L'occasione mancata di San Marino per la prima vittoria in 20 anni contro i perdenti dei Caraibi

L'occasione mancata di San Marino per la prima vittoria in 20 anni contro i perdenti dei Caraibi

L'occasione mancata di San Marino per la prima vittoria in 20 anni contro i perdenti dei Caraibi

San Marino, classificata come la peggiore squadra nazionale di calcio secondo il ranking FIFA, ha sopportato una lunga siccità senza vittorie. Con una popolazione di sole 33.000 persone e un territorio grande la metà di Manchester, il piccolo paese fatica a lasciare un segno nel calcio internazionale. Tuttavia, la forma recente ha mostrato alcuni segnali di miglioramento, poiché ha segnato gol in ciascuna delle ultime tre partite, anche contro avversari forti come la Danimarca.

La partita contro Saint Kitts e Nevis, la squadra caraibica classificata al 63° posto sopra San Marino, ha offerto alla squadra una grande opportunità per porre fine ai 20 anni di attesa per una vittoria. I bookmaker hanno addirittura favorito San Marino per la vittoria nella partita di Serravalle.

La partita è iniziata bene per i sammarinesi quando Filippo Berardi ha segnato un rigore al 21' portando in vantaggio i padroni di casa. I fan erano entusiasti e uno di loro ha espresso la sua felicità sui social media. Ma la gioia non è durata a lungo, quando Taiquan Tyrell ha pareggiato per il Saint Kitts e Nevis al 31'. Prima della fine del primo tempo, Andre Burley ha segnato il secondo gol per gli ospiti, che ha ridotto le speranze di rimonta di San Marino. Il colpo finale è arrivato al 49' quando Harry Panayiotou ha segnato il terzo gol per Saint Kitts e Nevis.

La partita si è conclusa con un deludente punteggio di 3-1, estendendo la serie di vittorie consecutive di San Marino a 137 partite. Questo risultato significa che Liechtenstein e Anguilla possono tirare un sospiro di sollievo poiché il loro record combinato di 35 partite senza vittorie rimane intatto. L'unica vittoria di San Marino nella sua storia è arrivata sul Liechtenstein nel 2004.

READ  L'ungherese Szilagyi nel mondo dei sogni dopo aver fatto la storia della scherma olimpica

Il capitano del San Marino Matteo Vitaioli, che ha giocato la sua prima partita 17 anni fa, ha espresso il suo disappunto ma è rimasto ottimista. Vede l'imminente rivincita come un'occasione di riscatto e un'opportunità per far parte della storia della nazionale del suo paese.

Il doubleheader contro St. Kitts e Nevis offre una seconda possibilità a San Marino di porre fine alla sua serie senza vittorie. Vitaioli ritiene che la vittoria lascerà un impatto duraturo e sarà ricordata negli anni a venire, data la scarsità di vittorie nella storia della squadra.

San Marino continua a lottare per la vittoria e cercherà di rifarsi nella prossima partita. Nonostante la delusione causata dalla recente sconfitta, c'è ancora speranza che la squadra possa ribaltare le proprie sorti e ottenere la vittoria tanto attesa.

Nel complesso, la prestazione di San Marino contro Saint Kitts e Nevis ha mostrato la determinazione e il miglioramento degli ultimi anni. Sebbene la vittoria possa essere sfuggente in questa occasione, i loro progressi sono chiari e continueranno a lottare per il successo sulla scena internazionale.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x