La fusione delle attività italiane di Eni e BP in Angola

I due gruppi hanno dichiarato venerdì che Eni e BP hanno concluso un accordo per integrare le operazioni di petrolio e gas in Angola.

Creerà una società chiamata Azule Energy che dovrebbe essere il più grande produttore in Angola, con partecipazioni in 16 licenze e nella joint venture GNL in Angola.

Azule Energy acquisirà anche la partecipazione di Eni in Solenova, società solare partecipata da Sonangol in Angola.

In precedenza, tre fonti hanno affermato che i due gruppi erano vicini a raccogliere circa 2,5 miliardi di dollari di finanziamenti per aiutare a finanziare la joint venture, ed erano anche vicini a un accordo separato per Eni per l’acquisto di partecipazioni negli impianti a gas algerini.

L’anno scorso, le due società hanno annunciato l’intenzione di unire le loro attività angolane in una società di autofinanziamento con una produzione di petrolio e gas di circa 200.000 barili di petrolio equivalente al giorno.

La fusione fa parte delle due società che stanno rivedendo le loro attività petrolifere e del gas mentre si spostano verso le energie rinnovabili e l’energia a basse emissioni di carbonio nei prossimi decenni. Li aiuterà anche a ridurre il debito.

Con un accordo separato, BP è prossima a vendere le sue partecipazioni a Eni in due grandi progetti gas in Algeria: In Salah Gas e In Amenas, affermano le fonti. Il valore di una tale transazione non è chiaro.

Una delle fonti ha affermato che le due società sono in trattative avanzate. BP ed Eni non hanno voluto commentare l’Algeria.

Due fonti hanno affermato che le due parti stavano lottando per concordare un modo per bilanciare il valore delle loro attività angolane, poiché le operazioni di Eni e le riserve di petrolio e gas sono più grandi e preziose di quelle di BP.

READ  Il sito del leggendario panificio italiano è destinato a essere riqualificato

I dati diffusi dalle due società venerdì affermano che gli asset totali di BP nell’accordo ammontavano a circa $ 6,8 miliardi alla fine del 2021, mentre gli asset di Eni erano $ 7,3 miliardi.

Secondo le fonti, il cambio di proprietà delle due stazioni di servizio nel sud dell’Algeria aiuterebbe Eni a sviluppare infrastrutture energetiche in Algeria ed esportare gas nel sud Europa tramite gasdotti.

L’Italia sta cercando di aumentare le importazioni di gas dall’Algeria per contribuire a ridurre la sua dipendenza dai flussi da Gazprom dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Per fare questo, l’Algeria ha bisogno di aumentare la sua produzione di gas a monte.

Eni, che ha contratti a lungo termine per il gas con la società energetica statale Sonatrach, ha legami di lunga data con l’Algeria. L’anno scorso ha firmato una serie di accordi volti ad aumentare la produzione.

L’Italia, che possiede una delle reti di trasporto del gas più grandi d’Europa, è un futuro ponte verso l’Europa per il gas – e zero emissioni di idrogeno – prodotto in Nord Africa e oltre.

Aggiornato: 13 marzo 2022, 04:09

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x