Gatti che ricevono più attenzioni indesiderate da proprietari esperti: Studio

Stai cercando di legare con il tuo amico peloso? Cerca di essere meno affettuoso.

secondo Studia nel Regno Unito Tra le dinamiche tra umani e gatti domestici, i proprietari di gatti più esperti hanno spesso prestato attenzioni indesiderate agli animali.

I ricercatori della Nottingham Trent University hanno seguito le interazioni di 119 partecipanti e diversi gatti domestici per studiare come le persone con personalità diverse e in diversi gruppi di età hanno interagito con l’animale, e quindi come l’animale ha interagito con loro.

Tra i partecipanti, il 57% ha dichiarato di vivere con almeno un gatto e il 23% ha riferito di aver avuto esperienze negative con i gatti. Inoltre, il 41% ha affermato di aver avuto precedenti esperienze di lavoro con gli animali, sia in organizzazioni per il benessere degli animali, che in organizzazioni per la fauna selvatica o centri di reinsediamento.

Durante l’esperimento, ai partecipanti è stato chiesto di interagire con il gatto come farebbero normalmente, consentendo al gatto di avvicinarsi per primo. I ricercatori hanno poi analizzato le zone in cui i partecipanti accarezzano i gatti, soffermandosi in particolare sulle zone “rosse” indesiderate, lo stomaco o la base della coda. Le aree “verdi” dei gatti includono la base delle orecchie, delle guance o della mascella e tutte le altre aree “gialle” del gatto.

Lo studio ha scoperto che le persone che affermavano di aver avuto più esperienza con i gatti raggiungevano aree indesiderabili e ottengono punteggi più bassi. Tuttavia, lo studio ha spiegato, questo potrebbe semplicemente significare che le persone con più esperienza con i gatti si sentono più a loro agio nell’avvicinarsi alle aree “rosse” dell’animale.

READ  Il vicino fa il dito medio alla mamma di Virginia durante l'intervista a Fox News sulla teoria critica della razza

In definitiva, lo studio ha affermato che questi risultati non rappresentano tutte le interazioni tra umani e gatti perché dipendono dalla personalità di entrambe le parti. Ma forniscono informazioni su un compagno che può essere terapeuticamente benefico per gli esseri umani, ma a volte è difficile da avvicinare.

“Nel contesto dell’adozione degli animali, questi risultati rafforzano la (limitata) base di prove per il processo decisionale associato allo screening e all’adozione dei gatti”, afferma lo studio.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x