L’Iran dice agli Stati Uniti di “farsi da parte” mentre si prepara a rispondere a Israele per l’attacco in Siria

L’Iran dice agli Stati Uniti di “farsi da parte” mentre si prepara a rispondere a Israele per l’attacco in Siria

Gli Stati Uniti non hanno commentato il presunto messaggio inviato dall'Iran.

Venerdì le persone in lutto cercano di toccare le bare ricoperte di bandiere dei membri della Guardia rivoluzionaria uccisi in un attacco aereo sul consolato iraniano in Siria. Foto: AP

La CNN ha riferito che gli Stati Uniti sono in massima allerta e si stanno preparando per una risposta “importante” da parte dell’Iran contro obiettivi israeliani o americani nella regione. La rete ha citato un funzionario americano senza nome.

La NBC, citando funzionari americani anonimi, ha affermato che l’amministrazione del presidente americano Joe Biden è preoccupata che qualsiasi attacco possa avvenire all’interno di Israele, in particolare contro “obiettivi militari o di intelligence, e non contro i civili”.

Bloomberg ha riferito che l’amministrazione Biden ha compiuto il passo insolito di comunicare direttamente con l’Iran che gli Stati Uniti non erano a conoscenza dell’attacco di lunedì a Damasco. Ciò indica che gli Stati Uniti stavano cercando di impedire che le loro forze e basi in Medio Oriente venissero attaccate.

La Repubblica Islamica ha detto che avrebbe dato uno “schiaffo” a Israele, il suo acerrimo nemico. Tuttavia, non è chiaro quando ciò accadrà o se l’Iran tenterà di attaccare Israele direttamente o attraverso uno dei suoi gruppi delegati come Hezbollah, con sede in Libano.

La Cina condanna l'attacco israeliano al consolato iraniano in Siria

L'attacco aereo ha preso di mira il consolato iraniano a Damasco, uccidendo almeno sette iraniani, tra cui due generali. Sebbene negli ultimi mesi Israele abbia ripetutamente preso di mira attività legate all’Iran in Siria, questa è stata la prima volta che un attacco ha preso di mira un edificio diplomatico iraniano.

Da allora, Israele è in allerta, annullando il permesso di ritorno per le forze combattenti, richiamando le riserve e rafforzando le proprie difese aeree.

I suoi militari hanno inviato segnali di navigazione su Tel Aviv giovedì per disabilitare droni o missili guidati da GPS che potrebbero essere lanciati nel paese.

Venerdì, parlando alle forze israeliane in una base aerea, il ministro della Difesa Yoav Galant ha affermato che Israele attacca i nemici ovunque decida di farlo.

Ha detto: “Potrebbe essere a Damasco, e potrebbe essere a Beirut”. Ha aggiunto: “Il nemico è sottoposto a duri colpi ovunque e sta quindi cercando modi per rispondere”. “Siamo pronti con una difesa a più livelli”.

Il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah ha dichiarato venerdì che la risposta iraniana arriverà senza dubbio. Ma ha detto che il suo gruppo “non interferirà in tali decisioni”.

“E dopo, come si comporterà Israele, la regione entrerà in una nuova fase”, ha detto Nasrallah in un discorso televisivo durante il Jerusalem Day.

I sostenitori di Hezbollah alzano i pugni e cantano mentre ascoltano un discorso del leader del gruppo, Sayyed Hassan Nasrallah, parlando in collegamento video a Beirut, in Libano, venerdì. Foto: AP

Nasrallah, che vive nascosto, ha sottolineato il lavoro coordinato svolto dai cosiddetti gruppi di resistenza iraniani nella regione.

Hezbollah, la milizia più potente del Medio Oriente, ha affermato che il gruppo non ha utilizzato il suo “arsenale di base” negli scontri quotidiani con Israele lungo il confine meridionale del Libano da quando è iniziata la guerra tra Israele e Gaza il 7 ottobre.

Ha aggiunto: “Non abbiamo ancora utilizzato le nostre armi principali e non abbiamo ancora utilizzato le nostre forze principali”.

Nasrallah ha affermato che Hezbollah è “pienamente preparato e pronto” per qualsiasi guerra con Israele.

“Se loro (gli israeliani) vogliono la guerra, li salutiamo”.

Nasrallah ha rinnovato la sua posizione secondo cui il fronte libanese vicino al confine israeliano nel Libano meridionale è collegato alla guerra di Gaza. Ha aggiunto: “Quando la guerra finirà a Gaza, finirà qui”.

Terrorismo in aumento in Asia: l’ISIS risveglia le cellule dormienti in un cambiamento strategico mortale

Hezbollah ha detto venerdì che tre dei suoi combattenti sono stati uccisi negli scambi con Israele. Il suo alleato, il Movimento Amal, ha affermato di aver perso anche tre combattenti in un attacco aereo nel sud del Libano.

L'esercito israeliano ha dichiarato in un comunicato di aver bombardato un “complesso militare” utilizzato dal movimento Amal e di aver preso di mira diverse aree nel sud del Libano.

Un portavoce militare aveva precedentemente postato su Twitter che l'aeronautica israeliana aveva bombardato le infrastrutture di Hezbollah.

Durante il Giorno di Gerusalemme si sono svolte marce di solidarietà con i palestinesi in tutta la regione.

Centinaia di persone hanno manifestato nel campo profughi di Yarmouk a Damasco, compresi membri del movimento della Jihad islamica, e molti di loro hanno gridato: “Gerusalemme, stiamo arrivando”.

A Baghdad, gruppi filo-iraniani hanno organizzato una marcia di circa 2.000 persone che si sono radunate in Palestine Street cantando: “No all’America, no a Israele”.

Sul terreno è stata disegnata una bandiera israeliana in modo che i manifestanti potessero calpestarla.

Ulteriori segnalazioni da parte dell'AFP

READ  BC SPCA vuole porre fine al trasferimento di cani da una certa nicchia - BC News

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x