Lady Gaga parla del motivo per cui non ha accettato “House of Gucci”

L’accento “House of Gucci” di Lady Gaga non è stata l’unica strana scelta di recitazione che la pop star ha fatto per prepararsi al film di Ridley Scott.

La pop star non era interessata a incontrare la famigerata “Lady Gucci” Patrizia Reggiani, che interpreta nel film drammatico in arrivo, anche dopo che l’icona della moda, 72 anni, ha chiarito che era “un po’ arrabbiata” con il cantante che non ‘T. consultarsi con lei.

Il film della Scott MGM, in uscita il 24 novembre, racconta la storia dell’omicidio nel 1995 di Maurizio Gucci (interpretato da Adam Driver), l’ex marito di Reggiani ed erede della casa di moda. La socialite milanese è stata condannata nel 1998 per aver facilitato l’omicidio di Gucci, diversi anni dopo il loro scandaloso divorzio.

“Ho sentito che avrei potuto davvero rendere giustizia a questa storia solo se mi fossi avvicinato ad essa con l’occhio di una donna curiosa che fosse interessata ad avere un’anima giornalistica in modo da poter leggere tra le righe di ciò che stava accadendo nelle scene del film”, Lady Gaga ha detto di recente. Vogue Britannico. “Nel senso che nessuno mi dirà chi era Patricia Gucci. Nemmeno Patricia Gucci”.

“Ho fatto del mio meglio per recitare la verità”, ha detto alla fine del profilo, svelando la caotica storia della famiglia di moda che Reggiani ha sposato.

Reggiani, conosciuta anche come la “Vedova Nera” italiana, è stata scarcerata. L’ho detto all’agenzia di stampa italiana dimenticare A marzo, era sconvolta dal fatto che Gaga stesse recitando la sua parte “senza avere la considerazione e la sensibilità di venirmi incontro”, spiegando che era “una questione di buon senso e rispetto”.

READ  Southgate deve affrontare "grandi decisioni" sull'attacco dell'Inghilterra all'euro | notizie di calcio

Ma il vincitore del Grammy e dell’Oscar non la vedeva così. Invece, Gaga ha condiviso i modi unici in cui si è preparata per il ruolo: andare in pieno stile, avvicinarsi al film come reporter e occuparsi delle riprese per mettere insieme l’affascinante Reggiani.

Incanalare le proprie radici italiane, Gaga, il cui vero nome è Stephanie Germanotta, è entrata in possesso della sceneggiatura poco dopo il suo debutto come protagonista nel film A Star Is Born del 2018. Ha trascorso tre anni a lavorare su “House of Gucci” e ha “vissuto” come Reggiani per un anno e mezzo Ha parlato con un forte accento italiano per nove mesi, sia dentro che fuori dalla telecamera.

“Non sono mai stato rotto. Sono rimasto con lei”, ha detto Gaga, che è diventata anche bruna per aiutare a entrare nel modo di pensare. Ha persino perso il contatto con la realtà verso la fine delle riprese e ha rotto con la famiglia e gli amici mentre incarnava l’icona con i tacchi alti.

“Finisci per sembrare come loro, sì, ma non è imitazione, è trasformazione”, ha aggiunto.

Gaga ha trascorso più di un anno a guardare ritagli di giornale e registrazioni Reggiani, compresi i nastri Reggiani in cui era molto critica nei confronti del suo ex marito. Ma non ha letto nemmeno il testo di partenza, il libro di Sarah Gay Forden del 2000, “The House of Gucci: A Sensational Story of Murder, Madness, Glamour and Greed”.

“Non volevo nulla con un’opinione che potesse influenzare il mio pensiero in alcun modo”, ha detto il cantante.

La cantante di “Born This Way” ha detto che non vuole “glorificare qualcuno che potrebbe commettere un omicidio”, ma piuttosto “rispettare le donne nel corso della storia che sono diventate esperte di sopravvivenza e delle sfortunate conseguenze del danno. Spero che le donne guardino questo e ricordarsi di pensare.” Il doppio del fatto che le persone feriscono le persone. E questo è pericoloso.”

READ  Dentro la prima direzione radicale di Maggie Gyllenhaal, "The Lost Daughter"

Quando le è stato chiesto se avrebbe incontrato Reggieni, Gaga ha detto che non era del tutto sicura.

“Penso che ci voglia un certo quoziente emotivo per essere un’attrice”, ha detto. “Il modo in cui mi sono sentito mentre interpretavo questo personaggio alla fine, mi sono reso conto che quando uccidi qualcun altro, stai davvero uccidendo te stesso”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x