Perché scegliere la giusta posizione per l’Artemis Base Camp on the Moon è una sfida per NASA-Edexlive

Mentre la NASA prevede di far atterrare la prima donna e il prossimo uomo sulla luna entro il 2024 utilizzando il programma Artemis, scienziati e ingegneri stanno aiutando la NASA a determinare la posizione esatta del concetto del campo base di Artemis poiché è necessario prendere in considerazione diversi fattori per scegliere il corretto Posizione.

Tra le tante cose, la NASA dovrebbe tenere in considerazione quando si sceglie un particolare sito due caratteristiche principali: il sito deve trovarsi in una luce solare quasi costante per far funzionare la base e fluttuazioni di temperatura moderate, e dovrebbe fornire un facile accesso a intere aree. L’oscurità che trasporta l’acqua ghiacciata.

Nel 2024, gli astronauti americani muoveranno i primi passi vicino al polo sud della luna: la terra di luce intensa, oscurità estrema e acque gelide che potrebbero alimentare la base lunare della NASA ad Artemide e il salto dell’agenzia nello spazio profondo.

Mentre la regione antartica ha molte aree ben illuminate, alcune parti vedono più o meno luce di altre.

Gli scienziati hanno scoperto che ad alcune altitudini più elevate, come i bordi di un cratere, gli astronauti vedono periodi di luce più lunghi.

Ma il fondo di alcuni crateri profondi è avvolto da un’oscurità quasi permanente poiché la luce solare colpisce il Polo Sud con un angolo così basso che ne rimuove solo i bordi.

Queste condizioni di illuminazione uniche sono legate all’inclinazione della luna e alla topografia della regione antartica.

A differenza dell’inclinazione della Terra di 23,5 gradi, la Luna è inclinata solo di 1,5 gradi sul suo asse.

Di conseguenza, nessuno dei due emisferi è inclinato così notevolmente verso o lontano dal sole durante tutto l’anno come sulla Terra, un fenomeno che qui ci dà stagioni più luminose e più scure.

READ  Fossili: il più grande uccello incapace di volare che visse in Australia 50.000 anni fa e pesava fino a 1.323 libbre

Ciò significa anche che l’altezza del sole nel cielo ai poli della luna non cambia molto durante il giorno.

Se qualcuno fosse in piedi in cima a una collina vicino al polo sud della luna durante le ore diurne, in qualsiasi momento dell’anno, vedrebbe il sole muoversi all’orizzonte, sfiorando la superficie come una torcia stesa su un tavolo.

“È un terreno drammatico lì”, ha detto W. Brent Garry, un geologo presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, in una dichiarazione.

Gary lavora con gli ingegneri in un tour in realtà virtuale del polo sud della luna per aiutare a immergere astronauti, scienziati e pianificatori di missioni nell’ambiente alieno di quella regione mentre si preparano per il ritorno di un uomo sulla luna.

Mentre il sito del campo base richiederà molta luce, è anche importante che gli astronauti siano in grado di fare brevi viaggi nei crateri permanentemente bui.

Gli scienziati ipotizzano che questi crateri ombreggiati ospitino serbatoi di acqua ghiacciata che gli esploratori possono utilizzare per sostenere la vita.

“Un’idea è quella di allestire un campo in un’area illuminata e attraversare questi crateri estremamente freddi”, ha detto lo scienziato planetario della NASA Daniel P. Moriarty, che è stato coinvolto nell’analisi del sito antartico e del team di pianificazione della NASA.

Le temperature in alcuni dei crateri più freddi possono scendere fino a circa meno 235 gradi Celsius.

I piani iniziali prevedono l’atterraggio di un veicolo spaziale su una porzione relativamente piatta del bordo di un cratere o di una cresta ben illuminata.

“Vuoi atterrare nella zona più debole possibile, perché non vuoi che il mezzo da sbarco si capovolga”, ha detto Moriarty.

READ  La NASA condivide un'immagine di Curiosity mentre naviga sul Monte Mercko

Idealmente, la zona di atterraggio dovrebbe essere separata dalle altre caratteristiche principali del campo, come l’habitat o i pannelli solari, di almeno mezzo miglio o un chilometro.

Devono inoltre essere posizionati a un’altitudine diversa per evitare che un lander di un veicolo spaziale spruzzi detriti ad alta velocità su apparecchiature o aree di interesse scientifico.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x