna seguono l'attività di Spittlebug
L’edificio della Banca d’Italia nel centro di San Jose, uno dei progetti di Gary Delabough. Fotografia di Lloyd Alban.

Dillabough e Arrillaga sono co-fondatori Istituto Urban Vibrancy Insieme a Tony Areola e Marc Lazzarini. L’istituto collabora con organizzazioni locali come Organizzazione della Silicon ValleyE il Incentivo E il Associazione del centro di San Jose Per programmi che includono fiere alimentari e d’arte.

“Speriamo che Urban Vibrancy fornisca quella piattaforma per riunire tutti per concentrarsi su alcune iniziative e vedere se possiamo spostare la palla in avanti”, ha affermato Delabough.

Derek Sever, CEO della Silicon Valley Organization, ha affermato che Dillabough sta adottando un approccio a livello di comunità per ciò che sta facendo a San Jose.

“Invece di concentrarsi su un singolo progetto, parla di rivitalizzare l’area del centro, portare le cose in strada e guardare i progetti in modo olistico”, ha affermato Sefer. “Guardare come le cose funzionano insieme e si completano a vicenda per costruire davvero il centro”.

questo venerdì, vitalità urbana Ogni venerdì, lancerà una fiera settimanale di arte, musica, commedia, cibo e piccole imprese a Fountain Alley simile alla fiera mensile di arte e cultura del SoFA chiamata Primo venerdì.

I due uomini hanno messo gli occhi su San Jose a causa delle sue numerose origini e opportunità.

“Non è montuoso, è proprio accanto allo stato di San Jose, hai l’aeroporto, hai gli squali”, ha detto Arilaga del centro. “Hai molte infrastrutture e mi piacciono anche gli edifici storici. Hai un mix di edifici storici e nuovi sviluppi. È un campus quasi aperto per fare qualcosa, molto più facile di molte altre città”.

Questo approccio è fondamentale poiché la città continua a intensificare lo sviluppo del centro attraverso sforzi come quartieri di opportunità, parchi, grattacieli e altre nuove costruzioni mentre il distretto inizia a riprendersi dalla pandemia e dai rimbalzi degli affari.

READ  Due morti in un incidente aereo dell'aeronautica americana in Alabama: rapporto

“L’Urban Vibrancy Institute sta cercando di costruire cose che già esistono e sono operative in città, collaborando con altri per fare progressi, in particolare guardando a una comunità pulita, sicura e vibrante”, ha affermato Eric Gladier, CEO di Urban. Vitalità.

Innamorarsi di San Jose

I progetti di Dillabough fanno parte del suo approccio allo sviluppo urbano: un vivace centro cittadino caratterizzato da spazi pedonali, aree verdi, edifici ad alta efficienza energetica, architettura moderna e spazi per le arti e gli artisti locali.

I fondatori di Urban Vibrancy affermano che il distretto ha il mix perfetto di strumenti per riunire progetti: aziende tecnologiche, strade del centro pulite e percorribili, una scena artistica emergente, piccole imprese e la volontà politica di promuovere lo sviluppo.

“Ho parlato con alcuni di questi partner di venture capital e ho chiesto se potevano dirmi una città con risorse migliori allineate come questa, tutte pronte a partire”, ha detto Dilabog. “Quando lo definisci come tale, non c’è nessun’altra città nel paese che pensiamo abbia il tipo di base patrimoniale che ha San Jose”.

Gary Delabog, Jeff Arilaja ed Eric Gladier dell’Urban Vibrancy Institute. Fotografia di Lloyd Alban.

L’approccio di Dillabough allo sviluppo della decima città più grande della nazione ha conquistato il rispetto degli addetti ai lavori e dei leader aziendali della Silicon Valley.

“Non è solo un ragazzo che cerca di costruire unità. Russell Hancock, CEO, ha detto Joint venture della Silicon Valley ValleyÈ un think tank economico. Dillabough fa parte del consiglio di amministrazione di Hancock. “Mentalità del capitale di rischio, passione e impegno per la sostenibilità e il desiderio di rendere vivi i luoghi. Questo è ciò che rende Gary DeLabo così interessante e importante per me.”

READ  Explanator: l'Italia sta affrontando una crisi politica in mezzo a una pandemia

E Dillabough fa tutto a San Jose.

“La maggior parte delle persone, se fossero pianificatori e sognatori, sarebbero andati a Singapore o Hong Kong. O se stavano andando nella Bay Area, sarebbero andati a San Francisco. Gary ama San Jose”, ha detto Hancock.

Negli anni successivi, mentre l’edificio della Banca d’Italia viene sottoposto a lavori di ristrutturazione, gli edifici della comunità urbana terminano la costruzione e Urban Vibrancy lancia altri progetti artistici, Dillabough crede che gli elementi più importanti per il centro siano quelli che danno energia allo spazio: le persone stesse.

“Penso davvero che parte della ‘salsa segreta’ qui siano le persone”, ha detto DeLabo. “Quello che ho scoperto è che le persone che lavorano e vivono qui si preoccupano davvero di questa città. Hanno una grande affinità con lei. Vogliono davvero vederlo avere successo. Penso che questo sia diverso dalle altre città”.

Contatta Lloyd Alaban a [email protected] o segui Tweet incorporato su Twitter.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x