Pasticcio in casa: l’appello di McCarthy

Washington-

È stato il momento straordinario che ha spinto House Republicans sull’orlo – e finalmente il momento in cui hanno ritrovato la via del ritorno.

Il repubblicano Kevin McCarthy si è alzato dalla sua sedia con un solo voto prima di diventare presidente della Camera e ha camminato lungo il corridoio centrale fino al fondo della camera. Era quasi mezzanotte e aveva già perso 13 voti degli oratori in quattro lunghi giorni. La stanza è quasi caduta nel silenzio quando è diventato chiaro che il leader del GOP ora stava chiedendo – supplicando, davvero – il rappresentante della Florida ampolloso, sfacciato e provocatorio Matt Gaetz di cambiare il suo voto da “presente” a “McCarthy”.

Gates, che ore prima aveva lanciato insulti personali a McCarthy in Aula, ha detto di no.

McCarthy tornò lentamente lungo il corridoio, da solo, con la testa inclinata a terra. Ma si voltò quando sentì una colluttazione alle sue spalle. Il rappresentante dell’Alabama Mike Rogers, un alleato repubblicano di McCarthy, ha affrontato con rabbia Gates, dicendogli che si sarebbe pentito della sua decisione. I legislatori in sala urlarono increduli mentre un collega tratteneva Rogers.

McCarthy tornò per assicurarsi che la discussione fosse finita e poi tornò alla sua sedia, sconfitto.

Ha perso il quattordicesimo voto. Gli Alleati si mossero per aggiornare bruscamente la Camera e la loro unità sperata sembrò crollare.

Poi i nervi si sono raffreddati. Nel giro di un’ora, McCarthy ei suoi alleati avevano convinto anche gli altri suoi avversari rimasti a votare “presenti”, abbassando il totale dei voti necessari per la vittoria di McCarthy e dandogli l’oratore sabato mattina presto, dopo una corsa storica e in qualche modo stellare. Una fantastica settimana di voti ripetuti.

READ  Il Canada impone sanzioni a oltre 200 lealisti di Putin nella regione separatista ucraina del Donbass

“Spero che una cosa sia chiara, non mi arrendo mai”, ha detto McCarthy quando finalmente ha preso la mazza dopo l’una di notte.

Il caos in aula è arrivato esattamente due anni dopo la rivolta del Campidoglio del 6 gennaio 2021. Durante una sessione notturna dopo quell’attacco, McCarthy lo ha definito “il giorno più triste della mia vita” come membro del Congresso. Nei giorni seguenti, McCarthy ha incolpato l’allora presidente Donald Trump per aver incoraggiato i suoi sostenitori che hanno attaccato l’edificio e fermato la testimonianza del presidente Joe Biden. Ma solo poche settimane dopo, McCarthy andò a trovare Trump in Florida e fece ammenda.

La scena di venerdì è stata un diverso tipo di caos, ma è stato un momento completo per i repubblicani, che hanno ceduto entrambe le camere del Congresso e la presidenza ai democratici dopo la violenta insurrezione. Mentre molti di loro all’epoca denunciarono Trump, la visita di McCarthy in Florida lo riportò all’ovile e l’ex presidente era al telefono venerdì sera, chiamando Gates e altre persone disabili.

“È stato con me fin dall’inizio”, ha detto McCarthy dopo il voto finale, riferendosi anche alle telefonate di Trump.

Mentre la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è spesso turbolenta, gli eventi della settimana sono stati quasi surreali: voto dopo voto, sconfitta dopo sconfitta e successo finale dopo che oppositori apparentemente intransigenti sono stati eliminati.

McCarthy aveva bisogno di altri due voti prima del conteggio dei voti di venerdì sera, che non è iniziato prima delle 22:00, abbastanza tardi per dare a due dei suoi sostenitori – uno la cui moglie ha partorito quella settimana e l’altro che era malato – il tempo di tornare a Washington. McCarthy ei suoi alleati sembravano fiduciosi del loro ingresso, ma con l’avvicinarsi del voto è diventato chiaro che non sarebbe stato all’altezza.

READ  Gli Stati Uniti affermano che l'offerta della Polonia di caccia MIG-29 all'Ucraina è "indifendibile"

Due dei più stretti collaboratori di McCarthy, il rappresentante della Carolina del Nord Patrick McHenry e il rappresentante della Louisiana Garrett Graves, si sono seduti ai lati di Gates durante il voto, con Graves in ginocchio. Ma Gaetz ha potuto oscillare solo parzialmente, alzandosi in piedi per dire “presente” quando l’appello ha raggiunto il suo nome. Non era abbastanza, e McCarthy gli si avvicinò appena prima che venisse convocato il voto, le telecamere di C-SPAN seguivano la sua breve corsa.

Gates si riferiva con rabbia a McCarthy durante la conversazione. Ma il rappresentante del Colorado Ken Buck, un sostenitore di McCarthy in piedi nelle vicinanze, ha detto che lo scambio tra i due uomini è stato piacevole e che McCarthy gli ha solo chiesto di cambiare il suo voto. Gaetz ha detto che il suo voto “attuale” era il massimo, ha detto Buck.

McCarthy ha detto in seguito che Gaetz “ha portato tutti lì che nessuno ha votato contro di me”, convincendo anche alcuni dei suoi colleghi a votare “presenti”. Alla fine, nessun repubblicano ha votato contro McCarthy.

McCarthy ha detto che volevano “rendere questa conferenza unificata e lavorare insieme”.


Gli scrittori dell’Associated Press Kevin Fring, Farnoosh Amiri e Lisa Mascaro hanno contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x