Italia: in vendita bottiglie di vino a marchio Hitler, ritratti di altri dittatori nonostante il contraccolpo

Bottiglie di vino con immagini del dittatore tedesco Adolf Hitler e di altri leader autoritari continuano a essere vendute nella regione italiana di Rimini, nonostante le massicce critiche dei gruppi “antifascisti”. Ciò avviene dopo che Vina Lunardelli ha suscitato polemiche con la serie storica lanciata nel 1995. Nel 2013, il Centro Simon Wiesenthal ha chiesto il boicottaggio della serie, che comprendeva tutti i “famigerati” dittatori dal leader militare francese Napoleone Bonaparte a Hitler.

Secondo quanto riferito dal sindaco Andrea Grassi, l’amministrazione locale di Rimini riceve in media sei denunce all’anno. Tempi di Israele in un’intervista. Alla domanda sulle azioni intraprese dalle autorità per risolvere il problema, Grassi ha affermato che tali tentativi sono stati vani in passato. Ha aggiunto che il problema era al di fuori delle competenze del sindaco, dicendo che la corte aveva ribaltato la decisione del governo locale di vietare “tali prodotti fascisti”.

“Finché non verrà approvata una nuova legge, tutti i tentativi e le azioni del comune non porteranno a nulla”, ha affermato. Tempi di Israele.

La storica catena Lunardelli del 1995 rappresenta quasi la metà dei suoi ricavi e quindi della produzione, secondo il sito web dell’enologo.

Nel 2012, un corridore è scoppiato in un supermercato italiano dopo che una coppia ebrea degli Stati Uniti, in vacanza a Garda (Nord Italia), ha scoperto le bottiglie di vino del leader nazista. Le bottiglie erano etichettate “My Struggle”, “Ein Falk, Ein Reich, Ein Fuhrer” e “Führeren”. Anche Hitler stava facendo il suo solito saluto.

Da Filadelfia, Cindy Hirsch ha accusato le etichette delle bottiglie di vino di condannare la vendita pubblica di tali bottiglie. Parlando con Telegrafo quotidianoHa rivelato che la foto era personalmente deprimente perché era una sopravvissuta ad Auschwitz mentre i suoi nonni e sua zia furono assassinati nei campi di concentramento. “Non è solo un insulto agli ebrei, ma io e mio marito siamo ebrei. È un insulto a tutta l’umanità”, ha detto.

READ  Serie A 2021-22: Cinque possibili volti nuovi per l'Italia

È iniziata l’indagine sulla produzione di bottiglie di vino

Poi il ministro dell’Integrazione italiano Andrea Riccardi ha criticato i viticoltori, assicurando “Amici d’America” ​​che l’Italia non ha sostenuto l’antisemitismo, il nazifascismo o il razzismo. “Questo offende la memoria di milioni di persone e rischia di mettere a repentaglio l’immagine dell’Italia all’estero”, ha detto Ricciardi.

Nel frattempo, la cantina Lunardelli definisce la collezione “un oggetto di culto tra i collezionisti”.

(Foto: Unsplash/AP)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x