‘Sanno che è una specie di spettacolo’: il sorridente Nick Kyrgios tiene delle masterclass | Wimbledon

Lo spettacolo di Nick Kyrgios continua con i sorrisi e l’australiano “vacanze” si è goduto la sua seconda vittoria a Wimbledon in due giorni. Kyrgios è stato uno dei cinque australiani a vincere il quarto giorno di tennis a Londra, con Jordan Thompson che ha ottenuto una grande vittoria sul giapponese Kei Nishikori.

Kyrgios, che pensava di essere fisicamente alle prese con la sua vittoria al primo turno su Ugo Humbert mercoledì, non l’ha guardata quando è tornato 24 ore dopo per distruggere una sfida vivace dell’italiano Gianluca Mager 7-6 (9-7) , 6-4, 6- 4.

È stato un trionfo accompagnato da molte risate e sorrisi – sia dal giocatore che dal suo fan club sul campo n. 3 – oltre che oltraggioso, poiché Kyrgios è stato prontamente perdonato per essersi scusato a lungo.

Sembrava perfino aver scoperto un nuovo allenatore perché aveva un ottimo rapporto con un tifoso seduto in campo che gli dava dei saggi consigli. Portando l’interazione del pubblico a un nuovo livello, ha chiesto dove tutti pensavano che avrebbe dovuto colpire il suo prossimo servizio e il suo nuovo mentore ha gridato: “Giù al centro!”.

Lo ha fatto – e ha servito subito un asso. “Ottima scelta!” Ha risposto, voltandosi e indicando il suo nuovo mentore la cui ricompensa alla fine della partita era ricevere il pallone che Kyrgios le aveva regalato.

Anche il suo primo sfogo di quattro caratteri dopo aver perso un punto, che lo ha visto guadagnare un reato di codice, lo ha deriso quando ha chiesto scusa. E quando discute – piuttosto gentilmente – per un fallo commesso contro di lui, termina il suo litigio con l’arbitro centrando un altro ace.

Tutti hanno potuto vedere che era di buon umore dal momento in cui, nella partita di apertura, ha servito un servizio scadente sotto l’ascella. Le cose sono migliorate, realizzando 29 ace e non rinunciando a un solo break point in 1 ora e 51 minuti.

Mager è stato eccellente, ma una volta che ha preso un vantaggio di 5-2 nel tiebreak del set di apertura, Kyrgios è stato inarrestabile, soprattutto con la sua incessante sospensione mentre correva via quanto fosse lento il campo come il Roland Garros di argilla.

“Mi sento come se quando vengono alle mie partite ora, sanno come sono”, ha detto Kyrgios. “Sono così eccitato. Sì, sanno che è una specie di spettacolo. Vogliono solo intrattenere”.

“Ho persone in prima fila che letteralmente mi istruiscono, come dirmi letteralmente: ‘Va bene, buona palla, grande rimonta, la prossima volta lavorerai, buona profondità.’ Sono tipo, ‘Amico, cosa sta succedendo Qui?”

“Sento solo di non esercitare più la stessa quantità di pressione su me stesso. Quando ero più giovane, era difficile affrontare tutte le critiche che tutti avevano su di me. Ad esempio, mi ha colpito così tanto che sono davvero depresso.”

“Ad esempio, non sono nemmeno venuto a Wimbledon e mi sono divertito. Non stavo abbracciando questo grande evento. Ora mi diverto quando sono lì. Respiro aria fresca”.

Thompson, che ha impiegato sei anni per segnare la sua prima vittoria a Wimbledon, ha avuto bisogno di un solo giorno per ottenere la sua seconda vittoria giovedì. L’ex campione degli US Open Sydney Nishikori ha stordito 7-5 6-4 5-7 6-3 per unirsi al connazionale James Duckworth e Kyrgios nel terzo turno.

Agla Tomljanovic, che ha rintracciato l’Ash Party numero uno al mondo, si è qualificata per i sedicesimi, lasciando Thompson a dichiarare: “Il futuro sembra luminoso – non credo che ci sia molto di sbagliato negli australiani”.

La vittoria di Tomljanovic è arrivata anche con l’aiuto dell’Italia sotto forma del suo fidanzato Matteo Berrettini, al quale stava accreditando qualche ispirazione dopo essere stata nutrita dalla francese Alice Cornet.

Berrettini, favorita per il titolo maschile che aveva già vinto la sua partita, sembrava darle una piccola spinta in campo dopo quel secondo set e ha continuato a segnare una vittoria per 6-4, 0-6, 6-3.

Duckworth ha raggiunto il terzo turno di un Grande Slam per la prima volta nella sua carriera di 12 anni dopo aver sconfitto l’ex semifinalista dell’All England Sam Querrey 7-5, 6-7 (7-4), 6. 3, 6-2.

Anche Duckworth è stato fantastico, tenendo Querry sulle spine con un sacco di pezzi ben piazzati, lasciando cadere i colpi e interrompendo la sua massiccia consegna cinque volte. Interpreterà poi Lorenzo Sonego, l’uomo battuto da Alex de Minaur nella finale di Eastbourne, mentre Thompson proverà le sue possibilità contro il numero 79 del mondo Ilya Ivachka.

Nel frattempo, la carriera di Mark Pullmans a Wimbledon si è conclusa alla sua quinta partita, quando si è trasferito al cileno Christian Garin. Il suo connazionale Alex Bolt è caduto nella speranza locale Cameron Norrie 6-3 6-1 6-2, la seconda volta che ha perso contro un britannico sul famoso campo n. 1 dopo aver perso contro Kyle Edmund tre anni fa.

READ  Una balena morta, che si dice sia "una delle più grandi" mai scoperte, è stata ritrovata al largo delle coste italiane

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x