Rose Glass usa l’orrore per lo screening di malattie mentali in ‘Saint Maud’

La scrittrice e regista Rose Glass convive con il suo primo lungometraggio “Saint Maud” da più di sei anni, e ancor di più se si aggiunge il ritardo di un anno che il film ha visto grazie alla pandemia (il film è uscito negli Stati Uniti States nelle sale e componente aggiuntivo principale il 29 gennaio ed è ora disponibile all’indirizzo Apice). La storia profondamente dolorosa di un’infermiera di nome Maude, la cui fede religiosa appena scoperta l’ha portata all’estremo mentre si intrufolava nella testa di Glass per molto più tempo, deriva dalla sua scuola cattolica e dal suo interesse per come i nostri mondi interiori possono essere enormi. È diverso da quello che offriamo esternamente.

“Trovo questa lacuna davvero interessante”, ha spiegato Glass, parlando a Londra lo scorso marzo prima che la data di uscita del film negli Stati Uniti fosse posticipata più volte. “Quello che ho sempre amato del cinema è come, forse più di ogni altro mezzo, questo ti permette di metterti nella testa di qualcun altro. Sapevo nel mio primo film che volevo fare qualcosa di molto soggettivo”.

Glass ha iniziato a scrivere la sceneggiatura dopo essersi diplomata alla National School of Film and Television in Gran Bretagna nel 2014, sviluppando l’idea nel suo tempo libero e alla fine portandola all’emittente Film4, che ha messo la storia in sviluppo nel 2016. Glass aveva realizzato diversi cortometraggi e film sperimentali in passato e sono cresciuto ammirando registi tra cui David Cronenberg, John Waters e David Lynch, che fanno film che “tendono ad essere strani e psicopatici”. In un primo momento, ho immaginato “Saint Maud” come due feste tra Maud e Dio.

“Quando ho iniziato a scegliere la storia, ho cominciato a chiedermi cosa stesse succedendo nella vita di Maude e perché il suo rapporto principale con quella voce fosse nella sua testa”, osserva Glass, che vede il film come uno “strano” film dell’orrore. “Si è evoluto da lì.”

Il regista Carmel Cochran, che ha interpretato “The Witch” e “The Lighthouse”, ha portato l’attrice gallese Morfydd Clark a un’audizione all’inizio del 2018, prima che Glass completasse la sceneggiatura. Glass ei suoi produttori erano consapevoli che il successo o il fallimento del film dipendeva dalla possibilità di trovare il Mudd giusto, e sentiva che scegliere Clark sul posto era inevitabile.

“Posso vedere [Maud] Clark ha detto al telefono il mese scorso dalla Nuova Zelanda, dove stava girando la serie TV “Il Signore degli Anelli”. Il personaggio lascia misteriosamente il suo lavoro in un ospedale per prendersi cura di un’ex ballerina morente di nome Amanda (Jennifer Elle) in una fatiscente città costiera in Inghilterra. È una donna sola che peggiora quando cade nella pazzia e sbaglia nella sua sincerità, poiché sposta la sua fede in luoghi profondamente inquietanti e autodistruttivi.

READ  Before Fiddler celebra la ricchezza della musica di Klizmir e il mondo del compositore Sholem Alishim | notizia

“Aveva semplicemente molto senso per me”, ha aggiunto Clark. “Il testo metteva in evidenza cose che, se avessi la capacità di scrivere, vorrei evidenziare. Spesso leggi cose davvero buone, ma non sempre ti sembrano personali. Sono cresciuto con metà della mia famiglia completamente religioso, totalmente cattolico, e non sono Allo stesso modo, ho sempre pensato: “E se improvvisamente credessi in Dio?”

Le foto delle star Jennifer Elle e Morphed Clark, con la regista Rose Glass, al centro, sono state scattate al Toronto International Film Festival 2019.

(Jay L. Clendenen / Los Angeles Times)

Glass, su suggerimento di Cochrane, ha offerto a Ehle il ruolo di Amanda senza nemmeno incontrare l’artista di origine americana (Ehle è la figlia dell’attrice britannica Rosemary Harris e dello scrittore americano John Ehle). Inizialmente aveva scritto Amanda come una donna britannica più anziana, ma l’idea di avvicinare Maud e Amanda in età era attraente e serviva a far luce su come le due donne molto diverse fossero alle prese con la solitudine e il desiderio di sfuggire alla realtà.

“Ciascuno pensa in modo fuorviante di poter aiutare l’altro, ed entrambi si fraintendono completamente”, ha spiegato Glass. Viviamo tutti nello stesso mondo reale, ma lo sperimentiamo personalmente attraverso questi corpi carnosi in cui siamo bloccati. [in] Questi sono i nostri cervelli. “

“Non abbiamo la possibilità di vedere [two women] “Accendono spesso lo schermo insieme in questo modo”, ha detto Ehle il mese scorso da New York. L’attrice è arrivata solo tre giorni prima della produzione e si è diretta direttamente dall’aeroporto per installare un velo. “Parlare con un regista interessato a vederlo ed esplorarlo, insieme a questo scenario, ci ha dato molte possibilità. Sono solo due donne molto interessanti e diverse, e la dinamica sembra avere molto potenziale. Ed è fantastico interpreta una donna che non deve recitare “.

Girato per cinque settimane alla fine del 2018, l’interno è stato girato a Londra e l’esterno è stato girato nella città costiera dell’Inghilterra settentrionale di Scarborough. Sebbene stia girando nel momento presente, l’estetica rigida, esagerata dal direttore della fotografia Ben Fordsman (che ha anche debuttato), sembra senza tempo, con ispirazioni tratte da classici come Persona e Via Dark Glass di Ingmar Bergman “. Il team ha utilizzato il maggior numero possibile di effetti pratici e tutte le scene contenenti movimenti acrobatici o effetti visivi sono state presentate con cura.

READ  La quarta stagione di Fargo è una storia segreta degli Stati Uniti che viene raccontata attraverso famiglie criminali

“L’aspetto e l’atmosfera del mondo erano qualcosa di molto specifico per me”, ha detto Glass. “Anche prima di finire la sceneggiatura, ho collezionato moodboard. A causa del tipo di film che mi piacciono e del tipo di tensione e atmosfera che volevo ottenere, hai bisogno di molta pianificazione. Una delle cose che abbiamo provato non resta che far diventare gradualmente lo stile visivo del film sempre più esagerato e stilizzato. Quando si scende nella follia. È una storia intima e personale, ma volevamo raccontarla su una scala cinematografica epica “.

Ha aggiunto: “Il mio tono di voce era una delle cose di cui ero più consapevole mentre cercavo di correggerlo. Potrebbe facilmente diventare molto melodrammatico o semplicemente sciocco. Entrambi. [Clark and Ehle] Gli attori sono disinvolti, quindi anche se li ho costretti a fare tutte queste cose folli, sono riusciti ad ancorarlo a emozioni molto umane “.

Una donna che si appoggia il mento contro la mano mentre si siede in un bar con un bicchiere di birra.

Morphed Clark nel film “Saint Maud”.

(Filmati A24)

Glass ha continuato a scolpire la storia durante le sei settimane di montaggio, durante le quali ha scritto scene aggiuntive e ha deciso di girare altri cinque giorni. Mi sono reso conto che, sebbene la pianificazione fosse essenziale per ottenere il film giusto, doveva esserci una certa flessibilità sia nella preparazione che durante la post-produzione per assicurarsi che tutto si materializzasse il più possibile.

Il regista ha detto: “Penso che mentre scrivevo mi sentissi molto teso, teso e nervoso, e ad un certo punto ne ho avuto paura”. “Vuoi controllare ogni momento in esso. Sei così ossessionato da questo. Ma quando ho iniziato a filmare, avevo attraversato questa impostazione e all’improvviso tutte queste altre persone ci stavano lavorando e sembrava più reale . Sono stato in grado di lasciar andare le cose. Devi andare avanti. “Rispondi alla cosa che stai facendo di fronte a te.”

Clark ed Elle affermano entrambi come Glass abbia il controllo sulla sua visione, senza averne il controllo.

“Mi piace molto lavorare con persone che non hanno aspettative di molte altre persone che dipendono dal loro lavoro”, ha detto Ehle, che non aveva paura di assistere al film del regista per la prima volta. “Mi piace lavorare con persone che possono fare ciò che vogliono e ottenere ciò che vogliono. Per fare questo, puoi stare con qualcuno che gira il loro primo film o puoi stare con un regista come [Steven] Soderberg o [Kathryn] Bigelow. Questi sono i tempi in cui è davvero divertente servire la visione di qualcuno. ”

READ  L'elenco dei compleanni famosi di oggi, 21 marzo 2021, include le celebrità Rosie O'Donnell e Gary Oldman

Sebbene Santa Maud rifletta sulla fede, la fede cristiana in questo caso non è necessariamente ruminante. È alle prese con la salute mentale – a Maud chiaramente non sono stati diagnosticati diversi casi – e chiede perché una donna potrebbe spingersi così lontano per sottomettersi a un potere superiore.

“Non mi è mai interessato che fosse una storia sulla sua illusione da parte di una comunità di compagni di fede o qualcosa del genere”, ha spiegato Glass. “È qualcosa di completamente privato [for her]Ovviamente, sta creando la sua versione distorta del cristianesimo. La vita è caotica, complicata e caotica ed è facile capire perché le persone guardano a tutti i tipi di cose – una religione – per cercare di capire il mondo e il loro posto in esso. Cerca i rischi quando qualcuno si allontana troppo dal resto del mondo e dal resto della società e si sente sottovalutato e come ci si può rivolgere all’estremismo “.

“Ho trovato sorprendentemente facile entrare nella testa di Maud”, ha detto Clark. “Non so se questo fosse un problema con me o se questa fosse la meraviglia di scrivere Rose o entrambe le cose. Abbiamo tutti la capacità di essere la nostra versione di Maud. Grazie a Dio, o grazie allo stato sociale, c’è non siamo più noi. Non mi sentivo come se fosse. Ad alcune persone il più lontano possibile “.

Morphed Clark, dal film "Saint Maude"

Morphed Clark

(Jay L. Clendenen / Los Angeles Times)

Glas ha trascorso l’ultimo anno a scrivere un nuovo film con la sua collega alla National School of Film and Television, Yronika Toveelska, che sperano di girare quest’anno, ma “Mood” è qui per restare. Il film è uscito nelle sale cinematografiche nel Regno Unito a ottobre prima che il paese tornasse al blocco (è stato precedentemente mostrato ai festival cinematografici di Toronto e Londra nel 2019). È stato ritardato negli Stati Uniti così tante volte che Glass riusciva a malapena a seguirne il corso, lasciandola incapace di contemplare l’apertura del film con una prospettiva reale.

“L’uscita del tuo primo film è davvero pazzesca comunque, e dopo è successo tutto”, ha detto in un follow-up il mese scorso. Dato che era così vicino ad andare avanti in questo periodo l’anno scorso, sembrava troppo grande e snervante, ma tutto è rapidamente diminuito rispetto a tutte queste cose che stavano accadendo nel mondo. Sono sicuro che sarebbe comunque strano, ma non ho niente con cui misurarlo. “

“L’ho trovato ora [the film] “Sembra avere più importanza che mai in termini di conversazioni sulla salute mentale e sugli operatori sanitari”, ha detto Clark. “Ho pensato molto a Mood tra tutto questo”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x