L'Ucraina celebra ufficialmente il Natale il 25 dicembre per la prima volta | Notizie sulla guerra russo-ucraina

L'Ucraina celebra ufficialmente il Natale il 25 dicembre per la prima volta |  Notizie sulla guerra russo-ucraina

Questo cambiamento riflette l’insoddisfazione degli ucraini per l’invasione russa durata 22 mesi e per la loro affermazione della propria identità nazionale.

Gli ucraini hanno celebrato il Natale il 25 dicembre per la prima volta, come parte degli sforzi in corso per rimuovere l’influenza russa dal loro Paese.

Il cambiamento è stato attuato in una legge firmata dal presidente Volodymyr Zelenskyj a luglio, che riflette l’insoddisfazione degli ucraini per l’invasione russa durata 22 mesi e la loro affermazione della propria identità nazionale.

L’Ucraina ha celebrato il Natale lo scorso gennaio, come fanno i russi.

“È giustizia storica”, ha detto Yevhen Konnik, un soldato di 44 anni, che ha partecipato con la sua famiglia alle cerimonie tradizionali in un museo all'aperto a Kiev.

“Dobbiamo andare avanti non solo con il mondo ma anche con le tradizioni del nostro Paese e superare le vestigia imperiali che avevamo”.

L'Ucraina è in gran parte cristiana ortodossa, ma la fede è divisa tra due chiese, una delle quali ha una lunga affiliazione con la Chiesa ortodossa russa.

La Chiesa ortodossa ucraina, che non riconosce l'autorità della Chiesa russa ed era considerata scismatica, ha ricevuto nel 2019 il pieno riconoscimento dal Patriarca ecumenico di Costantinopoli, la massima autorità dell'Ortodossia.

La Chiesa ortodossa ucraina, che era un ramo della Chiesa russa, ha annunciato nel 2022, dopo l'inizio della guerra russo-ucraina, che avrebbe tagliato i legami con Mosca e sarebbe diventata indipendente.

Tuttavia, le sue diocesi continuano a seguire lo stesso calendario liturgico della Chiesa russa e celebreranno il Natale il 7 gennaio.

Molti ucraini hanno abbracciato con entusiasmo la decisione di celebrare il Natale in una data in linea con il resto dell’Europa occidentale.

READ  Gaza: Medici Senza Frontiere condanna l'attacco deliberato contro un convoglio che trasportava personale, provocando la morte di una persona e il ferimento di un'altra.

Celebrare il 25 dicembre è “un altro importante fattore di autoidentificazione”, ha affermato Oksana Povyakl, direttrice del Museo Pirokhiv di architettura e vita popolare dell’Ucraina, dove si sono svolte le celebrazioni natalizie.

“Ci separiamo dal vicino che attualmente sta cercando di distruggere il nostro Paese, che sta uccidendo la nostra gente, distruggendo le nostre case e bruciando la nostra terra”, ha detto.

Asia Landarenko, 63 anni, ha detto che prega ogni giorno per suo figlio, che è nell'esercito.

“Lo stato di guerra influenza tutto, compreso l’umore. E ha aggiunto: “La vera celebrazione del Natale sarà dopo la vittoria, ma proprio come è nato il Salvatore, così sarà la nostra vittoria”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x