La sindrome dell’intestino irritabile è comune, ma viene discussa raramente; Questo medico del Quebec sta cercando di cambiare la situazione

MONTREAL – “Soffro davvero di forti dolori allo stomaco”, ha detto Yves Togas, una ragazza di 11 anni di Montreal, descrivendo le sue lotte quotidiane con la sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Questo mese è il mese della sensibilizzazione alla sindrome dell’intestino irritabile. Il disturbo dell’intestino crasso è comune, ma viene segnalato raramente, il che lascia molte persone che soffrono da sole.

Includono bambini come Eve, che soffre regolarmente di dolori allo stomaco da quando aveva solo 5 anni.

“È triste vedere tua figlia soffrire senza essere in grado di fare qualcosa al riguardo”, ha detto Mary-Yves Richard, la madre di Eve.

Tuttavia, le cose hanno iniziato a cambiare per Eva l’anno scorso dopo l’incontro con la dott.ssa Veronique Grollo, gastroenterologa pediatrica al City Justin Hospital, che ha istituito la sua cosiddetta dieta a basso FODMAP.

Per due mesi, Eve ha dovuto smettere di consumare tutti i tipi di zuccheri nella sua dieta che fermentano nell’intestino crasso, causando irritazione.

“Durante questi due mesi, la maggior parte dei pazienti si sentirà soddisfatta”, ha detto il dottor Groleau. “Non sentiranno dolore, va tutto bene, quindi sappiamo che è la sindrome dell’intestino irritabile”.

All’inizio, la dieta era dura, secondo Eve, che ha ricevuto un’enorme tabella di alimenti che avrebbe dovuto rivedere prima di ogni pasto.

“Ogni mattina dovevo controllare e dire, non posso mangiare questo, posso mangiare questo, beh, posso mangiare questo”, ha detto cercando di fare una richiesta a sua madre, che rise.

Presto, ha detto, era stanca di mangiare burro di arachidi su pane tostato.

Quindi gradualmente hanno iniziato a reintrodurre gli alimenti uno per uno, a tornare alla loro dieta e a osservare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile.

READ  La nomina di Nira Tandin a guidare l'Ufficio di gestione e bilancio è stata dimenticata

Alla fine, hanno scoperto che il suo mal di stomaco era causato da aglio, cipolla e lattosio.

“Togliere questi alimenti dalla sua dieta le ha davvero cambiato la vita”, ha detto sua madre con uno sguardo di sollievo.

“Fa una grande differenza”, ha detto il dottor Groleau, che fino a poco tempo fa faceva affidamento sui farmaci per curare l’IBS.

“Non lo facciamo da 10 anni”, ha detto. “Negli ultimi anni abbiamo introdotto questa dieta e vedo una grande differenza nella mia pratica”.

Tuttavia, molti bambini lottano ancora in silenzio, secondo il dottor Gullio, spesso sono molto imbarazzati a cercare aiuto.

“Penso che sia importante sentirne parlare, parlarne, perché è così frequente”, ha detto il dottor Grolio. Colpisce una persona su cinque.

Per Eve Tougas, è solo l’apprendimento che ha fatto la differenza.

Ha detto: “So di non essere l’unica persona che ha questo e so che posso aiutare le persone a dire loro che ho anche questo”.

Lo stress e l’ansia possono esacerbare i sintomi dell’IBS, secondo il dottor Grollio, che ritiene che l’instabilità che molti giovani affrontano a scuola e con la diffusione dell’epidemia ha causato un aumento del numero di pazienti che hanno visto.

Le parole “Non possiamo controllare il vento, ma possiamo regolare le nostre vele”, scritte sul muro dell’ufficio del dottor Grollo.

Ha detto che il suo lavoro è aiutare i suoi piccoli pazienti a ritrovare un senso di controllo.

“Conoscendo la malattia, sapendo che è ricorrente, sapendo che possiamo fare le cose”, ha detto. “Tuttavia, l’ansia spesso diminuisce. Quindi, solo questo, migliora”.

Finora, è un metodo che funziona per Eve Tougas. Non sente più così tanto dolore allo stomaco e dice che si sente libera di continuare a lavorare all’età di 11 anni.

READ  I pubblici ministeri del Dipartimento di Giustizia attaccano Bannon per aver voluto pubblicare prove contro di lui

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x