Questo esperto di tecnologia di 86 anni soprannominato “Mr. iPhone” ha iniziato a insegnare lezioni di informatica agli anziani della sua comunità e ha cambiato il modo in cui le persone interagiscono con le loro famiglie

Questo esperto di tecnologia di 86 anni soprannominato “Mr. iPhone” ha iniziato a insegnare lezioni di informatica agli anziani della sua comunità e ha cambiato il modo in cui le persone interagiscono con le loro famiglie

Andy Petro, 86 anni, viene fermato dai vicini sei volte al giorno nella sua comunità per anziani a Roseville, in California. Un vicino non può leggere i suoi messaggi di testo. Un altro non può cambiare con la sua luminosità e una donna vuole imparare come trasmetterla nipote Palloncini di buon compleanno sullo schermo.

“Era come se avessi aperto un negozio di caramelle, e tutte le caramelle erano gratis”, dice Pietro, che ammette umilmente di poter risolvere il 90% dei problemi legati ad Apple che incontra.

Recentemente una donna ha fermato Pietro mentre era seduto a cena perché non poteva ricevere chiamate. Pietro era alla sua porta nel giro di un'ora. “Questo li evita semplicemente di dover scendere mela negozio”, dice Petro fortuna. “Ora può telefonare. Che carino.”

Sebbene sia noto alla sua famiglia come Andy, è spiritoso e spiritoso per i suoi compagni anziani della Sonrisa Senior Living.

Oltre a dargli un colpetto sulla spalla per chiedere aiuto all'ultimo minuto, le persone trovano il tempo per ascoltare i discorsi tecnici di Pietro. In qualità di presidente dell'Apple Club del Senior Center, un'organizzazione per persone che vogliono sfruttare al massimo le funzionalità del proprio iPhone, Petro ospita mensilmente un corso di teatro comunitario della durata di un'ora con 20-25 vicini di età compresa tra 75 e 95 anni. Risponde alle domande, spiega nuove funzionalità o aggiornamenti e offre consigli sui modi migliori per comunicare (è sicuro di avere lui stesso le ultime versioni). In qualità di professionista ed educatore tecnologico di lunga data, ama restituire e aiutare le persone a sentirsi sicure riguardo alle nuove forme di comunicazione che invecchiano.

READ  Il nuovo trailer Balan Wonderworld fa il suo debutto con Boss e un gioco aggiuntivo »TechnoCodex

“Dato che il mio cervello funzionava ancora, ho portato tutta la mia conoscenza e sono diventato Mr. iPhone”, dice.

Dopo essersi arruolato nel Corpo dei Marines alla fine degli anni '50, Pietro fu incoraggiato a studiare elettronica prima di trasferirsi in una base in Giappone. Dopo essere tornato dal servizio, trovò lavoro nel settore dell'aviazione nel sud della California. Nei decenni successivi, tra lavori e startup, ha anche tenuto corsi di tecnologia e sistemi aziendali. Quando negli anni '70 apparve il primo dispositivo Apple, lui era tra i clienti più entusiasti.

“Mi sono innamorato dei prodotti Apple quando è uscito il primo”, dice dopo aver acquistato il sistema informatico Apple II Plus. Vide immediatamente l'effetto che ebbe su suo figlio, che soffriva di dislessia e non andava bene a scuola.

Dipendenti organizzati "Apple II", Museo Apple, il 5 giugno 2018, Praga, Repubblica Ceca.  (Foto di François Le Chon/Gamma Rafo tramite Getty Images)

Dipendenti dell'Ordinateur “Apple II”, Museo Apple, 5 giugno 2018, Praga, Repubblica Ceca. (Foto di François Le Chon/Gamma Rafo tramite Getty Images)

“È successo un miracolo”, dice. “Ora sa scrivere, e quando scriveva non aveva gli stessi problemi di dislessia che aveva quando scriveva con la matita in mano.”

Sebbene le nuove tecnologie abbiano avuto un impatto sulla sua famiglia, lo hanno anche incoraggiato a continuare ad apprendere e insegnare agli altri nel corso della sua carriera. Pertanto, insegnare nel suo centro per anziani non era lontano dai suoi vecchi ritrovi.

Dopo essere andato in pensione all'età di 70 anni, Pietro e sua moglie si trasferirono in una villetta a schiera in una comunità per anziani vicino alla loro famiglia. Lì, è stato presentato al primo club di Apple e ha fatto parte del consiglio di amministrazione per 15 anni. Quando è cresciuto e si è trasferito in una struttura per anziani, ha avviato il proprio club tecnologico per i residenti.

READ  Qual è lo scopo di sognare in Animal Crossing: New Horizons?

Anche se parte di ciò che insegna è relativamente inesperto, mette da parte il suo ego e aiuta i suoi vicini a trovare un Apple Store o un operatore per i loro telefoni quando il problema non è di sua competenza.

“Quando le persone vengono alle mie lezioni, sono così entusiaste di imparare qualcosa di nuovo, e poi si sentono bene e si sentono bene con se stesse”, dice, come se scattassero foto e mandassero messaggi alla famiglia. “È davvero qualcosa che permetterà loro di connettersi un po' meglio con i loro nipoti e i loro figli.”

Andy Petro, 86 anni, dice: Andy Petro, 86 anni, dice:

“Quando le persone vengono alle mie lezioni, sono così entusiaste di imparare qualcosa di nuovo, e poi si sentono bene e si sentono bene con se stesse”, dice Andy Petro, 86 anni.

Pietro sottolinea che le persone sottovalutano gli anziani e pensano che non vogliano conoscere gli ultimi aggiornamenti. Tuttavia, dice, molti sono ansiosi di trovare modi per semplificare la comunicazione e l'uso di nuove funzionalità, soprattutto per coloro che potrebbero avere il morbo di Parkinson e hanno bisogno di imparare a usare il riconoscimento vocale per ridurre la digitazione sullo schermo, ad esempio. “In ogni nuova versione che esce, ci sono effettivamente una serie di cose che sono utili per un 85 o 90 anni”, dice Pietro.

Non farebbe male a Pietro poter interagire con innumerevoli volti nuovi perché probabilmente verrà fermato decine di volte prima del prossimo capitolo ufficiale.

“Quando sono arrivato qui, ho detto: 'Chiunque sia interessato ad Apple, venga a trovarmi'”, dice.

Se hai storie personali di anziani over 80 che condividono lezioni di vita, trovano nuovi hobby e competenze e danno potere agli anziani, contatta alexa.mikhail@fortune.com

Questa storia è apparsa originariamente su Fortune.com

READ  Cosa vuoi vedere dai telefoni Pixel 7 e Pixel 7 Pro di Google?

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x