Sarah Sanders, ex portavoce della Casa Bianca, è in corsa per la carica di governatore dell’Arkansas

Sarah Sanders, l’ex portavoce capo del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e uno stretto collaboratore, ha annunciato lunedì di essere in corsa per la carica di governatore dell’Arkansas e di competere per una carica politica anche se l’eredità dell’ex presidente è offuscata dall’accusa di impeachment che ha incitato il mortale assedio del Campidoglio degli Stati Uniti 6 gennaio.

L’ex segretario stampa della Casa Bianca, che ha lasciato l’incarico nel 2019 per tornare nel suo stato d’origine, ha lanciato la sua offerta meno di una settimana dopo la scadenza del mandato di Trump, mentre l’ex presidente deve affrontare un processo di impeachment.

Il suo annuncio rifletteva come si aspettava che i coesi elettori rossi dell’Arkansas avrebbero abbracciato, se non il suo discorso, l’ex presidente.

“Con la sinistra radicale che prende il controllo di Washington, il tuo sovrano è la tua ultima linea di difesa”, ha detto Sanders in un video che annunciava il suo tentativo. “In effetti, il tuo governatore dovrebbe essere in prima linea. Così oggi annuncio la mia candidatura a governatore dell’Arkansas.”

Era ampiamente previsto, la figlia dell’ex governatore Mike Huckabee, che Sanders si sarebbe candidata per la carica dopo aver lasciato la Casa Bianca – e Trump l’ha pubblicamente incoraggiata a farlo. Stava gettando le basi per correre e ha parlato con gruppi repubblicani in tutto lo stato.

Sanders si unisce alle primarie repubblicane che già includono due leader eletti in tutto lo stato, il luogotenente governatore. Tim Griffin e il procuratore generale Leslie Routledge. I tre sono in lizza per succedere al governatore in carica Asa Hutchinson, un repubblicano impossibilitato a correre il prossimo anno a causa dei confini statali. Nessun Democratico ha annunciato un tentativo di candidarsi al seggio.

READ  Indagine federale degli Stati Uniti: la protesta non si è dispersa sulla foto di Trump

Domande sulla credibilità come addetto stampa

Sanders ha lanciato il suo tentativo dopo settimane di rivolte da parte dei sostenitori di Trump nel Campidoglio degli Stati Uniti che hanno causato la morte di cinque persone. Più di 130 persone sono state accusate dell’ammutinamento, che aveva lo scopo di fermare la ratifica della vittoria del presidente Joe Biden su Trump.

Sanders è stata l’unica terza donna a servire come addetto stampa della Casa Bianca. Ma ha anche affrontato domande sulla sua credibilità durante il suo mandato come portavoce di Trump.

Durante il suo mandato di quasi due anni, il briefing televisivo quotidiano guidato dall’addetto stampa si è concluso dopo che Sanders si è scontrato ripetutamente con i giornalisti che l’hanno interrogata sulla politica amministrativa e indagando sul possibile coordinamento tra la campagna elettorale di Trump del 2016 e la Russia.

Era ampiamente previsto che Sanders, che è stato avvistato qui con l’allora presidente Donald Trump in Iowa a gennaio, si candidasse alla carica di governatore. (Jonathan Ernst / Reuters)

La tumultuosa uscita di Trump dalla presidenza potrebbe fare ben poco danno a Sanders, in Arkansas. I repubblicani detengono tutti i seggi statali e federali in Arkansas, oltre a forti maggioranze in entrambe le camere della legislatura.

Rosso forte

Trump ha vinto lo stato a novembre di 28 punti percentuali, uno dei margini maggiori nella sua sconfitta finale contro Biden. Il video pubblicitario di otto minuti di Sanders presenta immagini di Trump, insieme a riferimenti ai suoi obiettivi preferiti, come una “cultura dell’abolizione”, il socialismo e il Green New Deal.

Griffin e Routledge hanno passato mesi a mettersi davanti all’annuncio di Sanders, assistendo alle sponsorizzazioni dei migliori repubblicani dello stato e raccogliendo fondi. Insieme, i due hanno raccolto oltre 2,8 milioni di dollari.

La gara potrebbe diventare più impegnativa. Il senatore repubblicano Jim Hendrin, nipote di Hutchinson, sta valutando la possibilità di candidarsi per il seggio.

Sanders, che ha pubblicato un libro l’anno scorso e si è unito a Fox News come collaboratore dopo aver lasciato la Casa Bianca, sta entrando in gara con un posto ben al di sopra di entrambi i candidati. Rimane anonima su molte delle maggiori questioni dello stato, anche se nel suo annuncio ha chiesto di abbassare le tasse statali sul reddito e sospendere i finanziamenti per le città che violano le leggi sull’immigrazione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x