Marjorie Taylor Greene si rivolge a Matt Gaetz e lo avverte di non “far saltare le cose” in una rissa di Maja sui raggi

Due membri del caucus repubblicano della Camera stanno apertamente litigando sulle reciproche scelte per il presidente della Camera.

Il deputato Marjorie Taylor Greene, sostenitore della candidatura di Kevin McCarthy a Presidente della Camera, mercoledì ha aperto il fuoco contro il frequente alleato Matt Gaetz, bruciandolo in un editoriale per Il chiamante quotidiano ha espresso la speranza che emerga un candidato di consenso per sfidare il leader del GOP.

Il signor Gates e un certo numero di altri conservatori stanno spingendo per un presidente che sia più a destra di McCarthy.

Ma nessuno sembrava sfidare McCarthy I suoi alleati sono come la signora Green Li accusano di “ingannare i conservatori”.

“Iniziamo con il mio buon amico Matt Gaetz. Molti dei suoi attacchi contro Kevin McCarthy sono paragonabili a Paul Ryan. È ironico considerando che il primo voto di Matt al Congresso è stato per Paul Ryan come relatore. Anche quando sapevamo tutti che Paul Ryan non avrebbe mai promosso il MAGA ordine del giorno”.

“Avevamo il controllo completo del Partito Repubblicano e il presidente Trump con la penna in mano e pronto a firmare la legislazione America First. Questo fallimento repubblicano è il motivo per cui mi sono candidato al Congresso.

La signora Green ha poi continuato: “Detto questo, Matt Gaetz è uno dei miei membri preferiti del Congresso. L’America ha bisogno del suo talento e della sua intelligenza per lavorare al fianco di Jim Jordan nelle indagini per il comitato giudiziario, non per far saltare in aria le cose prima di iniziare”.

READ  Le donne afghane indossano uniformi colorate nella "Lotta per l'identità" | Notizie talebane

Gates rimane al Congresso dopo essere sopravvissuto a un’indagine sul traffico sessuale che ha consentito la condanna di uno dei suoi ex stretti alleati, Joel Greenberg.

Anche i titoli di mercoledì per Salta il controllo di sicurezza Suona al telefono mentre il presidente ucraino si rivolge al Congresso.

Ma dovresti riuscire a ‘colpo[ing] cose”, i repubblicani potrebbero trovarsi destinati a prendere il controllo della Camera il prossimo anno, ma sono senza timone.

I repubblicani hanno promesso una serie di indagini contro l’amministrazione Biden nel nuovo anno, e hanno i numeri che bloccano la maggior parte, se non tutta, l’agenda legislativa di Joe Biden alla Camera.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x