― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldLa Spagna richiama il suo ambasciatore mentre continua la disputa con l'argentina...

La Spagna richiama il suo ambasciatore mentre continua la disputa con l'argentina | Notizie di politica

Anche il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albarez ha invitato il leader argentino a scusarsi pubblicamente per le sue dichiarazioni.

La Spagna ha richiamato il suo ambasciatore a Buenos Aires dopo che il presidente argentino Javier Miley ha approfittato della sua presenza a Madrid per insultare la moglie del primo ministro spagnolo.

Lunedì il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albarez ha chiesto al presidente argentino di scusarsi per le sue dichiarazioni. Le accuse di corruzione contro Begona Gomez, la moglie del primo ministro Pedro Sanchez, hanno ampliato una spaccatura cruda e molto pubblica tra il partito di estrema destra di Miley e il governo spagnolo di sinistra.

“Gli spiegherò la gravità della situazione e chiederò ancora una volta scuse pubbliche a Javier Maile”, ha detto il parigino a Radio Cadena Ser.

Domenica, parlando a una manifestazione a Madrid organizzata dal partito di estrema destra Vox e alla quale hanno partecipato molti dei suoi alleati internazionali, tra cui l'italiana Giorgia Meloni e la francese Marine Le Pen, Miley ha fatto riferimento a una “donna corrotta”. Sebbene non abbia menzionato il nome di Gomez, il suo significato era chiaro.

“Le élite globali non si rendono conto di quanto possa essere devastante l'attuazione delle idee del socialismo… anche se hai una moglie corrotta che, diciamo, si sporca e impiega cinque giorni per pensarci”, ha detto Miley.

Sanchez ha trascorso cinque giorni il mese scorso pensando al suo futuro dopo che la corte ha aperto un'indagine preliminare su sua moglie con l'accusa di traffico di influenza e corruzione.

Sanchez ha negato le accuse contro Gomez, descrivendole come parte di una campagna di molestie politiche lanciata dalle forze di destra.

Il presidente argentino Javier Miley parla durante una manifestazione organizzata dal partito di estrema destra spagnolo Vox in vista delle elezioni europee, a Madrid, Spagna, 19 maggio 2024 [Ana Beltran/Reuters]

I commenti di Miley non sono venuti dal nulla. Argentina e Spagna si sono scambiati pugnali diplomatici, barbe sul consumo di droga e sulla politica economica e sociale nelle settimane precedenti la visita del sedicente presidente “anarco-capitalista” nella capitale spagnola.

“Con il suo comportamento, Miley ha portato il rapporto tra Spagna e Argentina nella situazione più pericolosa della storia moderna”, ha detto Albares in una dichiarazione video.

Il ministro degli Esteri ha aggiunto che non escluderà la rottura delle relazioni diplomatiche con l'Argentina se non verranno presentate le scuse.

E ha aggiunto: “Ovviamente non vogliamo prendere queste misure, ma se non ci saranno scuse pubbliche, lo faremo”.

Anche il capo della politica estera dell'Unione Europea, Josep Borrell, ha commentato l'insulto di Melelli, affermando domenica che “gli attacchi contro i familiari dei leader politici non hanno posto nella nostra cultura”.

Ma il portavoce di Miley ha detto che il leader argentino non si scuserà, dicendo che i funzionari spagnoli dovrebbero ritrattare gli insulti che gli hanno rivolto.

Miley, che ha iniziato la sua visita in Spagna venerdì, ha infranto il protocollo diplomatico rifiutandosi di incontrare il re spagnolo Felipe VI e Sanchez.

Invece, ha promosso il suo libro insieme al leader di Vox Santiago Abascal durante una manifestazione del partito.

Nel suo primo giorno in Spagna, Miley ha denunciato quello che ha definito socialismo “satanico”.

Parlando dei suoi libri sulle idee libertarie, ha detto: “Non permettiamo al lato oscuro, nero, satanico, terribile e canceroso, che è il socialismo, di dominarci”.

Ma sul

Lo spagnolo di sinistra e l’argentino di estrema destra non sono mai andati d’accordo.

READ  Dieci aretini imbrogliati e un milione di euro evaporato con il trading online

Sanchez ha sostenuto Sergio Massa nelle elezioni che hanno portato Miley al potere a dicembre. Inoltre non ha più contattato Miley dopo la sua vittoria.

Nel frattempo, il presidente argentino ha sostenuto apertamente Vox.