“Quando la Scozia otterrà l’indipendenza, faremo l’Eurovision Highlands”.

“Quando la Scozia otterrà l’indipendenza, faremo l’Eurovision Highlands”.

Sognando sempre di esibirsi nella competizione, i fratelli Tommy e Conor Reilly – rispettivamente regista e musicista – hanno collaborato con il cantautore Michael Cassidy e il produttore Mark Bignell per presentare frettolosamente una canzone per la piccola nazione grande all’incirca quanto Dundee.

Il loro caotico viaggio verso la fase di qualificazione di San Marino è stato raccontato in un documentario della BBC Scotland questa settimana intitolato How Not to Win Eurovision, che li ha visti non riuscire a raggiungere le semifinali del paese.

Ma Connor e Michael hanno insistito sul fatto che non avevamo visto l’ultimo membro del gruppo, che si chiama Heartlands in onore di un villaggio vicino a Harthill Services che Michael stava attraversando quando è stato invitato a far parte dello spettacolo.

Il duo ha detto che il loro vero sogno è esibirsi per la Scozia quando otterrà la sua indipendenza.

Per saperne di più: Hamza Yusuf “fa perdere tempo al Parlamento” proponendo l’incoronazione

“Gonne con paillettes”

Michael ha detto al National: “Parte del motivo per cui lo stiamo facendo è perché la Scozia non ha un proprio accesso. Sarebbe in una Scozia indipendente.

“Un giorno accadrà e ne abbiamo già parlato. Vogliamo andare là fuori con gonne di paillettes e provarci davvero. Il primo anno in cui la Scozia otterrà l’indipendenza, torneremo ai massimi livelli e la vinceremo 100%.”

Connor, 29 anni, ha aggiunto: “È divertente che non abbiamo un nostro ingresso perché la Scozia ha una forte eredità musicale e penso che sia distinta dall’Inghilterra e dal resto del Regno Unito.

“È davvero famoso per la musica e penso che sia un peccato che questo paese non abbia questa opzione [of entering Eurovision as Scotland].

“Penso che l’Europa lo adorerebbe, e penso che l’Eurovision adorerebbe se ci fosse uno spettacolo scozzese lì”.

La Scozia è “distinta” dal resto del Regno Unito

Anche se la Scozia attualmente fa parte del Regno Unito, la coppia ritiene che il paese dovrebbe avere un proprio ingresso a causa della sua identità culturalmente distinta.

Michael, 36 anni, ha dichiarato: “Il Regno Unito è composto da quattro paesi ben distinti. La musica gallese è molto diversa da quella inglese, e l’Inghilterra ha comunque le sue peculiarità. Anche la Scozia ha una sua identità.

“Penso che sarebbe una competizione più ricca se gli Stati membri vi partecipassero individualmente”.

Alla domanda se la Scozia debba ora avere un proprio ingresso, Conor ha aggiunto: “Sì, assolutamente. In termini di musica e cultura, penso che la Scozia sia la più forte qui.

The National: Michael Cassidy, Conor Reilly e Tommy Reilly sperano di esibirsi per la Scozia all'Eurovision un giorno Michael Cassidy, Conor Reilly e Tommy Reilly sperano di esibirsi un giorno per la Scozia all’Eurovision (Foto: InQ)

L’idea di provare ad accedere alla competizione attraverso un percorso diverso è venuta da Mark, che aveva sempre desiderato vivere un’avventura all’Eurovision ma non aveva le capacità musicali per realizzarla.

È stato allora che ha proposto l’idea a Tommy e Connor – il primo dei quali aveva vinto un Emmy due anni fa per il suo lavoro sulla musica della serie televisiva americana Animaniacs – dopo essersi imbattuto in San Marino, che aveva una procedura di candidatura aperta.

“È così stupido che ti entra in testa.”

Il documentario della BBC ripercorre come poi hanno inventato una canzone che hanno chiamato “Accelerator” – il cui significato deriva da una nota vocale registrata da Connor che diceva “Se dici che vuoi vedermi più tardi, metterò piede giù”. ‘. “Acceleratore.”

“Avevo un’idea per una canzone che parlava di immaginare qualcuno ma anche di essere in macchina, e questa è la cosa più profonda che ho avuto”, ha detto Connor.

“C’è qualcosa di così stupido che ti entra in testa. Penso che se provi a essere serio a volte ti metti in mezzo.”

Il gruppo ha lasciato il lavoro fino a due giorni prima di recarsi a San Marino per scrivere la canzone e l’ha comunque terminata pochi istanti prima dell’audizione. Michael ammette ancora adesso di non ricordare alcune parole.

Ma mentre scendevano dal palco dopo lo spettacolo, Tommy e Michael – che hanno eseguito la melodia – sentivano di aver fatto abbastanza per raggiungere le semifinali, che saranno trasmesse dalla televisione nazionale. Alcuni giudici hanno addirittura detto loro che avrebbero continuato.

Tuttavia, alla fine, non ce l’hanno fatta e il processo di selezione li ha lasciati stanchi.

“All’inizio saremmo dovuti andare direttamente in semifinale, ma all’ultimo minuto ci hanno detto che dovevamo qualificarci, e si è scoperto che era perché hanno cambiato la scadenza per le iscrizioni e hanno tolto così tanto alla competizione italiana che non potevano non sono qualificati”, ha detto Connor. Italia.

“Così hanno spostato tutti i semifinalisti e i finalisti direttamente in questa competizione. Quindi, anche se nelle audizioni che abbiamo visto pensavamo di essere i più forti, c’erano molti artisti che non avevano bisogno di fare l’audizione e che sono risultati i vincitori di The Voice e le aziende affermate avevano una vera possibilità [including Eiffel 65 who had a hit in 1998 with Blue (Da Ba Dee)]

“Così il posto che pensavamo fosse destinato a noi è finito per andare ad uno spettacolo che non era presente nelle audizioni.

“Era strano, il fatto che non fossimo entrati non rifletteva come mi sentivo nella stanza.”

Michael ha aggiunto: “Non siamo necessariamente giovani ed entusiasmanti per avere una possibilità all’Eurovision. Pensiamo che se lo facessimo di nuovo potremmo attirare i più giovani, ma saremmo molto indietro”.

Per saperne di più: Graham Smith di The Republic si scontra con Kay Burley su Sky News

Connor ha scherzato dicendo che il gruppo potrebbe boicottare la finale di sabato a Liverpool dopo essersi sentito un fallimento, ma sanno che non possono perdersi la festa più grande dell’anno.

Connor ha aggiunto: “Guarderò come faccio sempre, organizzando una festa da qualche parte a casa di un amico.

“La gente pensa che siamo davvero entusiasti delle canzoni dell’Eurovision e non è proprio così, ma facciamo sempre una festa. La vediamo come una scusa per festeggiare molti paesi diversi. Volevamo farne parte.

“Forse un giorno lo saremo ancora. L’Australia è in viaggio, quindi perché non può farlo la Scozia?”

READ  Eurovision 2022: canali, streaming gratuiti e ora di inizio

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x