L’Italia ospita la “Ragazza afgana” globale di National Geographic

ROMA: L’Italia ha dato un rifugio sicuro a Sharbat Gula, la “ragazza afgana” dagli occhi verdi la cui fotografia del National Geographic del 1985 è diventata un simbolo delle guerre del suo Paese, ha detto giovedì l’ufficio del Primo Ministro italiano Mario Draghi.

Una dichiarazione afferma che il governo è intervenuto dopo che Gula ha chiesto assistenza per lasciare l’Afghanistan dopo che i talebani hanno preso il controllo del paese ad agosto, aggiungendo che il suo arrivo faceva parte di un programma più ampio per evacuare e integrare i cittadini afgani.

Il fotografo americano Steve McCurry ha catturato la foto di Gula da ragazza che vive in un campo profughi al confine tra Pakistan e Afghanistan.

I suoi splendidi occhi verdi che spuntavano da un velo con un misto di ferocia e dolore l’hanno resa nota a livello internazionale, ma la sua identità è stata scoperta solo nel 2002 quando McCurry è tornato nella zona e l’ha rintracciata.

Linee guida per il rilascio dei talebani per i media, vietare le esibizioni con le attrici

Il National Geographic ha detto all’epoca che un analista dell’FBI, scultore forense e inventore del riconoscimento dell’iride stava verificando la sua identità.

Nel 2016, Gola è stato arrestato dal Pakistan con l’accusa di aver falsificato una carta d’identità nazionale nel tentativo di vivere nel paese.

L’allora presidente afghano Ashraf Ghani l’ha accolta e ha promesso di darle un appartamento che le avrebbe garantito “di vivere in dignità e sicurezza nella sua patria”.

Da quando hanno preso il potere, i leader talebani hanno affermato che rispetteranno i diritti delle donne secondo la legge islamica. Ma sotto i talebani dal 1996 al 2001, le donne non potevano lavorare e alle ragazze era impedito di andare a scuola. Le donne dovevano coprirsi il volto ed essere accompagnate da un parente maschio quando uscivano di casa.

READ  La recente crisi politica in Italia potrebbe portare a ulteriori turbolenze economiche

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x