Mark Meadows non può portare le accuse del caso elettorale della Georgia alla corte federale, dice la corte d’appello

Mark Meadows non può portare le accuse del caso elettorale della Georgia alla corte federale, dice la corte d’appello

ATLANTA (AP) – Lunedì una corte d’appello federale ha stabilito che l’ex capo dello staff della Casa Bianca di Trump dovrebbe essere incarcerato Marco Prati Le accuse relative ai tentativi di ribaltare le elezioni del 2020 in Georgia non possono essere trasferite al tribunale federale.

Era il promotore È stato incriminato ad agosto insieme all’ex presidente Donald Trump E altri 17 sono accusati di cospirazione illegale per mantenere al potere l’attuale presidente repubblicano nonostante la sua sconfitta nelle elezioni contro il democratico Joe Biden.

Un collegio di tre giudici dell’undicesima Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti ha respinto la richiesta di Meadows, affermando La sentenza del tribunale di grado inferiore di settembre. La sentenza è una vittoria per il procuratore distrettuale della contea di Fulton, Fannie Willis, che ha portato avanti il ​​caso e sta cercando di processare i restanti imputati in un unico processo.

Gli avvocati di Meadows hanno sostenuto che gli avrebbe dovuto essere consentito di portare il caso davanti a un tribunale federale perché le sue azioni descritte nell’atto d’accusa erano direttamente correlate ai suoi doveri di funzionario federale. I pubblici ministeri hanno sostenuto che Meadows non è riuscito a dimostrare alcun collegamento tra le sue azioni e i suoi doveri ufficiali e che la legge che consente ai funzionari federali di portare un caso davanti a un tribunale federale non si applica a coloro che hanno lasciato l’incarico.

Il giudice capo della circoscrizione William Pryor ha scritto nella sentenza di lunedì che la legge “non si applica agli ex ufficiali federali e, anche se lo fosse, gli eventi che hanno portato a questa azione criminale non erano legati ai doveri ufficiali di Meadows”.

READ  Corea del Nord: un satellite spia 'si è schiantato in mare' | notizie militari

Meadows era uno dei cinque imputati che cercavano di trasferire il suo caso alla corte federale. Anche gli altri quattro sono stati respinti dal tribunale distrettuale e hanno ancora ricorsi pendenti davanti all’Undicesimo Circuito.

Trasferire le accuse di Meadows alla corte federale avrebbe significato attingere da un pool di giurie che comprendeva un’area più ampia della semplice contea fortemente democratica di Fulton. Avrebbe significato anche una traccia non filmata e trasmessa in televisione, poiché all’interno non sono ammesse telecamere. Ma ciò non avrebbe aperto la porta a Trump, se rieletto nel 2024, o a un altro presidente, per perdonare qualcuno perché qualsiasi condanna sarebbe comunque avvenuta secondo la legge statale.

Quattro persone si sono già dichiarate colpevoli nel caso delle elezioni in Georgia dopo aver raggiunto un patteggiamento con i pubblici ministeri. I restanti 15, tra cui Trump, Meadows e l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani, si sono dichiarati non colpevoli.

Kate Brumback, Associated Press

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x