Mentre le potenze occidentali lanciano l’allarme, Navalny viene portato in ospedale Notizie di politica

L’amministrazione penitenziaria russa ha annunciato il trasferimento di Alexei Navalny all’ospedale tra la crescente preoccupazione globale per il critico del Cremlino, che è in sciopero della fame, la cui salute si sta deteriorando rapidamente.

L’autorità penitenziaria ha detto in una dichiarazione, lunedì, che il politico dell’opposizione incarcerato, che è entrato nella terza settimana di sciopero della fame, è stato trasferito in un ospedale per prigionieri.

La dichiarazione aggiungeva che il 44enne era considerato “soddisfacente” e che aveva accettato di assumere integratori vitaminici.

La dichiarazione affermava che l’ospedale in cui era stato trasferito si trovava in una colonia penale a Vladimir, una città a 180 chilometri (112 miglia) a est di Mosca.

Navalny è stato imprigionato in una struttura separata per Vladimir dal mese scorso dopo essere stato condannato a due anni e mezzo di prigione.

Il trasferimento è avvenuto dopo che diversi leader occidentali hanno chiesto a Mosca di concedere a Navalny l’accesso immediato alle cure mediche dopo gli avvertimenti che “potrebbe morire in qualsiasi momento”.

Navalny ha dichiarato il suo sciopero della fame alla fine di marzo per protestare contro ciò che, secondo lui, le autorità carcerarie si erano rifiutate di trattare adeguatamente per forti dolori alla schiena e alle gambe.

I suoi alleati hanno detto durante il fine settimana che la sua vita era appesa a un filo e hanno invitato i suoi sostenitori a partecipare alle proteste pro-Navy mercoledì.

Il presidente russo Vladimir Putin terrà il suo discorso annuale sullo stato della nazione lo stesso giorno.

Molto preoccupato

I rapporti sul peggioramento delle condizioni di Navalny hanno destato preoccupazione in Europa e negli Stati Uniti, con richieste alle autorità russe di garantirgli l’accesso immediato alle cure mediche.

READ  La mamma cerca di uccidere i bambini esistenti che non vogliono indossare la maschera ", ILMETEO.it

L’incidente ha portato a ulteriori tensioni nelle relazioni di Mosca con l’Occidente.

Josep Borrell, il capo diplomatico dell’Unione europea, ha detto lunedì che il blocco ritiene le autorità russe “responsabili” delle “condizioni di salute” di Navalny.

I commenti di Borrell sono arrivati ​​prima di una videoconferenza dei 27 ministri degli Esteri dell’Ue, che domenica hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui metteva in guardia sui rischi per la vita di Navalny e chiedeva il suo “rilascio immediato e incondizionato” dal carcere.

Domenica, in una dichiarazione su Twitter, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato di essere “profondamente preoccupata”.

“Dovrebbe ricevere immediatamente cure mediche adeguate”, ha scritto von der Leyen su Twitter.

Separatamente, domenica gli Stati Uniti hanno avvertito che ci sarebbero state “conseguenze” per Mosca se Navalny fosse morto in prigione.

Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Jake Sullivan, ha detto che la Casa Bianca “aveva informato il governo russo” che il destino di Navalny era nelle mani del Cremlino, aggiungendo che Mosca avrebbe “ritenuto la comunità internazionale responsabile” della sua sicurezza.

“Per quanto riguarda le azioni specifiche che intraprenderemo, stiamo esaminando una serie di costi diversi che possiamo imporre e non lo telegraferò pubblicamente a questo punto, ma siamo stati informati che ci saranno conseguenze se il signor Navalny vale a dire alla CNN of America “.

Navalny potrebbe morire in qualsiasi momento.

Il medico di Navalny, Yaroslav Ashekhmin, ha detto sabato che i risultati dei test che ha ricevuto dalla famiglia del critico del Cremlino hanno mostrato che soffriva di livelli elevati di potassio, che potrebbero portare ad un attacco di cuore, e livelli elevati di creatinina che indicano una compromissione renale.

“Il nostro paziente può morire in qualsiasi momento”, ha detto in un post di Facebook.

I medici personali di Navalny non potevano vederlo in prigione.

Durante il suo sciopero della fame, ha accusato le autorità carcerarie di aver minacciato di metterlo in una giacca legata per nutrirlo con la forza.

Le autorità russe hanno respinto queste accuse, osservando che Navalny stava esagerando le sue condizioni mediche per attirare l’attenzione e ha rifiutato le cure mediche in prigione. Si sono anche impegnati a garantire la sua sopravvivenza.

Il caso di Navalny ha attirato l’attenzione diffusa dal suo arresto a gennaio al suo ritorno in Russia dalla Germania, dove ha trascorso cinque mesi riprendendosi dall’avvelenamento con un gas nervino che ha incolpato il Cremlino.

Le autorità russe hanno respinto questa accusa.

A febbraio è stato condannato a due anni e mezzo di carcere per aver violato le condizioni di libertà vigilata durante la convalescenza in Germania.

La sentenza nasce da una condanna del 2014 per appropriazione indebita respinta da Navalny in quanto fabbricata, ritenuta illegale dalla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza nelle città e nei paesi di tutta la Russia all’inizio di quest’anno per chiedere il rilascio di Navalny.

L’ondata di manifestazioni è stata la più grande dimostrazione di opposizione pubblica nel paese negli ultimi anni e ha rappresentato una grande sfida per il Cremlino, che ha denunciato le proteste come illegali.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x