L’UE e gli Stati Uniti “da soli” non possono resistere alla Cina – EURACTIV.com

L’UE e gli Stati Uniti “da soli” non possono resistere alla Cina – EURACTIV.com

Il presidente ceco Petr Pavel ha chiesto una strategia congiunta ed equilibrata tra Stati Uniti, Europa e altre democrazie per affrontare il crescente potere economico, politico e finanziario della Cina, evitando linee di divisione tra di loro.

Pavel ha parlato delle relazioni tra Unione europea, Stati Uniti e Cina con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel durante la sua visita a Bruxelles giovedì e venerdì.

“Non dovremmo tracciare alcuna linea di demarcazione tra Europa, Nord America e altre democrazie, ma cercare approcci comuni che ci aiutino a creare un adeguato equilibrio del potere economico, politico e finanziario della Cina”, ha detto venerdì Pavel alla stampa ceca.

Ha indirettamente fatto riferimento alle osservazioni di Macron, affermando che era “naturale per molti Stati membri avere opinioni diverse”.

Tuttavia, Pavel si è detto convinto che i paesi democratici dovrebbero cercare di “cambiare le regole del gioco” e non accettare quelle per cui la Cina sta spingendo.

L’Unione europea non può farlo da sola. Nemmeno gli Stati Uniti possono farcela da soli nel lungo periodo. Il modo per creare un sufficiente contrappeso economico, politico e forse anche militare alla Cina nel lungo periodo, ha sottolineato Pavel, è lavorare insieme.

Secondo il presidente ceco, che ha suscitato scalpore quando ha avuto una conversazione telefonica con il presidente taiwanese poco dopo la sua elezione, è necessario cooperare con le potenze indo-pacifiche Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda.

Pavel ha detto: “Solo lavorando con loro e unendo gli sforzi saremo in grado di creare una forza che la Cina rispetti”.

I suoi commenti arrivano in un momento in cui la Commissione sta cercando di persuadere i leader dell’Unione europea a mostrare unità di fronte alla Cina dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha acceso un acceso dibattito sulle relazioni con Pechino e la Cina ha scatenato una nuova polemica con commenti scettici sul post -Stati sovietici. Sovranità.

READ  Una donna incatenata in un tribunale ungherese fa arrabbiare l’Italia

Saradoxical” di recarsi in Cina

Le opinioni di Pavel trovano eco in alcuni leader ed esperti dell’UE, che sostengono un partenariato transatlantico più forte.

“Prendere le distanze primitive da Macron dagli Stati Uniti non è utile, e nel contesto della guerra in Ucraina, dove gli Stati Uniti giocano ancora il primo ruolo nel supporto militare, le parole sull’autonomia strategica a volte suonano ridicole”, ha detto Filip Chebok, un ceco esperto di Cina presso l’Associazione per gli Affari Internazionali International, ha dichiarato a EURACTIV.cz.

Ippock ha anche osservato che è “ironico” che i leader europei si rechino a Pechino nella speranza di convincere la Cina a fare pressioni su Putin affinché metta fine alla guerra in Ucraina.

Improvvisamente, la Cina è un attore che ci aspettiamo possa contribuire alla sicurezza europea, qualcosa che sarebbe stato inimmaginabile non molto tempo fa. Ha concluso dicendo: “Questa non è una situazione in cui dovrebbe trovarsi l’Unione europea”.

A marzo, Pavel è stato citato da EURACTIV Czechia per aver affermato che Macron aveva cambiato idea sulla creazione di un esercito europeo e sul rafforzamento della difesa dell’UE.

“C’è già stato un grande cambiamento da parte del presidente Macron – dall’esercito europeo, di cui ha parlato per anni, sullo sfondo della morte mentale della NATO, al dire ora che dobbiamo costruire una difesa europea sull’Europa pilastro della NATO, che apprezzo”, ha detto. Pavel: “È una svolta ragionevole”.

Per saperne di più: Presidente ceco: l’esercito dell’UE non è più nella mente di Macron

Il rapporto con Pechino ha scatenato polemiche a Roma, dove il premier Giorgia Meloni resta titubante sul rinnovo del protocollo d’intesa, in scadenza il prossimo anno.

READ  La Libia afferma che Roma ha revocato il divieto di voli civili nello spazio aereo italiano

Sebbene il commercio tra Italia e Cina avesse raggiunto nuovi massimi, le “nuove condizioni” con la crescita del potere cinese hanno reso i politici italiani più cauti.

Leggi anche: L’Italia esita ancora a rinnovare la partnership con la Cina

(Anita Zakova, Katerina Zykova | EURACTIV.cz)

Altro sullo stesso argomento…

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x