L'italiana Valentina Pelé – The Hollywood Reporter

L'italiana Valentina Pelé – The Hollywood Reporter

Lo scorso 14 febbraio, l'attrice Valentina Belle ha calcato il tappeto rosso dei Critics' Choice Awards Buone madri, la serie Disney+ diretta da Julian Jarrold ed Elissa Amoruso, che è stata nominata come Migliore serie straniera dopo essere stata presentata in anteprima lo scorso anno a Berlino, dove ha vinto il Berlinale Premier Series Award del festival. Il 31enne Pelé tornerà a Berlino quest'anno, dopo essere stato scelto come volto italiano degli European Shooting Stars, premio annuale assegnato ai talenti emergenti.

“Sono molto onorato”, dice Billy. “Non vedo l'ora di incontrare i miei fantastici compagni di squadra provenienti da tutta Europa, tutti questi talenti straordinari. E non vedo l'ora di essere a Berlino per scambiare idee ed esperienze. E per scoprire dove tutto è iniziato per loro.”

Ha debuttato sul palco della sua scuola elementare. “Uno spazio ristretto dove abbandonare per un po’ l’idea di sé stessi”, racconta. “Lì, in qualche modo, la realtà si espande, e questo è l'amore per la recitazione per me fino ad oggi. Lì ho capito che volevo fare questo per il resto della mia vita. Ricordo di averlo detto a mia madre, ma non ho seguito una mia idea, dicevo tra me: “Lo inizierò appena avrò finito il liceo”. Quando ho finito, sentivo ancora quel desiderio forte, ma non capivo bene se fosse il sogno di una bambina o qualcosa del genere. vero.

Si è rivelato molto reale. Nel 2012, Billie ha lasciato Verona e si è diretta dall'altra parte del mondo, a New York, per studiare al famoso Lee Strasberg Theatre and Film Institute. “Appena ho messo piede nell'accademia, ho capito che il sogno non era solo un'allucinazione”, dice. “È stata un'esperienza straordinaria.” Rimase lì per cinque mesi prima di tornare in Italia per frequentare il Centro Sperimentale di Cinematografia, la scuola di cinema più prestigiosa d'Italia, che conta come ex alunni leggende del cinema italiano come Michelangelo Antonioni e Dino De Laurentiis.

READ  La canzone "Eternal" di Chloe Zhao, dei Marvel Studios, è impostata come Chroma Closer

“All’inizio non sono stata accettata perché ero la prima nel gruppo degli “esclusi””, ricorda. “Quando non ho fatto il primo montaggio, non sapevo davvero cosa fare. Volevo andare a Londra per provare ad entrare nella sede della gilda [the London-based music and drama school]. Mi ha anche consigliato di rivolgermi ad un agente. Quando mi hanno proposto alcuni ruoli ho avuto un po’ di crisi perché volevo prima finire gli studi. Ho chiesto consiglio ai miei insegnanti e loro mi hanno detto di sfruttare queste opportunità, così ho fatto. La mia storia è andata così e, a questo punto, non posso essere felice che abbia funzionato.

Bailey ammette che avrebbe continuato la sua carriera di insegnante se non avesse avuto un solido piano di riserva. “Ho sempre pensato che l'insegnamento fosse uno dei lavori più belli”, afferma. “Uno dei miei insegnanti mi ha cambiato la vita. So che hanno il potere di aiutare i giovani a scoprire che possono ottenere qualcosa, a sognare e ad aiutarli a prosperare. Insegnare è un lavoro eccezionale e molto difficile.”

Fin dal suo primo piccolo ruolo nel film Renato Di Maria La Vita Ocenapresentato in anteprima al Festival del cinema di Venezia 2014, Belli ha lavorato con numerosi scrittori e registi internazionali di spicco sia nel cinema che in televisione, tra cui gli autori italiani Paolo e Vittorio Taviani (Lo straordinario Boccaccio Nel 2015 e Arcobaleno: un rapporto speciale Nel 2017). Nella prima stagione della serie Rai Fiction MediciHa cantato al fianco di Dustin Hoffman, con il quale ha lavorato di nuovo nel thriller del 2019 Nel labirinto. Nel 2023 è protagonista di due film proiettati in concorso all'80ª Mostra del Cinema di Venezia: il film biografico su Michael Mann. Ferrari e il dramma in costume di Giorgio Dirretti Lobo.

Bella ricorda almeno due momenti decisivi. Il primo è stato nel 2018, in poi Fabrizio De André: Principe Liberofilm tv sul cantautore italiano, il secondo dei quali è avvenuto lo scorso anno Buone madri. “Sono passati molti anni tra questi due”, dice [that time] Ho avuto tante esperienze molto importanti, tra cui recitare nel mio dialetto, Venezia. Nella serie televisiva Volevo essere una rock star [in which Bellè plays a young woman struggling with the responsibilities of adulthood]Mi sono reso conto di quanto sia importante per un attore avere la possibilità di recitare con il proprio accento. Ti dà accesso a un tipo di verità e libertà sul palco che altrimenti non potresti mai scoprire.

READ  La A alla Z del vino: le lettere S, T, U e V

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x