Papa Francesco Lamientes per gli immigrati, ‘poco è cambiato’

LESBO, Grecia – Papa Francesco domenica è tornato in un campo profughi sull’isola greca di Lesbo, dove è stato uno dei momenti salienti del papato, nel tentativo di sollevare la situazione dei migranti – quello che ha definito “il relitto della civiltà ” – al più alto livello di preoccupazioni globali, insieme alla pandemia e al cambiamento climatico.

“Sono passati cinque anni da quando sono qui”, ha detto Francis in una tenda che domina il campo, mentre camminava attraverso i container bianchi delle Nazioni Unite usati come case per i richiedenti asilo. Nel 2016 ha portato con sé a Roma 12 profughi. Questa volta, offri conforto e solidarietà alle famiglie che sono bloccate lì da anni. “Dopo tutto questo tempo, vediamo che poco è cambiato sulla questione dell’immigrazione”, ha aggiunto.

Le parole di Francesco sono arrivate in uno degli eventi conclusivi, che culminano per molti versi, di un viaggio di cinque giorni a Cipro e in Grecia volto a rinnovare l’attenzione sull’immigrazione, una questione da cui non si è mai tirato indietro, anche se l’attenzione del mondo ha vacillato. E quando il mondo se ne accorge, di solito è l’opposto di quello che aveva sperato.

I flussi di immigrati hanno alimentato ondate nazionaliste e populiste nei paesi a maggioranza cattolica come l’Italia e la Polonia. L’Ungheria ha affermato che le sue politiche anti-immigrazione e le torri di confine proteggevano la cultura cristiana. Mentre la stagione populista in Europa si è un po’ calmata, la linea dura, politicamente accettabile contro i richiedenti asilo, si è infiltrata nello status quo.

La repressione degli immigrati è emersa come un problema elettorale nelle ultime settimane in Francia, un paese con meno immigrati di molti dei suoi vicini, anche se persone disperate sono morte nel tentativo di attraversare la Manica. La Gran Bretagna, la loro destinazione, ha provveduto a tenerli lontani.

La Bielorussia ha usato i migranti come ostaggi per destabilizzare l’Unione europea al suo confine orientale, con la Polonia, tutt’altro che accogliente, con cannoni ad acqua nel freddo pungente. Recinzioni spinate delimitano i confini e, nel tentativo di allontanare ondate di migranti politicamente destabilizzanti, il blocco ha esternalizzato il monitoraggio dei migranti e li deteneva in campi spesso duri al largo del continente.

READ  Fife gin dall'Italia è stato selezionato come partner nella Ryder Cup 2023

Inoltre, le preoccupazioni per il coronavirus e la nuova variante di Omicron hanno portato a restrizioni di viaggio e maggiore preoccupazione per gli estranei alla porta.

In tutto questo, Francesco è rimasto coerente, anche se le sue chiamate ad accogliere gli estranei diventano sempre più contraddittorie.

Domenica, ha affermato che l’intrattabile verità del caso ha messo in luce sia il fallimento delle misure provvisorie che la necessità di una risposta globale coordinata. Ha denunciato “l’indifferenza assassina” in Europa, che secondo lui ha mostrato “un cinico disprezzo che condanna con noncuranza alla morte ai margini”.

Ha definito “dolorose” le proposte europee per raccogliere fondi per misure volte a mantenere i migranti nei guai e, rivolgendosi ai bambini piccoli nella tenda ed evocando immagini di bambini morti che sono finiti sulle spiagge negli ultimi anni, ha affermato che a causa dell’alienazione dell’Europa, ” sembra il Mediterraneo, culla di molte civiltà, ora come uno specchio di morte.”

Tutt’intorno a lui, nel campo di Mavrovoni, la polizia greca e gli ufficiali dell’esercito erano in piedi su viottoli di ghiaia bianca fiancheggiati da edifici prefabbricati dipinti di nero.

Fuori dalle porte i richiedenti asilo hanno lasciato sandali, carrozzine, pile di bottiglie d’acqua e biciclette. Tenevano i loro bambini e, ignorando i cani randagi, guardavano verso la tenda bianca dove parlava il Papa, appena sopra l’accampamento in riva al mare.

Prima dell’arrivo di Francesco, Camille Mubaki, 31 anni, che ha affermato di essere fuggito dalla persecuzione nella Repubblica del Congo, ha fatto la fila per entrare nella tenda. “Sto aspettando di vedere se il Papa può portare alcuni di noi in Italia”, ha detto Mubaki, che è a Lesbo da due anni e che ha detto che le sue domande di asilo sono state respinte due volte.

All’interno della tenda, Fuldi Lang Lubaki, 11 anni, era seduta con i suoi genitori e la sorella. Ha detto che non aveva idea se la presenza del Papa lì significasse che sarebbero stati in grado di partire.

Negli anni successivi alla prima visita del Papa a Moria – il terribile accampamento di Lesbo che imbrattò il nome dell’isola, un tempo famosa per i suoi antichi poeti lirici – il loro numero salì a 20.000. Moria è diventata famosa per gli abusi, le violenze, gli abusi sessuali, il deterioramento delle condizioni di vita in generale e poi le restrizioni imposte dalla pandemia.

Alcuni migranti hanno dato fuoco al campo nel settembre dello scorso anno, distruggendolo e sfollando le 12.000 persone, per la maggior parte afgane, che vivevano lì.

Ora, solo circa 2.000 migranti vivono sull’isola di Lesbo in quello che i funzionari del governo greco hanno descritto come un miglioramento significativo e un’indicazione che la Grecia sta soddisfacendo le esigenze dei migranti.

Parlando con Francesco domenica, il presidente greco Katerina Sakellaropoulou ha definito la sua visita “un forte messaggio di speranza e responsabilità che viene trasmesso da Lesbo alla comunità internazionale”.

Ma il campo è temporaneo fino alla costruzione di un vero e proprio centro di detenzione, a carico dell’Unione Europea. Tali centri operano su altre tre isole greche, a Leros, Kos e Samos, attraverso uno stretto stretto dalla Turchia.

L’anno scorso, mentre il centro di detenzione di Samos veniva costruito nel centro dell’isola, Jalila Sarhan, 57 anni, siriana, sedeva su una collina che domina i campi sovraffollati che divennero noti come The Jungle, che gareggiavano con Moria per il Moria più oscuro d’Europa. campo.

“Fa così freddo, ci stiamo ammalando”, ha detto, mentre i suoi uomini tagliavano la legna o modellavano stufe di terracotta. Le donne, molte delle quali erano incinte, tenevano gli occhi sulle migliaia di bambini che vagavano su e giù per la collina.

READ  I paesi UE-Mediterraneo chiedono un'azione globale sulla crisi climatica

Questo campo è stato evacuato quest’anno. Ma trasferire le persone in diversi centri di detenzione e isole, ha ammesso il governo greco, non è una soluzione.

“È un problema che è qui per restare, non solo per la Grecia, ma per l’Europa”, ha detto il deputato greco Giorgos Komotsakos, in un’intervista ad Atene l’anno scorso, quando era vice ministro dell’immigrazione. Ha incolpato i suoi predecessori nel governo di sinistra di Syriza, che ha affermato di aver ignorato la dimensione della sicurezza di ciò che hanno trattato come una questione puramente umanitaria.

Invece, l’attuale governo ha adottato misure drastiche, erigendo un muro lungo parte del confine terrestre del Paese con la Turchia e intercettando le imbarcazioni che trasportano migranti dalle acque turche.

I gruppi per i diritti umani hanno accusato gli agenti di frontiera greci di brutalizzare i migranti e costringerli a tornare in Turchia. La scorsa settimana, un residente legale dell’UE che lavora come traduttore per l’agenzia di frontiera dell’UE, Frontex, ha accusato le guardie di frontiera greche di pensare che fosse un richiedente asilo, aggredendolo e poi costringendolo a entrare in Turchia con dozzine di migranti.

A Lesbo, il governo ha passato giorni a ripulire il campo prima dell’arrivo di Francesco.

“Perché il Papa va in questa parte del campo?” ha chiesto Ramat Ababsi, 25 anni, che ha osservato con stupore l’attività intorno alla tenda sulla collina. Un richiedente asilo afghano che ha affermato di essere stato a Lesbo tre anni fa, il signor Ababsi ha affermato che molti dei container prefabbricati custoditi dalla polizia erano inutilizzati, e in effetti molti erano vuoti, riempiti solo con letti a castello. “La brutta situazione è dall’altra parte”, ha detto, indicando una sezione dietro di lui. “Il Papa deve andarci”.

Ma ovunque vada Francis, supplica un mondo riluttante di aprire gli occhi sulla realtà che devono affrontare i richiedenti asilo.

«È un’illusione pensare che basti per tenerci al sicuro, per difenderci dai bisognosi che bussano alla nostra porta», ha detto Francesco, aggiungendo: «Lo ripeto: la storia ci insegna questa lezione, eppure noi non ho imparato lui-lei.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x