Le esportazioni di petrolio venezuelano verso l’Europa dovrebbero riprendere dopo due anni

Una foto del logo dell’azienda energetica italiana Eni in una stazione di servizio a Roma, 30 settembre 2018. REUTERS/Alessandro Bianchi

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

17 giugno (Reuters) – Un carico di 650.000 barili di petrolio venezuelano noleggiato dall’italiana Eni (ENI.MI) sta per salpare, trasportando la prima esportazione di greggio dal Paese sanzionato dagli Stati Uniti verso l’Europa in due anni, secondo Refinitiv Dati Eikon. Spettacolo venerdì.

A maggio il Dipartimento di Stato Usa ha inviato lettere alle spagnole Eni e Repsol autorizzandole a riprendere i rapporti con il greggio venezuelano come un modo per saldare miliardi di dollari di debiti e profitti dovuti dal membro dell’OPEC.

Un’altra petroliera noleggiata da Eni, la VLCC Pantanassa, è attualmente in rotta verso il Venezuela e dovrebbe trasportare 2 milioni di barili dello stesso grado, di Dilute Crude Oil (DCO), e portarlo in Europa, secondo i dati Eikon e un documento di spedizione visto Ha Reuters.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La spedizione dovrebbe essere consegnata dalla PDVSA venezuelana alla fine di questo mese con un’opzione per Eni di vendere parte del greggio alla spagnola Repsol (REP.MC) per le sue raffinerie di Cartagena e Bilbao, secondo il documento e le fonti.

Il documento ha aggiunto che la nave Pantanassa battente bandiera maltese dovrebbe essere caricata tramite trasferimento da nave a nave vicino al porto venezuelano di Amway.

Eni, Repsol e Budvsa non hanno subito risposto alle richieste di commento.

Le esportazioni di petrolio del Venezuela sono scese a maggio al livello più basso degli ultimi 19 mesi a causa delle modifiche contrattuali imposte da PDVSA per convertire la maggior parte delle vendite spot in prepagate, riducendo il rischio di spedizioni non pagate. La modifica non ha interessato i clienti nell’ambito dei contratti di swap per il rimborso del debito.

READ  266 miliardari nascondono le loro fortune in questo piccolo "ducato" europeo

Società europee, asiatiche e americane che operano in joint venture con PDVSA in Venezuela, tra cui Eni, Repsol, Chevron (CVX.N), ONGC Ltd (ONGC.NS) e Maurel & Prom (MAUP.PA), hanno accumulato miliardi di dollari in debito in sospeso Da quando il governo del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sospeso gli scambi di petrolio utilizzati per scambiare petrolio venezuelano con carburante e pagamenti del debito. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Mariana Baraga) Montaggio di Gary McWilliams

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x