Operazione russa di “ripulitura” dopo il raid su Belgorod dall’Ucraina | notizie di conflitto

Si dice che la Legione della Libertà della Russia e il Corpo dei Volontari Russi fossero coinvolti in un’incursione transfrontaliera nella regione russa di Belgorod.

Le forze russe continuano a impegnarsi in operazioni contro gli aggressori transfrontalieri – descritti invece come gruppi di opposizione armata russa o sabotatori ucraini – che sono entrati in Russia dall’Ucraina in uno degli attacchi più audaci sul suolo russo dall’inizio dei 15 mesi del Cremlino -vecchia guerra. Da.

Il governatore della regione russa di Belgorod, Vyacheslav Gladkov, ha dichiarato martedì che è in corso una “operazione antiterrorismo” contro quello che ha descritto in precedenza come un “gruppo di sabotaggio” ucraino che è entrato nel territorio russo nella regione del Grivoron al confine con l’Ucraina.

Il governatore ha detto ai residenti fuggiti da Grivoron che “non era ancora possibile tornare” alle loro case.

“Per quanto riguarda la situazione nella regione di Graivoron: l’area viene ripulita dal Ministero della Difesa insieme alle forze dell’ordine”, ha detto sull’app di messaggistica Telegram.

Ha aggiunto che una donna è stata uccisa e due ferite, ma le forze russe non sono riuscite a raggiungerli.

Il conduttore di notizie ucraino Hromadsk, citando fonti dell’intelligence militare ucraina, ha detto lunedì che due gruppi di opposizione armata russa, la Legione della libertà della Russia e il Corpo dei volontari russi (RVC), composto da cittadini russi, sono responsabili dell’attacco al Belgorod regione.

Poco si sa dei gruppi o dei loro legami con l’esercito ucraino. L’RVC è stato fondato lo scorso agosto e si dice che sia composto principalmente da militanti russi di estrema destra anti-Putin con legami con gruppi di estrema destra ucraini.

Andriy Chernyak, un rappresentante dei servizi segreti ucraini, ha affermato che dietro l’attacco transfrontaliero ci sono cittadini russi.

Un consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Mykhailo Podolyak, ha detto su Twitter che l’Ucraina “non c’entra niente”, e ha fatto riferimento all’emergere di un “movimento di guerriglia armata” per opporsi a uno “stato totalitario”.

READ  12 morti tra la folla nel famoso santuario indù in Kashmir

“L’Ucraina sta osservando con interesse gli eventi nella regione di #Belgorod in #Russia e sta studiando la situazione”, ha affermato.

I canali Telegram che monitorano l’attività militare russa, incluso il blog Rybar che ha più di 1 milione di abbonati, hanno affermato che gli edifici che ospitano il ministero degli interni russo e il servizio di sicurezza dell’FSB sono stati attaccati nella città principale della regione, nota anche come Belgorod.

Lunedì scorso RVC ha pubblicato un filmato sul suo canale Telegram sui social media, che mostra ciò che il gruppo ha descritto come un combattente che ispeziona un veicolo blindato russo catturato. Un altro video mostrava quelli che si diceva fossero combattenti alla guida di un veicolo blindato su una strada di campagna all’interno del territorio russo.

Altri video pubblicati sui canali dei social media russi e ucraini mostravano foto e video di quelli che descrivevano come membri del servizio russo catturati e i loro documenti di identificazione.

L’Institute for the Study of War (ISW), un think tank con sede a Washington, DC, ha dichiarato martedì che due gruppi di “tutti russi filo-ucraini” hanno attraversato il confine con carri armati, mezzi corazzati e altri veicoli corazzati. Secondo fonti russe.

READ  Appaltatore statunitense ucciso in Siria in un attacco di droni; Gli Stati Uniti reagiscono

Alcuni blogger militari si sono concentrati sul fatto che le unità d’invasione erano composte principalmente da russi, portando alcuni ad etichettarli come “traditori della Russia”, secondo l’ISW, mentre il capo della forza mercenaria di Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha incolpato il Ministero della Difesa russo per la sua incapacità per difendere il paese Russia. confini nazionali.

La notizia dell’attacco transfrontaliero, ha affermato l’ISW, ha visto lo spazio informativo russo rispondere con “un grado di panico, disunione e incoerenza simile a quello visto quando esposto a grandi shock mediatici”.

L’agenzia di stampa RIA Novosti ha citato lunedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov che ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin era stato informato e che erano in corso lavori per espellere i “sabotatori”. Ha detto che erano in corso sforzi per “espellerli dalle terre russe e liquidarli”.

Peskov ha descritto l’operazione come un tentativo dell’Ucraina di distogliere l’attenzione dalla città orientale di Bakhmut, che Mosca ha affermato di aver catturato dopo mesi di battaglia. Dove Kyiv dice che sta ancora combattendo.

Anton Gerashchenko, consigliere del ministro degli Interni ucraino, ha pubblicato diversi video dai social media sugli attacchi e sui gruppi coinvolti nell’incursione, tra cui un video che pretende di mostrare la bandiera del Corpo della libertà della Russia attaccata ai palloncini e che si dice stia volando A mosca.

READ  Il presunto serial killer Charles Sobhraj, condannato per l'omicidio di un canadese, è stato rilasciato da una prigione nepalese

Il canale Baza su Telegram, che ha collegamenti con i servizi di sicurezza russi, ha affermato che ci sono state indicazioni di combattimenti in tre insediamenti lungo la strada principale per la Russia. Il canale Telegram Open Belgorod ha riferito che l’elettricità e l’acqua sono state interrotte in diversi villaggi.

Il Liberty Corps of Russia ha dichiarato su Twitter di aver “completamente liberato” la città di confine di Kozynka. Ha aggiunto che le unità avanzate avevano raggiunto il centro del distretto più orientale di Grayvoron.

“andando avanti. La Russia sarà libera! ha scritto il gruppo.

All’inizio di marzo, l’FSB ha segnalato un’incursione dall’Ucraina nella regione russa di Bryansk. Nei video che all’epoca circolavano su Internet, militanti appartenenti al Corpo dei Volontari Russi affermavano di aver varcato il confine per combattere quello che chiamavano “il regime sanguinario di Putin e il Cremlino”.

L’RVC è stato fondato lo scorso agosto da Denis Kapustin, un nazionalista russo residente in Ucraina, e ha annunciato il 17 maggio che si sarebbe unito al Liberty Army of Russia, che in inglese si autodefinisce Freedom Corps of Russia.

Il gruppo afferma di aver effettuato almeno tre incursioni nella regione di Bryansk da marzo.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x