L’esercito del Myanmar vieta i canali satellitari, accusa il giornalista giapponese | Notizie dai media

E i generali che hanno preso il potere con un colpo di stato tre mesi fa stanno cercando un maggiore isolamento, in mezzo alla persistente opposizione al loro governo.

I media controllati dai militari del Myanmar hanno annunciato il divieto delle antenne della TV satellitare, affermando che le trasmissioni straniere minacciano la sicurezza nazionale, poiché i generali che hanno preso il potere in un colpo di stato del 1 ° febbraio hanno accusato un giornalista giapponese di diffondere notizie false.

“I canali satellitari non sono più legali. La televisione MRTV all’avanguardia ha detto martedì che chiunque violi la legge sulla TV e sul video, in particolare le persone che usano le antenne satellitari, sarà punito con un anno di prigione e una multa di 500.000 kyat. ($ 320). “

“I media illegali trasmettono notizie che minano la sicurezza nazionale, lo stato di diritto e l’ordine pubblico e incoraggiano coloro che commettono tradimento”.

I generali guidati dal capo dell’esercito Min Aung Hlaing hanno arrestato la leader eletta Aung San Suu Kyi ei membri del suo governo il 1 ° febbraio quando hanno preso il potere, ponendo fine al lento progresso del Myanmar verso la democrazia.

Da allora il paese è in subbuglio, con oltre 760 persone uccise mentre le forze di sicurezza lottano per reprimere le manifestazioni quasi quotidiane contro il suo governo.

READ  Il ministero della Difesa annulla tutti i contratti sui muri di confine utilizzando i fondi stanziati per le missioni militari

Hanno tagliato l’accesso a Internet mobile e costretto i media indipendenti a chiudere e arrestare i giornalisti. Almeno 50 sono attualmente in detenzione.

Il giornalista giapponese Yuki Kitazumi, arrestato per la seconda volta il mese scorso, è stato accusato lunedì.

Kitazumi è il primo giornalista straniero incriminato dal colpo di stato. Un fotografo polacco che è stato arrestato mentre copriva una protesta a marzo è stato rilasciato ed espulso dopo quasi due settimane di detenzione.

Il Giappone, il più grande donatore di aiuti del Myanmar, preme da anni per il rilascio di Kitazumi.

“Naturalmente, continueremo a fare del nostro meglio per ottenere il rilascio anticipato del cittadino giapponese detenuto”, ha detto il ministro degli Esteri Toshimitsu Motegi ai giornalisti giapponesi durante un viaggio in Gran Bretagna, secondo la radio nazionale NHK.

Il giornalista giapponese Yuki Kitazumi è stato scortato alla stazione di polizia di Yangon quando è stato arrestato per la prima volta a febbraio. È stato accusato di aver diffuso notizie false [File: AP Photo]

Le manifestazioni a favore della democrazia sono continuate nonostante gli sforzi dei militari per eliminare il dissenso.

I manifestanti si sono riuniti martedì a Mandalay, la seconda città più grande del Myanmar, mentre i lavoratori dell’istruzione hanno chiesto il boicottaggio di scuole e università quando hanno riaperto a giugno, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Myanmar Now.

I media locali hanno riferito che cinque persone sono state uccise in almeno un pacco martedì, tra cui un deputato deposto e tre agenti di polizia che si sono uniti al movimento di disobbedienza civile contro il governo militare.

Nel frattempo, la Chenland Defence Force, una milizia di recente formazione nello stato di Chin, al confine con l’India, ha dichiarato martedì sulla sua pagina Facebook che le sue forze avevano ucciso almeno quattro soldati dell’esercito del Myanmar e ferito 10 in uno scontro notturno.

READ  Corona virus, quattro milioni di visoni saranno estratti e inceneriti in Danimarca

L’esercito birmano non ha commentato questa accusa.

Il DVB indipendente ha riferito che gli abitanti del villaggio hanno trovato il corpo decapitato di un funzionario locale nominato dall’esercito nel distretto di Sagaing nord-occidentale, il giorno dopo che un altro funzionario locale è stato pugnalato a morte a Yangon, la città più grande.

L’agenzia di stampa Reuters non è riuscita a contattare la polizia locale per un commento.

I militari hanno difeso la presa del potere, sostenendo la frode nelle elezioni di novembre, vinte in modo schiacciante dal partito di Aung San Suu Kyi, e condannando i manifestanti come rivoltosi e terroristi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x