Quartararo guida la Petronas SRT 1-2 a Misano

Le fasi iniziali delle FP2 sono state piuttosto frenetiche, scambiando i migliori sport cinque volte durante i primi 15 minuti di corsa.

Alex Rins ha stabilito il punto di riferimento sulla sua Suzuki a 1m34.050s, che è stato rapidamente sconfitto dal debuttante Tech3 Iker Lecuona con 1m33.998s.

Il concorrente delle FP1, Yamaha Maverick Vinales, ha continuato il suo lavoro sul telaio posteriore duro che ha concluso l’apertura, sparando in cima alla classifica di 1m33.817s – davanti alla KTM di Pol Espargaro di 1m 33.769 secondi.

Quartararo è sceso a 1m33.370s sulla sua Petronas SRT Yamaha, anche se Joan Mir su Sister Suzuki è andato più veloce con 1m33.236s.

Rins e Quartararo sono tornati a posto con la sessione che entra nel secondo tempo, anche se il Vinales si è ristabilito di nuovo come il più veloce con 1m32.928 secondi a poco più di 14 minuti dalla fine su una gomma posteriore solida con 23 giri su di essa.

Nelle fasi finali della sessione, le schermate dei tempi hanno iniziato ad illuminarsi poiché gran parte del campo è iniziata con attacchi a tempo su gomma fresca.

Dopo essere caduto nella sesta curva con 26 minuti rimanenti, Brad Bender ha guidato la sua KTM a 1 minuto 32,920 secondi con quattro minuti per diventare il più veloce di sempre.

Non è durato molto, però, visto che Morbiddelli ha battuto quel giro con 1m32.367s.

Questo è stato minacciato dal compagno di squadra Quartaro nell’ultimo giro, poiché il francese ha segnato il miglior tempo della giornata con un minuto 32 minuti 189 secondi per finire venerdì, la giornata più veloce di sempre.

READ  'Invincibile': Milva, l'amata cantante italiana, muore all'età di 81 anni

Espargaro non ha battuto il secondo Morbidelli sulla KTM, mentre la Lecuona ha continuato a brillare al quarto posto davanti a Valentino Rossi, che ha messo l’1m32.732 sul telaio centrale al posto della gomma morbida.

Vinales è tornato al sesto posto alla fine, con Danilo Petrucci della Ducati è arrivato ottavo, davanti a Binder e Phil Styrian JP Miguel Oliveira, assicurando che tutti e quattro i giocatori KTM raggiungessero la top ten nelle FP2.

Alex Espargaro è arrivato terzo nelle fasi finali in Aprilia, ma ha concluso la decima sessione con una vittoria su Andrea Dovizioso – che sembrava affrontare drammi più artistici – sul fratello Ducati lanciato di 0,009 secondi.

Suzuki non ha raggiunto la top ten nei tempi combinati rispettivamente al 13 ° e 15 ° posto, e Takaki Nakagami è stato il pilota più veloce della Honda al 12 ° posto sulla sua moto LCR di due anni.

Al rientro Francesco Bagnaya ha chiuso 17 ° a sue spese, Braamac Ducati, alle spalle del compagno di squadra Jack Miller, mentre Tito ha concluso in campo il pareggio del giocatore dell’Aventia.

MotoGP Misano Prove libere 2 Risultati

POS Ryder Squadra La differenza
1 Fabio Quartararo Yamaha Petronas 1 mese 32,189 secondi
2 Franco Morbidly Yamaha Petronas 0,178 secondi
3 Paul Aspararo KTM 0.287s
4 Iker essere Tech3 KTM 0,486 secondi
5 Valentino Rossi Yamaha 0.543s
6 Renegade Vinales Yamaha 0,553 s
7 Danilo Petrucci Ducati 0,636 secondi
8 Brad Binder KTM 0.731s
9 Miguel Oliveira Tech3 KTM 0.746s
10 Alex Espargaro Aprilia 0.747s
11 Andrea Dovizioso Ducati 0.756s
12 Takaki Nakagami Honda LCR 0.786s
13 Alex Raines Suzuki 0,826 secondi
14 Johan Zarco Ducati Aventia 0,860 secondi
15 ° Joan Mir Suzuki 0.935s
16 Jack Miller Pramac Ducati 1.179 secondi
17 Francesco Bagnaya Pramac Ducati 1.211 secondi
18 Bradley Smith Aprilia 1.379s
19 Stephan Bradel Honda 1.442
20 Cal Crutchlow Honda LCR 1.507 secondi
21 Alex Marquez Honda 1.617s
22 Tito Lace Ducati Aventia 1.734s
READ  Il picco di fioritura si verifica con le rose Huntington - NBC Los Angeles

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x