Un’infermiera della Pennsylvania viene condannata all’ergastolo per morte dovuta a insulina

Un’infermiera della Pennsylvania viene condannata all’ergastolo per morte dovuta a insulina

Un’infermiera della Pennsylvania che ha somministrato dosi letali o fatali di insulina a numerosi pazienti si è dichiarata colpevole di tre capi di omicidio e altre accuse giovedì ed è stata condannata all’ergastolo.

Heather Brisday, 41 anni, è stata condannata a tre ergastoli consecutivi e ad un’altra condanna consecutiva che va da 380 a 760 anni dietro le sbarre durante un’udienza a Butler, circa 48 chilometri a nord di Pittsburgh. I pubblici ministeri hanno affermato che ha avuto un ruolo nella morte di almeno 17 pazienti che vivevano in cinque strutture sanitarie in quattro province tra il 2020 e il 2023.

Le autorità hanno affermato che l’età delle 22 vittime variava da 43 a 104 anni. I colleghi mettevano spesso in dubbio il comportamento di Brisdi, dicendo che spesso mostrava disprezzo per i suoi pazienti e faceva commenti dispregiativi nei loro confronti.

Brisdi, che avrebbe potuto affrontare la pena di morte, si è dichiarato colpevole di tre capi di imputazione di omicidio di primo grado e di 19 capi di imputazione di tentato omicidio. Inizialmente è stata accusata nel maggio 2023 di aver ucciso due pazienti in una casa di cura e di averne ferito un terzo. Ulteriori indagini hanno portato a decine di altre accuse contro di lei. Durante l’udienza di febbraio, durante la quale ha discusso con il suo avvocato, ha indicato di volersi dichiarare colpevole.

Brisdi non ha detto molto quando ha fatto le sue suppliche, rispondendo alla maggior parte delle domande con una sola parola. Quando uno dei suoi avvocati le ha chiesto perché si fosse dichiarata colpevole, Brisdi ha risposto: “Perché sono colpevole”.

READ  Ucraina: continua "distruzione e devastazione totale"

Si prevedeva che l’udienza durerà fino a venerdì perché diverse persone volevano rilasciare dichiarazioni sull’impatto delle vittime, hanno detto i funzionari. Alcuni di coloro che hanno parlato in tribunale giovedì hanno detto a Brisday che lei ha erroneamente cercato di interpretare Dio, sottolineando che sebbene alcune delle sue vittime fossero anziane o molto malate, nessuna di loro era pronta a morire.

Brisday non ha guardato gli oratori né ha reagito ai loro commenti, anche quando uno di loro le ha urlato un’imprecazione, facendo scoppiare un applauso in aula, secondo le notizie.

Un altro portavoce ha detto alla corte: “Non è malata. Non è pazza. Lei è l’incarnazione del male. … “Ho guardato io stesso il diavolo in faccia la mattina in cui hai ucciso mio padre.”

I pubblici ministeri hanno affermato che Brisdi, di Harrison, ha somministrato quantità eccessive di insulina a 22 pazienti, inclusi alcuni che non erano diabetici. Solitamente somministrava l’insulina durante i turni notturni, quando il personale era scarso e le emergenze non richiedevano il ricovero immediato. La maggior parte dei pazienti è morta poco dopo aver ricevuto la dose di insulina o dopo che è trascorso un po’ di tempo.

La sua licenza di infermiere è stata sospesa all’inizio dell’anno scorso, poco dopo la presentazione delle accuse iniziali.

Secondo i documenti del tribunale, Brisdi ha inviato messaggi di testo a sua madre tra aprile 2022 e maggio 2023 in cui discuteva della sua insoddisfazione con diversi pazienti e colleghi e parlava del potenziale danno loro. Ha anche espresso lamentele simili nei confronti delle persone che ha incontrato nei ristoranti e in altri luoghi.

READ  Putin firma il disegno di legge che consente le notifiche di coscrizione elettronica

Brisdi ha una storia di “essere stata disciplinata per comportamento abusivo nei confronti dei pazienti e/o del personale in ciascuna struttura che ha portato alle sue dimissioni o licenziamento”, hanno affermato i pubblici ministeri nei documenti del tribunale. Secondo i documenti, a partire dal 2018, Brisdi ha svolto per brevi periodi una serie di lavori presso case di cura e strutture nella Pennsylvania occidentale.

Altri operatori sanitari sono stati condannati per aver ucciso pazienti. Tra loro c’è William Davis, un’infermiera del Texas condannata per omicidio nel 2021 per aver iniettato aria nelle arterie di quattro pazienti dopo aver subito un intervento al cuore. È stato condannato a morte ma sta facendo appello contro la sua condanna. Un altro infermiere, Charles Cullen, ha ucciso almeno 29 pazienti in case di cura nel New Jersey e in Pennsylvania, ma alcuni esperti ritengono che potrebbe averne uccisi molti di più.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x