La Casa Bianca lancia una strategia di protezione planetaria

La Casa Bianca lancia una strategia di protezione planetaria

La Casa Bianca ha pubblicato il 30 dicembre una Strategia nazionale di protezione planetaria che delinea nuove valutazioni per prevenire l’inquinamento del suolo di altri mondi e viceversa.

Il Strategia nazionale per la protezione planetariaSviluppato da un gruppo di lavoro interagenzia guidato dal National Space Council e dall’Office of Science and Technology Policy (OSTP), delinea il lavoro che deve essere svolto nel prossimo anno per aggiornare le politiche di protezione planetaria, tenendo conto degli sviluppi scientifici e delle crescenti capacità speciali nell’esplorazione spaziale.

La strategia è progettata per implementare parte della politica spaziale nazionale aggiornata, emessa il 9 dicembre, che invita l’OSTP, in collaborazione con la NASA e altre agenzie, a sviluppare nuove linee guida per la protezione planetaria “lavorando con partner scientifici, commerciali e internazionali, per fornire una protezione adeguata per gli oggetti planetari e la Terra dall’inquinamento biologico”. Dannoso “.

“Le missioni attuali e future su Marte e altre destinazioni richiedono una strategia per supportare un ambiente terrestre e spaziale sicuro, sostenibile e prevedibile”, ha affermato Scott Pace, Segretario esecutivo del National Space Council, in una dichiarazione. “Definendo obiettivi per attuare la direzione della politica spaziale nazionale del 2020 sulla protezione planetaria, questa strategia continua la leadership degli Stati Uniti nella scoperta scientifica, nell’esplorazione umana e nelle attività spaziali per il settore privato”.

La strategia di protezione planetaria ha tre obiettivi generali. Il primo è creare una “valutazione del rischio e linee guida basate sulla scienza” per mitigare ciò che è noto come “inquinamento avanzato” o l’inquinamento di altri mondi da parte della vita terrestre. Dirige anche una valutazione del ruolo della protezione planetaria nel processo di revisione del tonnellaggio governativo per le missioni speciali.

READ  Fitness: come adottare misure per migliorare il tuo allenamento a casa

Il secondo obiettivo cerca di evitare il “backinquinamento” o la potenziale contaminazione della Terra con qualsiasi forma di vita extraterrestre. La strategia indirizza le agenzie a sviluppare diversi quadri per valutare i rischi delle missioni di ritorno del campione e altre fonti di contaminazione all’indietro, nonché il quadro di approvazione per tali missioni e procedure per la manipolazione sicura dei materiali restituiti dall’esterno.

Il terzo obiettivo cerca di integrare le prospettive del settore privato sulle questioni di protezione planetaria date le crescenti capacità e l’interesse delle compagnie nei voli verso altri mondi, in particolare Marte. Questo obiettivo include il lavoro del governo per sviluppare linee guida per la concessione di licenze e la supervisione continua delle missioni del settore privato verso destinazioni con implicazioni di protezione planetaria.

La strategia non definisce alcuna nuova politica, ma specifica invece il lavoro sulle varie questioni da intraprendere nel corso del prossimo anno. “È davvero un piano aziendale”, ha detto un funzionario dell’amministrazione, parlando in sottofondo. “È una strategia che definisce il lavoro che verrà portato a termine nei prossimi nove mesi all’anno”.

La protezione del pianeta è stata principalmente un problema per la NASA. L’agenzia sta aggiornando le sue politiche di protezione planetaria, basate su Raccomandazioni formulate da un comitato di revisione indipendente lo scorso anno. Nel mese di luglio, La NASA ha annunciato di aver emesso nuove direttive temporanee Riclassificare la maggior parte delle parti della Luna in una categoria inferiore che non ha requisiti di protezione planetaria, nonché studiare come rendere le linee guida per la protezione planetaria compatibili con le future missioni umane su Marte.

READ  Sospetta spazzatura spaziale proveniente dal lancio di un satellite che proietta luce sulla Columbia Britannica meridionale

“Siamo molto d’accordo con quello che ha fatto la NASA”, ha detto il funzionario dell’amministrazione, “ma il problema è che le regole della NASA e le direttive temporanee non si applicano realmente al settore privato”. La strategia segue quello che il funzionario ha descritto come un approccio “tocco leggero” a qualsiasi sistema di protezione planetaria per missioni speciali. “Stiamo cercando di trovare modi in modo che le persone possano andare avanti, ma per farlo in sicurezza.”

La strategia cerca inoltre di beneficiare dell’esperienza di altre agenzie. Il gruppo di lavoro interagenzia comprendeva diversi dipartimenti a livello di gabinetto, dall’agricoltura, salute e servizi umani al commercio e allo stato. Comprendeva anche i Centers for Disease Control, l’Environmental Protection Agency, la Federal Aviation Administration, tra gli altri.

Molti di loro sono stati coinvolti per sostenere il lavoro sull’inquinamento arretrato. “È una grande opportunità per coinvolgere dipartimenti e agenzie che potrebbero non aver collaborato storicamente su questo problema”, ha detto un funzionario della direzione, “ma sono molto entusiasti di farlo ora”.

“Non c’è una vera ragione per cui gli astronauti reinventino la ruota”, ha aggiunto un funzionario, “Ci sono molte esperienze meravigliose”.

La strategia di protezione planetaria fa parte dell’impennata dell’attività di politica spaziale da parte della Casa Bianca nelle ultime settimane dell’amministrazione Trump. Oltre alla politica spaziale nazionale aggiornata, La Casa Bianca ha pubblicato una strategia nucleare spaziale il 16 dicembreDare priorità allo sviluppo dell’energia nucleare e alle capacità di propulsione e questioni politiche correlate.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x