Italia: trasferire alla legge ulteriori trasferimenti di reddito da impianti di energia rinnovabile

Il 28 marzo 2022 il decreto legge n. 4 del 27 gennaio 2022 (noto come Decreto Sostegni-ter) è stato trasferito dalla Legge 25/2022 (Legge Trasferimenti), il meccanismo di trasferimento del reddito aggiuntivo è ormai definitivo.

La legge sui trasferimenti abroga integralmente il decreto-legge n. 13 del 25 febbraio 2022, che a sua volta ha abolito l’articolo 16 del Decreto Sostegni-ter, e ha invece presentato al Decreto Sostegni-ter un nuovo articolo 15 bis.

Questo nuovo articolo 15 bis del Decreto Sostegni-ter, così come è stato ora convertito in legge, è praticamente identico all’articolo 5, abrogato contestualmente dal decreto-legge 13/2022, che prevedeva una versione annacquata del obbligo dei produttori di energia rinnovabile di trasferire l’ulteriore reddito generato dall’aumento Tariffe elettriche straordinarie per il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) di proprietà dello Stato per contribuire al finanziamento delle riduzioni dei costi dell’energia elettrica (vedi post precedente qui).

Di conseguenza, nulla è cambiato rispetto al provvedimento di ammorbidimento che il governo ha pubblicato a febbraio 2022, ma il passaggio a legge è stato accelerato.

L’Autorità per l’Energia, le Reti e l’Ambiente (ARERA) ha atteso questo momento per pubblicare, in data 29 marzo 2022, un documento di pubblica consultazione volto a promulgare le norme attuative dell’articolo 15bis. Gli stakeholder possono presentare proposte e pareri ad ARERA fino al 22 aprile 2022. Il documento è disponibile qui.

READ  Dichiarazione congiunta di Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti su un governo ad interim per l'unità nazionale in Libia

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x