La Commissione dell'Unione Europea sta studiando la causa fiscale intentata dall'Italia contro Meta-World

La Commissione dell'Unione Europea sta studiando la causa fiscale intentata dall'Italia contro Meta-World

Milano: La denuncia fiscale italiana contro la società madre di Facebook è stata deferita al Comitato Imposta sul Valore Aggiunto della Commissione Europea…

MILANO: Un reclamo fiscale italiano contro Meta, la società madre di Facebook, è stato inoltrato al comitato IVA della Commissione Europea per la valutazione, hanno detto tre fonti con conoscenza diretta della questione. Reuterscome esempio di come viene tassato il settore tecnologico.

L'azienda statunitense, proprietaria anche delle piattaforme Instagram, WhatsApp e Oculus, si trova ad affrontare in Italia una potenziale fattura fiscale di circa 870 milioni di euro (954 milioni di dollari) dopo che la Procura di Milano ha avviato un'indagine sulla società sulla base di una verifica della Guardia di Finanza.

Sebbene l’importo sia modesto per un’azienda che lo scorso anno ha generato entrate per oltre 32 miliardi di dollari, il caso potrebbe avere ramificazioni molto più ampie perché dipende dal modo in cui Meta fornisce l’accesso ai servizi.

L'audit, ideato e condotto dalla Guardia di Finanza italiana (GdF), ha affermato che le registrazioni degli utenti Meta potrebbero essere considerate un'operazione imponibile perché comportano uno scambio non monetario di un conto di iscrizione con i dati personali dell'utente.

Meta ha ripetutamente affermato di essere fortemente in disaccordo con l'idea che fornire l'accesso alle piattaforme online agli utenti debba essere soggetto all'imposta sulle vendite (IVA).

A causa della delicatezza e della natura senza precedenti della questione, l'Agenzia delle Entrate italiana ha inviato a settembre, tramite il Ministero delle Finanze del governo italiano, una richiesta di valutazione tecnica al Comitato Imposta sul Valore Aggiunto della Commissione Europea, hanno riferito le tre fonti.

L’UE estende la sospensione tariffaria nella controversia sull’acciaio statunitense

Le fonti hanno aggiunto che il parere richiesto riguarda il trattamento fiscale del valore aggiunto dei servizi online forniti dalla rete di social media in cambio della fornitura di dati personali ai suoi utenti.

La valutazione della Commissione Iva dell'UE, di cui non si conoscono i tempi, non sarà vincolante, ma un suo “no” potrebbe indurre il ministero e l'agenzia delle entrate a smettere di contestare Meta e infine ad archiviare l'indagine penale condotta dalla Procura di Milano. Le fonti hanno detto ok.

Tuttavia, l’IVA è un’imposta armonizzata a livello europeo, quindi se applicata in Italia, si applicherà automaticamente a tutti gli altri stati membri dell’UE.

Questo trattamento fiscale nell’Unione Europea a 27 paesi potrebbe essere esteso anche a tutte le altre piattaforme internet multinazionali che utilizzano la modalità di accesso gratuito in cambio dei dati degli utenti.

Un portavoce della Commissione europea ha rifiutato di commentare direttamente la questione, sottolineando che il Comitato per l'imposta sul valore aggiunto è un gruppo consultivo indipendente.

“Il comitato IVA si occupa regolarmente delle questioni sollevate dagli Stati membri e l'esito e i tempi dipendono dall'ordine del giorno”, ha affermato il portavoce.

L'Agenzia delle Entrate italiana ha rifiutato di commentare questo caso.

Meta non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La polizia e l'agenzia delle entrate GdF hanno calcolato un modello secondo il quale Meta dovrà pagare circa 220 milioni di euro di IVA a livello locale nel 2021.

Hanno inoltre calcolato che l’Iva dovuta per il periodo dal 2015 al 2021 ammonterebbe a 870 milioni di euro.

READ  I borghi italiani offrono migliaia per invogliare i tuoi figli a trasferirsi e avviare attività commerciali

L’Italia ha perseguitato altre società tecnologiche per quanto riguarda le tasse.

La piattaforma di locazione immobiliare Airbnb ha dichiarato questo mese che pagherà 576 milioni di euro all'Agenzia delle Entrate italiana per saldare le passività fiscali in sospeso per il periodo 2017-2021.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x