Più di 1.000 rifugiati sbarcati in operazioni di soccorso in Italia | Notizia

Più di 1.000 rifugiati sbarcati in operazioni di soccorso in Italia |  Notizia

La Guardia Costiera ha detto che l’importante operazione di salvataggio è iniziata dopo che tre barche sono state viste alla deriva al largo delle coste italiane.

Più di 1.000 persone sono state portate in salvo in due porti italiani dopo che le barche sovraffollate su cui si trovavano hanno avuto problemi nel Mediterraneo, quasi due settimane dopo che almeno 74 persone sono morte in un naufragio, ha detto la guardia costiera italiana.

La guardia costiera ha detto sabato che sta terminando un’importante operazione di salvataggio iniziata venerdì dopo che tre barche sono state viste alla deriva al largo delle coste italiane. Uno era a sud della città di Crotone in Calabria e l’altro a sud, al largo di Roccella Ionica.

I video della Guardia Costiera hanno mostrato un grande peschereccio che ondeggiava avanti e indietro in mare agitato di notte con dozzine di persone visibili sul ponte. Altre foto mostravano gommoni di soccorso che si avvicinavano a un altro peschereccio pieno di gente.

La guardia costiera ha detto che le 487 persone a bordo della prima imbarcazione sono state portate in sicurezza al porto di Crotone intorno alle 02:00 GMT di sabato mattina.

Ha aggiunto che è stata completata un’altra operazione di salvataggio, durante la quale 500 persone sono state trasferite in salvo a bordo di una nave della guardia costiera. L’agenzia di stampa ANSA aveva riferito in precedenza che la nave era attraccata nel porto di Reggio Calabria.

Ha aggiunto che due motovedette della guardia costiera hanno soccorso una terza imbarcazione che trasportava 379 persone e trasferito i profughi su una nave della marina militare diretta al porto di Augusta in Sicilia.

READ  Nuove leggi mirano a reprimere anche forme moderate di protesta in Russia

Indagine sul naufragio

Il corpo di una bambina è stato ritrovato sabato vicino a dove la nave è affondata il 26 febbraio, portando il bilancio delle vittime di quel disastro a 74. 79 persone sono sopravvissute al naufragio, ma circa 30 sono ancora disperse, presumibilmente morte.

Le Nazioni Unite stimano che quest’anno siano morti finora 300 rifugiati nel Mediterraneo centrale.

Il governo di destra guidato dal premier Giorgia Meloni è stato aspramente criticato per non essere intervenuto in tempo per salvare il naufragio del 26 febbraio, avvenuto al largo della Calabria.

I pubblici ministeri stanno indagando se le autorità italiane avrebbero dovuto fare di più per prevenire il disastro. La Meloni respinse la proposta e ambiva a dare tutta la colpa ai trafficanti.

Un funzionario di Aspokis con Sea Watch International, un’organizzazione tedesca che gestisce imbarcazioni di soccorso nel Mediterraneo, ha affermato che le autorità italiane sono state sopraffatte.

“Non vogliamo davvero incolpare la Guardia Costiera italiana perché ha fatto un ottimo lavoro negli ultimi due giorni, ma è anche ovviamente molto travolgente”, ha detto Felix Weiss.

Ha descritto la situazione nel Mediterraneo come “completamente caotica”.

“L’8 marzo abbiamo assistito a 19 casi di emergenza. Altri 14 il 9 marzo e sei ieri. Abbiamo anche assistito a due naufragi, uno davanti alla Tunisia e l’altro davanti a Lampedusa, dove almeno una donna è annegata».

Giovedì la Meloni ha convocato una riunione di gabinetto a Cutro, vicino al luogo del disastro, e ha annunciato un nuovo decreto con pene detentive più severe per i trafficanti di esseri umani, ma nessuna nuova misura per aiutare a salvare vite umane.

READ  Donna dell'Alaska che usa una dependance attaccata da un orso, dal basso - notizie dal mondo

Il suo partito di estrema destra, Fratellanza d’Italia, che ha vinto le elezioni lo scorso anno, ha promesso di frenare gli arrivi, ma l’Italia ha recentemente assistito a un forte aumento dei rifugiati che cercano di raggiungere le sue coste attraverso la pericolosa traversata del Mediterraneo.

Il Ministero dell’Interno afferma che più di 17.500 persone sono arrivate via mare finora quest’anno, quasi il triplo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x