L’hacker di Lapsu$ responsabile del leak di GTA 6 è stato condannato all’ergastolo in ospedale

L’hacker di Lapsu$ responsabile del leak di GTA 6 è stato condannato all’ergastolo in ospedale

Arion Kurtag è stato considerato ad alto rischio per il pubblico a causa delle sue capacità e del desiderio di commettere nuovamente crimini informatici, e rimarrà in un ospedale sicuro finché non sarà più considerato un rischio.

Il diciottenne responsabile della famigerata violazione dei dati di Rockstar Games lo scorso anno è stato condannato alla reclusione indefinita da un tribunale britannico, secondo il Daily Mail britannico. BBC un report.

Arion Kurtag di Oxford sarebbe stato un membro chiave della banda di criminali informatici Lapso, che negli ultimi anni ha guadagnato notorietà grazie a una serie di attacchi di alto profilo contro diverse organizzazioni.

Un giudice britannico ha condannato Kurtag a ricoverarlo a vita in un ospedale sicuro a meno che i medici non ritenessero che non rappresentasse più un pericolo. Il giudice ha affermato che le sue capacità e il desiderio di commettere crimini informatici lo hanno reso nuovamente un rischio elevato per il pubblico, ha riferito la BBC.

Poiché Kurtag soffre di grave autismo, i medici lo hanno ritenuto non idoneo a sostenere un processo, quindi alla giuria è stato chiesto di determinare se avesse commesso o meno i presunti atti e se lo avesse fatto con intenti criminali.

Alla giuria è stato detto che Kurtag era stato rilasciato su cauzione per aver hackerato Nvidia e BT/EE ed era sotto protezione della polizia quando ha hackerato Rockstar. Il famigerato hack che ha fatto trapelare il filmato di Grand Theft Auto 6 (GTA 6) sarebbe stato effettuato utilizzando un dispositivo Amazon Firestick, la TV di un hotel e un telefono cellulare, e il laptop di Kurtaj sarebbe stato sequestrato.

READ  Apple Seeds IV macOS Monterey 12.5 beta per sviluppatori

Il filmato trapelato includeva circa 90 videoclip che mostravano rapine, inseguimenti in auto e scontri a fuoco, scene tipiche della serie di giochi d’azione e di avventura. I video sono stati pubblicati sulla bacheca online, GTAForums, ma sono stati successivamente rimossi dal forum su richiesta di Rockstar Games.

All’epoca, Rockstar Games si dichiarò “estremamente delusa” dal fatto che i dettagli di GTA 6 fossero trapelati in questo modo, ma aggiunse che l’hacking non avrebbe avuto alcun impatto sulla sequenza temporale di sviluppo del prossimo gioco.

Il team di difesa di Kurtag ha sostenuto che il successo del recente lancio del trailer del gioco indica che l’hacking non ha causato gravi danni allo sviluppatore del gioco. Ma alla corte britannica è stato detto che Kurtag era stato violento durante la sua detenzione, provocando lesioni e danni alla proprietà.

Nel frattempo, la BBC ha riferito che un membro della LAPSO$ di 17 anni è stato giudicato colpevole nello stesso processo e condannato a un ordine di riabilitazione giovanile di 18 mesi. Questo adolescente sarebbe stato coinvolto negli attacchi di Nvidia e BT e nel furto direttamente dai portafogli di criptovaluta.

La banda di criminali informatici ha rivendicato la responsabilità dell’attacco informatico Nvidia nel febbraio 2022. Una settimana dopo, ha affermato di aver fatto trapelare quasi 190 GB di dati da Samsung. Più tardi, nel marzo 2022, sia Okta che Microsoft hanno confermato la violazione dei dati da parte di Lapsus$.

Nel settembre 2022, Uber ha affermato che un hacker legato al gruppo criminale informatico Lapsus$ era responsabile di un attacco informatico che ha costretto la società di ride-hailing a chiudere molti dei suoi strumenti interni.

READ  Esiste una modalità Prestigio in Call of Duty: Vanguard?

10 cose che devi sapere direttamente nella tua casella di posta ogni giorno feriale. Iscriversi per Riepilogo quotidianoIl riassunto delle notizie scientifiche e tecnologiche essenziali di Silicon Republic.

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x