La rinascita di San Marino e la vittoria di Balila

La rinascita di San Marino e la vittoria di Balila

Roma – Le auto di ieri, di oggi e di domani. Tutti insieme nella stessa gara di regolarità ACI. Le migliori squadre italiane in campo si sono sfidate nel Campionato San Marino, quarta prova del Campionato Italiano. E con loro – sullo stesso percorso e con le stesse prove – vetture con sistemi di propulsione alternativi: a biocarburante, elettriche e ibride, hanno gareggiato nell'Ecorally Green Cup. Oltre cinquanta misurazioni, con pressioni variabili al centesimo di secondo, lungo 150 chilometri di salite e discese attorno al Monte Titano.
Basta scorrere la classifica finale per rendersi conto che nel Revival è stata la Fiat Balilla 508C a dominare: tre vetture classificate su quattro. Guido Barcella e Umbretta Guidotti della Scuderia hanno battuto Tazio Nuvolari. Secondi Alberto e Federico Riboldi, padre e figlio. Quarti di Andrea Belometti e Doriano Vavasori. Al terzo posto, tra tanti Balila, si è classificata l'Autobianchi Abarth A112 guidata da Nicola Barcella, figlio del vincitore.
Curioso anche il rating della coppa Ecorally Green. Il terzo gradino del podio è stato occupato dalla Toyota Hybrid guidata da Lukas Nitko e Artur Najder. Al secondo posto si è classificata la Opel Corsa elettrica dei coniugi Andrea Cagani e Valentina Petacco. La Lancia Ypsilon GPL portata in gara dai giornalisti Roberto Chiodi e Lorenzo Gennari si è aggiudicata la classifica “Energie Alternative”. Che – ovviamente – è anche l'ambito premio della classifica stampa, riservato agli operatori dell'informazione.

READ  Notizie di intrattenimento | La produzione di "Dunes: Part Two" inizia questo mese in Italia

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x