Gaia dell’ESA pubblica una nuova raccolta di dati sulla Via Lattea

Gaia è la missione dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per creare la mappa multidimensionale più accurata e completa della Via Lattea. Di recente, ha rilasciato una nuova raccolta di dati sulla Via Lattea, che descrive strani “terremoti stellari”, DNA stellare, movimenti asimmetrici e altre affascinanti intuizioni.

Il rilascio dei dati di Gaia 3 include dettagli nuovi e aggiornati di quasi due miliardi di stelle nella nostra galassia. Le composizioni chimiche, le temperature stellari, i colori, le masse, l’età e la velocità con cui le stelle si avvicinano o si allontanano da noi sono incluse nel catalogo (velocità radiale). I dati spettroscopici appena rilasciati hanno fornito gran parte di queste informazioni. Ha anche alcuni sottogruppi di stelle, come quelle che cambiano di luminosità nel tempo.

Questa immagine mostra quattro mappe del cielo create con i nuovi dati ESA Gaia rilasciati il ​​13 giugno 2022. © ESA/Gaia/DPAC; CC BY-SA 3.0 IGO, CC BY-SA 3.0 IGO

Questo set di dati contiene l’elenco più completo di Stelle binarieE il asteroidie le lune dei pianeti in Sistema solarepiù milioni di galassie E il quasar Fuori via Lattea.

terremoti

La capacità di Gaia di identificare i terremoti stellari è una delle scoperte più sorprendenti dei nuovi dati. Un terremoto stellare è vagamente simile a un terremoto che cambia la forma delle stelle. Questi terremoti stellari rivelano di più Il funzionamento interiore di una stella.

Gaia ha rilevato in migliaia di stelle gravi terremoti non radiali. Ha anche rivelato vibrazioni insolite nelle stelle che non erano state osservate prima. Secondo la teoria attuale, queste stelle non dovrebbero avere terremoti; Tuttavia, Gaia lo scoprì sulla sua superficie.

DNA stellare

La composizione delle stelle può raccontarci dove sono nate e il loro prossimo volo, da qui la storia della Via Lattea. Con il rilascio dei dati di oggi, Gaia rivela la più grande mappa chimica della galassia unita ai movimenti 3D, dal nostro vicinato solare alle galassie più piccole intorno a noi.

Alcune stelle sono fatte di metalli più pesanti. Dopo la morte, queste stelle rilasciano questi metalli in gas e polvere interstellari e vengono chiamati mezzo interstellareda cui si formano nuove stelle. formazione stellare attiva E la morte genera un ambiente ricco di minerali. Quindi, la composizione chimica della stella è simile al suo DNA, che ci fornisce importanti informazioni sulla sua origine.

Gaia ha anche rivelato stelle con materiali primitivi. I metalli sono più abbondanti nelle stelle più vicine Centro Galattico E il loro piano nelle stelle lontane. Sulla base della loro composizione chimica, Gaia è stata in grado di identificare stelle che hanno avuto origine in galassie diverse dalla nostra.

Alejandra Recio Blanco dell’Osservatorio La Côte d’Azur in Francia, membro della Gaia Collaboration, ha dichiarato: “La nostra galassia è un bellissimo crogiolo di stelle. Questa diversità è molto importante perché racconta la storia della formazione della nostra galassia. Rivela i processi di migrazione all’interno della nostra galassia e l’accumulo dalle galassie esterne. Mostra anche che il nostro Sole e apparteniamo tutti a un sistema in continua evoluzione, formatosi grazie all’assemblaggio di stelle e gas di diversa origine.”.

Stelle binarie, asteroidi, quasar e altro ancora

Un nuovo catalogo di stelle binarie separa la massa e la storia di oltre 800.000 sistemi binari, mentre un nuovo studio di asteroidi rivela 156.000 corpi rocciosi in più su Le origini del sistema solare. Gaia ha anche scoperto circa 10 milioni di stelle variabili e misteriose particelle di grandi dimensioni tra stelle, quasar e galassie al di fuori del nostro vicinato cosmico.

Questa immagine mostra le orbite di oltre 150.000 asteroidi
Questa immagine mostra le orbite di oltre 150.000 asteroidi nel rilascio dei dati di Gaia 3, dalle parti interne del Sistema Solare agli asteroidi troiani alla distanza di Giove, in diversi codici colore. Il cerchio giallo al centro rappresenta il sole. Il blu rappresenta l’interno del Sistema Solare, dove si trovano gli asteroidi vicino alla Terra, i transiti di Marte e i pianeti terrestri. La cintura principale tra Marte e Giove è verde. Trojan rossi di Giove. Ringraziamenti: P. Tanga (Osservatorio della Costa Azzurra) © ESA/Gaia/DPAC; CC BY-SA 3.0 IGO, CC BY-SA 3.0 IGO

Timo Prosti, Gaia Project Scientist presso l’Agenzia Spaziale Europea, Egli ha dettoE il “A differenza di altre missioni che prendono di mira oggetti specifici, Gaia è una missione di rilevamento. Ciò significa che Gaia è vincolata da scoperte che altre missioni più specializzate mancheranno durante la scansione dell’intero cielo con miliardi di stelle più volte. Questo è uno dei suoi punti di forza e noi non vedo l’ora che la comunità di astronomia si tuffi nei nostri dati. Nuove ricerche per scoprire di più sulla nostra galassia e sui suoi dintorni di quanto avessimo mai immaginato”.

Il rilascio dei dati di Gaia 3 è stato presentato durante un briefing virtuale a https://www.esa.int/ESA_Multimedia/ESA_Web_TV

READ  Quasi 400 animali infettati dall'influenza aviaria nello chalet della fattoria di Leicester

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x