Romeo Dallaire esorta il Canada ad agire sul “genocidio” in Cina

Il tenente generale in pensione Romeo Dallaire esorta il governo canadese ad agire in risposta al “genocidio” commesso dal governo cinese contro la sua minoranza musulmana di uiguri.

Mercoledì, Dallaire ha dichiarato in un’intervista a CBC News: “Quando ci sono gravi violazioni dei diritti umani da parte di un paese … abbiamo tutti la responsabilità di entrarci e proteggerlo. L’abbiamo firmato. Il mondo lo ha firmato”. Rete politica di potere.

Dallaire, che ha guidato la missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in Ruanda durante il genocidio del 1994, ha detto che ci sono molte strade che il Canada e la comunità internazionale possono prendere per rispondere alle azioni della Cina, aggiungendo che l’uso della forza dovrebbe essere l’ultima risorsa.

Formare un’alleanza per pressare la Cina: Dallaire

Dallaire sta esortando il governo canadese a costruire una coalizione di altre potenze medie che la pensano allo stesso modo per fare appello alla Cina sulle sue violazioni e costruire una campagna di pressione per influenzare le azioni della Cina.

I commenti dell’ex peacekeeper sono arrivati ​​solo il giorno dopo Rapporto legale indipendente Ha concluso che il governo cinese sta compiendo un genocidio in corso nello Xinjiang.

Il governo canadese dice che esaminerà il rapporto, ma non sembra pronto a dichiarare la Cina colpevole di genocidio.

Il primo ministro Justin Trudeau e il suo governo sono stati riluttanti a usare la parola genocidio, sostenendo che sono necessarie ulteriori prove da indagini indipendenti.

Lo scorso mese , La Camera dei Comuni ha votato sull’etichetta La persecuzione della Cina contro gli uiguri e altri musulmani turchi è un genocidio.

READ  Il Papa incontra il leader sciita Sistani in visita in Iraq: Cardinale | Notizie di religione

La grande maggioranza dei parlamentari – compresa la maggior parte dei liberali che hanno partecipato – ha votato a favore del movimento conservatore che afferma che le azioni della Cina nello Xinjiang occidentale sono in linea con la definizione di genocidio contenuta nella Convenzione sul genocidio delle Nazioni Unite del 1948.

Il ministro degli Esteri Marc Garneau si è ufficialmente astenuto, mentre il primo ministro Trudeau e il resto del suo governo non si sono presentati per votare.

Dallaire ha detto che “l’interesse personale” ostacola l’impegno del governo all’azione.

“L’interesse personale e la riluttanza a rischiare di ritenere i grandi paesi responsabili di fare cose orribili continuano a prevalere”, ha detto Daller. “O è una grande nazione che crede nei suoi valori e in ciò che la sua scienza simboleggia, e molti sono morti per difenderli … O lo era o non lo era.

“Penso che ci sia bisogno di un corpo diplomatico molto rafforzato in questo paese per mostrare innovazione, mostrare coraggio, mostrare la capacità di trascendere il richiamo della nazione che siamo e … un pugno che va oltre il nostro peso.

“Penso che l’abbiamo fatto in passato, e mi piacerebbe vedere i membri del corpo diplomatico riconquistare quella posizione e aiutare a guidare i politici su questa strada”.

La Cina ha detenuto da uno a due milioni di uiguri in Cina in quelli che il governo chiama “centri di rieducazione”.

Il governo cinese ha negato le accuse di genocidio e violazioni dei diritti umani. L’ambasciatore cinese in Canada ha accusato i critici del suo paese di aver inventato la “menzogna del secolo”.

GUARDA: La Cina pubblica un rapporto sul reinsediamento forzato degli uiguri

Un rapporto del governo cinese, rilasciato involontariamente, spiega come gli uiguri e altre minoranze siano state reinsediate con la forza e riqualificate per nuovi lavori in quello che è visto come un tentativo di indebolire la loro cultura e ridurre la popolazione. 2:00

READ  Brawl a Londra mentre migliaia di persone si uniscono alle marce "kill the bill" in tutta la Gran Bretagna

Nell’ottobre 2020, la sottocommissione della Camera dei comuni sui diritti umani internazionali Ha concluso che la Cina sta commettendo un genocidio, Sostenendo che i residenti uiguri devono affrontare la detenzione di massa, il lavoro forzato, la dilagante sorveglianza statale, gli abusi fisici, psicologici e sessuali, la sterilizzazione forzata e l’aborto forzato.

Date le continue violazioni dei diritti umani contro gli uiguri, Dallaire ha detto che il Canada non dovrebbe partecipare alle Olimpiadi invernali di Pechino del 2022. “Non c’è logica in questo”, ha detto. “Non c’è continuità.”

“Se avessimo saputo nel 1936 quanto fosse realmente abusata la comunità ebraica e le altre società da parte di quel regime, avremmo ceduto alla partecipazione a un evento che dovrebbe presentare un high watermark a una nazione di fronte al mondo? Immagino che probabilmente non lo faremmo. Allora perché partecipi a questo? “

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x