Lungometraggio in onore della pioniera del calcio femminile Rose Riley

Ora, la straordinaria storia di Rose Riley, che ha lasciato la nativa Ayrshire quando aveva 17 anni ed è stata votata come miglior giocatrice del mondo, sta per essere trasformata in un lungometraggio.

Chris Young, uno dei principali produttori cinematografici e televisivi della Scozia, lavora con Riley e Lorna Martin, una moderna drammaturga, attorno alle sue imprese calcistiche per portare la sua storia sul grande schermo.

Partecipazione Nella nostra newsletter quotidiana

le notizie Taglia il rumore

Il film, che si spera entrerà in produzione in estate, esplorerà la sorprendente ascesa alla ribalta di Riley nel calcio italiano, poiché ha vinto otto scudetti, quattro Coppe Italia ed è stata incoronata due volte Scarpa d’Oro.

Rose Riley è stata un’ispirazione per l’attuale generazione di calciatrici in Scozia.

Al suo apice nel 1983, ha portato la nazionale italiana alla vittoria in Coppa del Mondo contro gli Stati Uniti davanti a una folla di 90.000 spettatori in Cina.

Tuttavia, gli sforzi di Riley non sono stati quasi riconosciuti per decenni in Scozia, dove le autorità calcistiche l’hanno bandita a vita mentre lavorava all’estero.

Riley, che è stata legata a scuola ed espulsa per aver giocato a calcio con i ragazzi, è partita per la Francia dopo che il suo paese era l’unico paese in Europa a rifiutarsi di riconoscere il calcio femminile come sport professionistico.

I successi di Riley sono stati ufficialmente riconosciuti solo nel 2007, quando è stata inserita nella Scottish Football Hall of Fame ufficiale, ma era ancora in gran parte sconosciuta fino a un documentario della BBC Alba del 2019.

Kristina Strachan ha interpretato Rose Riley nella commedia di Lorna Martin sul calciatore.

Martin ha iniziato a lavorare a una commedia dopo che il documentario è stato presentato dalla regista teatrale Maureen Carr. È stato rinviato a causa della pandemia, ma Martin ha iniziato a lavorare sulla sceneggiatura durante il blocco dopo aver inviato la sceneggiatura a diversi produttori.

Young, che è tornata immediatamente da Martin per esprimere il suo interesse per un film sul calciatore, ha acquisito i diritti cinematografici sulla storia della vita di Riley dopo averla incontrata più volte per discutere del progetto.

Young ha detto: “Non avevo sentito parlare di Rose Riley fino a quando Lorna non mi ha mandato la sua commedia. Dopo circa tre minuti dalla lettura, ho deciso che volevo fare un film”.

“Era una storia assolutamente incredibile e non potevo credere di non aver sentito parlare di Rose.

Rose Riley è stata inserita nella Hall of Fame dello Scottish Football Museum.

“Ho messo due dita davanti a tutti e ho vinto il Mondiale, per carità. Non te lo puoi inventare”.

Young, meglio conosciuto come il produttore di The Inbetweeners, sta attualmente girando un lungometraggio sull’isola di Lewis.

Il British Film Institute (BFI), un sostenitore del prossimo dramma delle Ebridi Silent Roar, sta aiutando a sviluppare Rose Riilly.

Ha aggiunto: “Voglio che incarni l’audacia, la gioia e l’incredibile spirito di una diciassettenne a cui è stato detto da tutti che ciò che vuole fare non è il benvenuto in questo paese e il suo coraggio di lasciare la Scozia.

L’ultimo film del produttore Chris Young è attualmente in lavorazione sull’isola di Lewis. Foto: Ali Tolifi

“Voglio fare qualcosa che incoraggi le giovani donne, non solo in Scozia ma ovunque, a fare ciò che vogliono fare della loro vita e incoraggiare chiunque abbia un sogno a seguirlo.

“Ma voglio fare un film che faccia a pezzi e ridicolizzi anche le autorità calcistiche in Scozia e faccia vergognare completamente tutti coloro che si sono lasciati schierare con loro”.

“Fin dal primo giorno, c’erano ostacoli sulla mia strada, c’erano punizioni fisiche e non avevo un rifugio sicuro. Ho appena deciso di combattere con il mio amore e la mia passione per il gioco”, ha detto Riley.

“Non ho fatto nulla di male e non sapevo perché tutti volessero fermarmi. Ma chiaramente non c’era niente che potesse fermarmi”.

Martin, co-fondatore della serie televisiva Women on the Verge, ha dichiarato: “È una storia potente, stimolante e tanto attesa. È stato un successo incredibile, ma ha anche sfidato molto sessismo e misoginia in Scozia.

“Si è semplicemente rifiutata di accettare ciò che le è stato detto più e più volte: che il calcio non è un gioco per ragazze.

Rose Riley con Chris Young

“All’epoca, se volevano giocare a calcio, erano visti come un po’ strani, eccentrici o aberranti. Rose aveva un carattere così straordinario: sembrava che fosse nata per giocare a calcio”.

Riley è tornata sotto i riflettori il mese scorso quando la commedia di Martin è stata proiettata all’Oran Moor di Glasgow e al Traverse Theatre di Edimburgo.

Ha detto: “Ho pensato che l’idea del film fosse un po’ folle all’inizio. Ma ho anche pensato che l’idea di fare una commedia su qualcuno che gioca a calcio fosse un’idea folle. Ho pensato che sarebbe stato molto difficile da realizzare. , ma non mi rendevo conto di quanto sia abile Lorna come scrittrice.”

“Sono andato molto a vedere lo spettacolo – ero totalmente immerso in esso e volevo anche supportare l’attrice Christina Strachan, che è stata assolutamente incredibile. Ogni volta che andavo a vederla uscivo dopo lo spettacolo. Ha preso così tanto di il mio carattere.

“Ci sono state molte risate al riguardo, ma c’è stato molto pianto, soprattutto per l’ingiustizia di tutto ciò”.

Martin aggiunge: “Lo scenario attuale si concentra sul periodo in cui sono stato in gran parte costretto a lasciare la Scozia.

“La Scozia non la vuole e lei non ha niente per lei. È un’adolescente all’avventura di una vita per inseguire questo suo sogno”.

Riley, membro della prima squadra internazionale femminile scozzese, è stata premiata ad Hampden nel 2019 quando il primo ministro Nicola Sturgeon le ha regalato un cappello commemorativo, 47 anni dopo aver affrontato l’Inghilterra.

Riley ha aggiunto: “In ogni ambito della vita, se non abbiamo una voce per prendere decisioni, nulla cambierà e otterrai solo gesti simbolici.

“Non sono mai stato arrabbiato con nessuno della Scottish Football Association. L’ho appena capito. Se qualcuno ha un problema con me è il suo. Non perdo tempo con loro.

“Ma la Saudi Sports for All Federation è uno degli organismi calcistici più lenti in Europa, e forse anche nel mondo, a far progredire il calcio femminile. Stiamo sempre cercando di recuperare”.

Messaggio dell’editore: grazie per aver letto questo articolo. Contiamo più che mai sul vostro supporto poiché il cambiamento nelle abitudini dei consumatori causato dal coronavirus colpisce i nostri inserzionisti.

Se non l’hai già fatto, considera di supportare il nostro giornalismo di fiducia e il fact-checking sottoscrivendo un abbonamento digitale.

READ  'Loki' ottiene una data per la prima di giugno a Disney Plus

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x