Ortoressia, l'ossessione per un'alimentazione sana e un disturbo alimentare che pochi comprendono

Ortoressia, l'ossessione per un'alimentazione sana e un disturbo alimentare che pochi comprendono

Jason Wood era seduto in un ristorante in vacanza con sua moglie, arrabbiato e sconvolto perché non riusciva a sostituire la pita con verdure fresche nel suo piatto di hummus.

Wood ha detto che il dolore non era esagerato. Ha detto: Sono passati 20 anni da un disturbo alimentare e l'ansia e lo stress che lo accompagnano hanno raggiunto il picco in un momento.

Wood soffre di ortoressia, un disturbo alimentare che non è presente nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, chiamato anche Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, la guida ufficiale per la valutazione clinica delle condizioni di salute mentale. Ma i medici notano un aumento dei casi di ortoressia tra i pazienti, afferma la terapista Jennifer Rollin, fondatrice del Center for Eating Disorders di Rockville, nel Maryland.

“Spero che venga aggiunto al DSM, ma sfortunatamente il processo per ottenere qualcosa sembra essere molto lento”, ha detto Rollin.

L'ortoressia è l'attenzione verso un'alimentazione “pulita”, definita da una serie di regole che dipendono da individui specifici e dal contesto in cui vivono, ha affermato la dott.ssa Jennifer Gaudiani, medico specializzato in disturbi alimentari e fondatore e direttore medico della Clinica Gaudiani a New York. Denver. UN Studio novembre 2023 È emerso che circa 3 partecipanti su 10 mostravano segni di ortoressia.

Troppo spesso il disturbo passa inosservato o sottovalutato perché si concentra troppo sull'alimentazione sana, ha affermato Wood, direttore del centro per l'impegno comunitario. Associazione Nazionale per l'Anoressia Nervosa e Disturbi Correlatinoto anche come ANAD.

Ha detto che la mancanza di comprensione della condizione ha impedito agli amici e alla famiglia di Wood di sollevare preoccupazioni – a volte applaudendo i suoi sforzi per aderire a rigidi principi alimentari – anche se si allontanava dagli amici e perdeva così tanto peso da non riuscire a mantenersi al caldo.

Ecco cosa devi sapere sull'ortoressia.

La cultura della dieta è avvincente

Concentrarsi su un’alimentazione sana sembra una buona idea, vero? non sempre.

READ  Il Wisconsin ha quasi 11.000 risultati dei test sul coronavirus: 1 positivo su 3

I disturbi alimentari hanno spesso basi simili: predisposizione genetica combinata con fattori ambientali, ha detto Rollin. Ha aggiunto che il disturbo spesso ruota attorno a una serie di regole rigide, che si tratti di calorie, tempi di consumo o ingredienti del cibo.

Quando le persone a rischio di disturbi alimentari si impegnano a mangiare solo nel modo che considerano sano, il comportamento può passare dalla preferenza all’ossessione, ha detto Rollin.

Nel corso degli anni, Wood ha detto che la sua lista di cibi non salutari è cresciuta, e i cibi considerati sani hanno continuato a ridursi fino a quando si è ritrovato ad abbandonare le feste perché non riusciva a trovare nulla che si permettesse di mangiare, il che lo ha lasciato con molta ansia. disse. .

Per alcune persone affette da ortoressia, ma non per tutte, la loro immagine corporea può iniziare a dipendere da quanto bene aderiscono alle regole dietetiche, ha detto Rollin.

Con basi simili alle spalle, l’ortoressia potrebbe estendersi ad altri disturbi come la bulimia o l’anoressia nervosa, ha detto.

Le motivazioni che possono avere le persone affette da ortoressia, così come gli applausi che la società dà loro, possono essere descritte come promozione della salute o prevenzione delle malattie, ma spesso servono come rappresentanti della vecchia cultura della dieta pura, che dà priorità alla forma corporea ideale e al corpo ideale. forma. . La dimensione, come diceva Gaudiani.

“Alcuni elementi possono essere molto simili alla cultura della dieta persuasiva”, ha detto Rollin.

Gaudian ha affermato che anche se non è una vergogna essere in sovrappeso, i plantari e i passi che una persona compie per aderire a determinate regole dietetiche possono essere costosi, distraenti e fastidiosi.

“Può anche limitare il tipo di obiettivi e valori più grandi”, ha aggiunto.

Cos’è comunque sano?

Un altro segno che le regole alimentari non riguardano solo la salute è la difficoltà di definire cosa è sano.

READ  Come guardare la pioggia di meteoriti delle Perseidi del 2021 in tutto il Canada

Negli anni ’90, un’alimentazione sana e pulita era rappresentata da diete a basso contenuto di grassi, ha affermato Gaudiani. Ha aggiunto che ora le persone sono più propense a considerare sani gli alimenti ricchi di proteine, grassi, poveri di carboidrati e poveri di zuccheri.

Altri daranno priorità alla provenienza del cibo, ad esempio se è biologico, non OGM e locale, ha affermato Gaudiani.

Naturalmente, non è una brutta cosa voler mangiare insalata, ha detto Rollin, ma il problema sorge quando pensi di poter mangiare solo insalata.

Ha aggiunto che ogni persona è unica, quindi la scelta alimentare più sana in un dato momento dipenderà dalle esigenze dell'individuo e dal contesto in cui vive. A meno che non sia necessario mangiare in un certo modo per una condizione medica, la migliore linea d'azione è spesso quella di ascoltare il proprio corpo, ha detto Rollin.

Quando si pensa alla salute, è importante non pensare solo alla nutrizione, ha affermato Wood.

Una vita sana include relazioni sociali ricche, dedicare tempo a perseguire passioni, attività fisica piacevole e spazio mentale sufficiente per trovare la pace, tutte cose difficili da ottenere quando passi ore al giorno a pensare a cosa “dovresti” mangiare.

“Se sei una persona che vuole semplicemente vivere una vita ragionevolmente equilibrata, sociale e interconnessa, le regole dell'ortoressia possono davvero isolarti dai tuoi coetanei perché finisci per rifiutare le opportunità di mangiare con altri esseri umani perché non seguono le stesse regole come te.” disse Gaudian. “Quindi, dici di no, e il tuo mondo sociale può davvero crollare e diventare molto piccolo.”

Rivivi la vita nel recupero

Se tu o una persona cara avete bisogno di aiuto per trattare l'ortoressia, la buona notizia è che il trattamento segue un percorso simile ai piani realizzati per i disturbi alimentari come l'anoressia o la bulimia nervosa. La cattiva notizia è che la mancanza di consapevolezza da parte del pubblico può rappresentare un ostacolo.

READ  Rete meteorologica - Nuovo segnale di allerta precoce al punto di ribaltamento della calotta glaciale della Groenlandia

Quando si prende in considerazione il trattamento, non si dovrebbe solo consultare uno specialista in disturbi alimentari, ma anche qualcuno con esperienza ortopedica, ha detto Rollin. Non tutti gli specialisti avranno questa esperienza.

Le persone affette da ortoressia possono ritrovarsi con un team che include terapisti e dietisti, simili ai pazienti in cura per altri disturbi alimentari, ha detto Rollin. Ha aggiunto che coloro che convivono con l’ortoressia probabilmente dovranno affrontare il livello aggiuntivo di disimballare la loro definizione di salute e riformulare le loro idee al riguardo in modo difficile.

Il processo può anche comportare la collaborazione con chi ti circonda, ha detto Rollin. Ha aggiunto che sempre più persone si stanno rendendo conto che non è una buona idea parlare regolarmente di cibo in termini di peso, ma meno persone vedono come un problema parlare di cibi “sani” o “malsani”.

“Potrebbe essere necessario educare amici e familiari, aiutandoli a capire ed empatizzare con il motivo per cui viene attivato il loro feedback sul loro nuovo succo”, ha detto.

Coloro che sono in fase di recupero devono anche avere compassione per se stessi, ha affermato Gaudiani.

“Nessuno lo fa solo per divertimento o per finire accidentalmente nei guai”, ha detto. “Cominciano a farlo perché sentono di avere benefici per la salute o perché sentono che c'è una pressione sociale, o perché sentono che è sicuro in qualche modo.”

Il processo di recupero può essere difficile, ma gratificante, ha affermato Wood. Sono passati quasi quattro anni da quando ha detto di aver toccato il fondo durante quella cena festiva.

“Mi sento come se stessi iniziando a vivere di nuovo la mia vita”, ha detto Wood. “Prenderò tutto il tempo che ho passato a pensare al cibo e lo applicherò ad altri aspetti della mia vita. È stato davvero fantastico.”

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x